Terni, i giardini pubblici della Passeggiata devastati dalla “festa ex unità”

Domenica si è conclusa la “festa ex unità” ai giardini pubblici della Passeggiata, ed è finita quella che molti cittadini considerano come un’ingiusta occupazione e un uso quasi privato del principale polmone verde cittadino. Non si tratta di commentare la qualità culturale o ludica di ciò che si offre alla città ,si tratta sempre e comunque di una festa di partito, e quindi come tale va considerata  e non si può addirittura farla assurgere a irrinunciabile evento culturale cittadino. Non è in discussione il contenuto della festa, che rispettiamo e possiamo anche apprezzare per alcuni aspetti, ma il contenitore che la ospita. Quest’anno i giardini della Passeggiata in modo esasperato hanno contenuto feste del genere quasi ininterrottamente da maggio fino a settembre, tre mesi che ne hanno limitato se non in alcuni momenti addirittura privato la piena e tranquilla fruibilità della cittadinanza. Mezzi di lavoro, montaggi e smontaggi, camion e muletti, hanno trasformato la naturale vocazione di un parco pubblico. Un uso improprio di uno spazio verde che come tale non ha bisogno di trovare nuove finalità per la propria esistenza, è un parco e questo basta; la sua stessa finalità ed esistenza sta esclusivamente nell’utilità per gli sportivi, i giovani, i bambini e gli anziani di trovare qui momenti di tranquillità e di svago. Invece succede che per lunghi periodi minoranze se ne appropriano con tracotanza, contro anche allo stesso piano regolatore generale che destina per simili manifestazioni l’area di vocabolo Staino, e infischiandosene  anche delle importanti e significative prescrizioni della Soprintendenza per i beni ambientali dell’Umbria, che la dichiara zona protetta e più volte ha ammonito la stessa amministrazione, cercando di spiegare in alcune missive come stand, casette e palchi, mettano a serio rischio la sopravvivenza di alcune delicate specie di piante. E’ questo uso che risulta insopportabile … così come irritanti sono le parole che gli organizzatori riservano a chi polemizza e giustamente non si rassegna e grida la propria indignazione. Tutti gli anni è così, ma quest’anno c’è stata una significativa novità che ora non possiamo evitare di commentare. In sede di conferenza stampa di presentazione, dal Segretario Comunale è uscita l’altezzosa promessa che a compensare le tante polemiche, il Partito Democratico a conclusione della festa avrebbe provveduto a dotare il parco, addirittura a proprie spese, di nuovi giochi per bimbi. Ogni promessa è debito e allora pensi il PD, mentre sarà impegnato a liberare il parco prima possibile, a mantenere ciò che saccentemente ha promesso … perché è sicuramente vero che il parco ha bisogno anche di un’altalena in più. Accettiamo volentieri questa regalia, ma in realtà è  un gesto che  umilia e offende la città. Veramente il PD intende ripagare così la città di una privazione che va avanti da anni e di un’occupazione che ha distrutto e danneggiato irreparabilmente quest’area verde? Pensano veramente di cavarsela con questo offensivo obolo? Il PD se non vuole offendere i cittadini, s’impegni perché i propri amministratori facciano partire concretamente quel progetto più volte annunciato di riqualificazione del Parco, è questo che vogliamo non la regalia di un’altalena in più; a quel punto sarà folle pensare di concederla ancora per simili occupazioni.

Michele Rossi – Coordinatore Comunale PDL Terni

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: