L’impianto d’illuminazione artistica potrebbe far male alla Cascata delle Marmore, o forse è un problema di bollette enel non pagate?

Cascata delle Marmore

Se quello che leggiamo riguardo ai  motivi dello spegnimento dell’impianto d’illuminazione della Cascata delle Marmore fosse vero, non solo sarebbe grave ma rappresenterebbe in maniera evidente l’incapacità e l’inadeguatezza di chi oggi indegnamente è chiamato ad amministrare la città. E’ sconvolgente leggere nelle dichiarazioni di qualche esponente politico locale che il vero motivo dello spegnimento dell’impianto potrebbe essere legato esclusivamente al contenzioso economico che il Comune avrebbe con l’Enel Sole, e dunque al mancato pagamento delle bollette pregresse. Sappiamo in verità che la situazione è più complicata; si tratta di un contenzioso che si protrae da anni ma essere arrivati a questo, in pratica al distacco dell’impianto elettrico, dimostra incuranza, lassismo e menefreghismo verso quello che è  il sito d’interesse più importante del nostro comprensorio, la nostra unica e certa ricchezza turistica, uno dei dieci siti più visitati in Italia. Siamo schifati da simili atteggiamenti amministrativi che alla fine umiliano e ridicolizzano l’intera città agli occhi dei turisti e che vanificano in un sol colpo i tantissimi sforzi di valorizzazione fatti negli anni per questa che  è la più importante risorsa turistica. La situazione del distacco andava assolutamente evitata in ogni modo, arrivare a questo, oscurare la Cascata, cadere così in basso, disonora la città e noi tutti.

Per questo è incomprensibile che non si sia fatto nulla per evitare il distacco della fornitura elettrica e che si tenti ora maldestramente di giustificare il tutto con l’esistenza di un complesso contenzioso tra le parti.

Contenzioso che seppur serio ed esistente da tempo, non doveva assolutamente risolversi  con il distacco della fornitura elettrica.

Considerando poi che lo spegnimento avviene nel periodo estivo quando la Cascata è aperta anche nelle ore notturne è ancor più assurdo. Immaginate soltanto il caso in cui un turista sapendo dell’apertura notturna decidesse di venire a visitare la cascata.. cosa vedrebbe? Dovrebbe accontentarsi solo del fragore delle acque? Sono ormai venti giorni che la cascata è al buio , questo è grave ed è inutile ogni tentativo di sminuirlo. Grottesche le parole dell’Assessore Ricci, che sostiene che l’impianto d’illuminazione artistica potrebbe far male alla Cascata delle Marmore, insulso concetto per spiegare il mancato tentativo di recuperare la situazione. La triste realtà è che siamo incapaci di gestire una così grande  e importante ricchezza; mentre le altre città dell’Umbria, anche le più piccole, s’inventano iniziative culturali estive in grado alla fine nel concreto di attrarre masse turistiche, noi non solo siamo fermi e addormentati nella calura estiva della conca, ma dimostriamo di non essere all’altezza nemmeno di gestire quello che abbiamo, ciò che fortunosamente la storia ci ha lasciato.

Michele Rossi

Coordinatore Comunale PDL Terni

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: