Nomine Vus: uscire dal dualismo Foligno-Spoleto

Fissare prima gli obiettivi e scegliere tra chi con competenza e professionalità è in grado di attuarli con logica imprenditoriale

Il gruppo Valle Umbra Servizi SpA è oggi una vera azienda, una realtà economica con un fatturato consolidato di 60 milioni di euro, che gestisce con oltre 350 dipendenti il servizio idrico, gas metano e rifiuti nei 22 comuni dell’Ati n.3, che sono anche gli azionisti della stessa Vus Spa.  Per lunedì 25 ottobre è convocata l’assemblea dei soci, con all’ordine del giorno le dimissioni del presidente Luca Barberini.

Vittorio Ciancaleoni

Alcuni dirigenti del Partito democratico di Spello si dicono fortemente preoccupati per l’assenza di un dibattito partecipato sugli obiettivi gestionali a cui la nuova presidenza della Vus dovrà guardare.  In particolare l’assessore Vittorio Ciancaleoni nell’ultimo direttivo del Pd spellano ha affermato: “E’ preoccupante il dualismo che c’è tra il comune di Foligno e quello di Spoleto, una contrapposizione tra i due maggiori soci che certo non può e non deve penalizzare gli altri 20 comuni soci azionisti ed i loro cittadini. Ci chiediamo: se ci fossero le professionalità richieste, perché come amministratori della Vus Spa non potrebbero essere individuate persone di Spello, di Nocera Umbra, di Trevi, di Giano o di altri comuni?  La modalità di scelta non può essere basata soltanto sul luogo di nascita o di residenza, bensì si deve puntare sulle capacità di una persona di essere un buon manager, di essere in grado di amministrare l’azienda pubblica secondo principi economici di maggiore efficienza gestionale, in grado di  rimodulare efficacemente le risorse umane, tecnologiche e finanziarie.  La Vus Spa ha di fronte una grande sfida nei prossimi anni, che è quella di essere in grado di operare al meglio in servizi fondamentali per la vita dei cittadini ed il loro futuro.  E’ per questo che per il gruppo Vus Spa non si può prescindere dall’adottare una gestione con logica imprenditoriale, rinunciando alla lottizzazione partitocratica delle nomine, individuando manager di provata competenza e capacità gestionali, in grado di garantire l’efficienza qualitativa dei servizi idrico integrato e di igiene urbana.  Continuare a gestire le nomine come momenti di una snervante partita di potere, tra sindaci, tra partiti, tra correnti, indispettisce i cittadini e allontana la soluzione dei problemi. E’ il momento invece di mettere al primo posto gli interessi dei cittadini, a cui non importa sapere da quale comune provengono o da quale cordata politica appartengono i nuovi amministratori della Vus, ma interessa avere servizi efficienti a costi accettabili. Ci vuole coraggio. La presidenza della Vus è un’occasione per la politica umbra di mostrare tale coraggio, soprattutto se si vuole restituire alla politica il rispetto della gente e la credibilità che sembra ormai aver perduto.”

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: