Amarsi

Breve racconto di Anna Pagnini

Anna Pagnini

Chi l’avrebbe mai detto che i nostri sguardi si sarebbero incontrati per poi rimanere di fronti l’uno all’altra.
Sei arrivata nella mia vita come un fulmine a ciel sereno, in quella giornata fredda ma con un sole pronto a riscaldare noi, tu così bella e sensuale hai catturato i miei occhi, lì pronti ad ammirare quella tua bellezza, profonda come un oceano, pronto a calarmi nei suoi abissi, come io arrivo nel profondo dei tuoi sensi e piaceri uscendo così allo scoperto in piena notte trovandoci strette sotto alla luna piena costellato di stelle.
Un ardente voglia ci travolge per sentirci vivi in un unico respiro.
Quel giorno io ti incontrai, non sono più riuscito a fare a meno di te, ti ho vista lì immobile quasi indifferente ma già qualcosa di sottile e invisibile ci univa..
Il tuo primo sorriso timido e diffidente si rivolse a me ed io sentì un brivido quello stesso brivido che tutt’ora ho nell’averti con me, nel fermarmi ad osservare quel tuo corpo avvicinarsi a me, le mani iniziano a tremare per la voglia che ho di stringerti a me.
La nostra storia fin dall’inizio ha avuto un qualcosa di magico di diverso, eri diventata la mia unica e più grande sfida di tutta la mia vita, dentro di me ogni giorno che passava mi convincevo che tu dovevi essere mia e che in qualche modo io sarei riuscito a rapire i tuoi pensieri, il tuo cuore, il tuo corpo e avere il tuo amore.. quel primo bacio me lo ricordo come se fosse stato ieri.. quella notte un po’ per gioco e un po’ per la voglia di cedere a questo mio sogno, trovai il coraggio di baciarti e da lì, da quel bacio, capì che mi amavi e mi volevi quanto ti volevo io.
Oramai non era più solo un gioco e quella malizia che ci si metteva nel provocarci per vedere una reazione, ora tutto è reale, riesco a mettere a fuoco tutto.
Un anno da quella prima volta è passato, ci siamo incontrati, conosciuti, ci siamo presi e lasciati ma mai separati, quella voglia di appartenersi ha sconfitto ogni nostra lontananza, le nostre litigate ed incomprensioni, ma sempre bisognosi l’uno dell’altro come una calamita..
Tu mi hai sempre detto i due poli opposti si attraggono, hai sempre saputo che io a queste teorie poco ci ho creduto, ma posso solo dirti che io ne credo solo ad una e sai quel’è!? NOI AMORE MIO questa è l’unica teoria certa che io so.. i giorni sono passati, tanti da quella prima volta, da quel primo bacio e dalla prima volta che le nostre mani si sono intrecciate e i nostri corpi si sono uniti diventando così la mia ragione di vita..
Io sono sempre stato un sognatore ma il mio sogno ora lo sto vivendo ed è quello di averti al mio fianco, di tenerti stretta a me, fra le mie braccia per farti addormentare felice e serena, vederci ridere, giocare osservare le tue facce buffe ai miei dispetti , al tuo prendermi con te e sentirti gridare AMORE è un qualcosa di unico che non ha prezzo, il tuo sorriso inizia a crescere e i tuoi occhi che guardano i miei hanno quella luce mai vista per essere rapiti da quel silenzio dove lì racconta di noi, di quello che siamo.
Hai colorato la mia vita, l’hai resa viva tanto che ora non sono più in grado di vedermi senza te, quando non sei con me il mio corpo inizia a sentire freddo, sei quella lava incandescente che mi riscalda, sei quella lacrima che nasce e muore sulle mie labbra, sei il mio primo pensiero che al mattino mi sveglia e l’ultimo desiderio che la notte mi culla, sei quel battito che vive ad ogni mio respiro, quell’errore più bello che farei e rifarei in continuazione perché solo avendoti accanto la mia vita riesce ad avere un senso, sei diventata quella parte indelebile di me, quella cicatrice che mi tira ad ogni mio pensarti, scorri velocemente dentro alle mie vene per arrivare nei miei pensieri, quel pensiero fisso che resta lì, pronto a pulsare, ferma lì come una conchiglia portata a riva dal suo mare in tempesta che nella sua quiete ascolta quel silenzio lasciandosi accarezzare dolcemente da quel vento mite, si perché tu sei li, soffice come la seta e candida come la neve, sei la cosa più cara che ho e di cui ne sono più gelosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: