LA RICETTA MONTI SBARCA IN UMBRIA? PREOCCUPAZIONI A SINISTRA CRESCONO.

di Darko Strelnikov – Strelnikov.d@libero.it

Il Congresso comunale del Pd di Città di Castello assomiglia tanto ad uno degli ultimi atti della chiusura di un’epoca; quella dell’egemonia della cultura comunista sull’Umbria. La crisi è cominciata diversi anni fa, ma, come ho più volte ricordato, è stata accelerata dalla nascita del Partito Democratico. Le nuove regole nel definire gli organigrammi, nel fare il tesseramento, nel tenere i congressi, nel ruolo delle organizzazioni locali e decentrate e nel concepire la funzione del partito, sono risultate completamente estranee ed indigeste al modo di praticare la lotta, la gestione politica e del potere del gruppo dirigente uscito dalla morte del Pci. Non ci si è resi conto che il “centralismo democratico” era morto e sepolto e che non bastava più proporre una cosa o un nome agli organismi dirigenti per assicurarsi il via libera. Fuorionda qualcuno ha commentato : “ammettiamolo , non ci abbiamo capito niente”. Da qui sono nate una serie di cocenti sconfitte. Mignini che perde con Stramaccioni per la segreteria provinciale del partito, la Lorenzetti che non riesce a fare il terzo mandato in Regione, Locchi che viene eletto “miracolosamente” a “Terni” solo per una stramba norma della legge elettorale, Bottini che prende meno del 50% nelle primarie per l’elezione dei segretari nazionali e regionali ecc. Sconfitte che hanno, poi, costretto ad eleggere a Perugia persone condivise “grigie e impalpabili, come Rossi e Parlavecchio”. Ma è il contesto che fa presagire un futuro ancora peggiore. Intanto il quadro nazionale spinge verso un raggruppamento, una maggioranza moderata con al suo interno una minoranza di sinistra. Poi ci sono alcuni segnali che sono sconfortanti per i bersaniani umbri. Il primo è lo sfondamento della componente cattolica del Pd nelle ex zone rosse come Gubbio e dintorni, Città di Castello e dintorni, come la zona nord del comune di Perugia e dintorni ecc. “Uno sfondamento avvenuto non per l’aumento del peso dei cattolici e dei moderati dentro il partito, ma per il passaggio all’area “modem” di pezzi consistenti di tradizione comunista”. Il sindaco di Gubbio Guerrini, il Consigliere regionale Smacchi, l’assessore comunale di Castello Secondi, il Presidente del Consiglio Provinciale di Perugia Leonelli, i Consiglieri Comunali del capoluogo Bori e Miccioni ecc. provengono tutti da famiglie di “Rossi” che hanno avuto, in molti casi, un ruolo nel Pci o nelle associazioni di massa vicine al Pci. Un fenomeno che ha anche una aggravante : si tratta, in prevalenza, di “giovani promesse”, di esponenti che non avendo conosciuto le rigidità e gli scontri ideologici di un tempo, hanno un approccio diverso alla politica. Un appoggio, molto legato alle singole carriere, “che chi è di cultura stalinista, fatica a comprendere e al quale evidentemente gli altri riescono a dare risposte più convincenti”. Insomma il futuro, oltre al presente, non sembra essere nelle mani di Bottini, Lorenzetti, Locchi, Giovannetti and son. Una compagnia “percepita come vecchia” dove ormai si è costretti a spacciare ancora per novellini “i soliti Cernicchi, Mariuccini, Boccali e la Marini. Gente che, al di là delle loro indubbie capacità, sarebbe stata dichiarata giovane solo usando i criteri del Komsomol sovietico”. Il secondo segnale che emerge è la voglia di parecchi ex comunisti, di differenziare le appartenenze per avere più libertà di azione. A Roma con Bersani e a Perugia con chi mi pare. Insomma la politica delle “mani libere, sotto l’ombrello dell’autonomia scambiata per convenienza”, senza vincoli di corrente e di mandato. E’ il caso del Sindaco di Foligno Mismetti, dell’assessore spoletino Cintioli, del segretario regionale dei giovani Gatticchi, della portavoce delle democratiche umbre Anna Ascani e, dicono alcuni, anche dell’assessore Provinciale Mignini. Il terzo e ultimo segnale è “l’aumento esponenziale” della frammentazione. Gli eredi di Conti, Caponi padre, Gambuli, Corba, Antonini senatore, Ottaviani, Rossi ecc sono ormai diventati una galassia. L’ on Sereni sta con Fassino che non è chiaro con chi faccia comunella; Verini e Agostini a Roma stanno con Veltroni e con i Modem, ma a Perugia sono cane a gatto con Bocci e soprattutto con Guasticchi; Locchi “per rimanere a galla” fa il bipartisan; la Lorenzetti è data in cura dimagrante perché, dice, che ogni giorno “le si restringono i ragazzi” (l’ultimo a lasciarla sarebbe stato Riommi); L’assessore regionale Fernanda Cecchini ha perso maggioranza e “autorevolezza” nel tifernate, Batino del lago è sotto il tiro di Duca, Bianchi, Carloia e Giovagnola; i principali rappresentanti nelle istituzioni (Marini, Boccali e Giulietti di Umbertide) provano a fare “parrocchia per conto loro”, scoprendo però che “alla loro messa si presentano in pochi a fare la comunione” e, infine, il “povero” Bottini che cerca di “mettere un po’ d’ordine con pochi poteri, enormi difficoltà e scarsi risultati (anche se da non buttare tenendo conto del contesto in cui è costretto ad operare)”. La fine dei Leader ha coinciso con le difficoltà di questo mondo. Oggi, sia in Italia che in Umbria, non c’è una figura in grado di fare la sintesi delle varie posizioni ed esigenze. “E non è solo questione di uomini o di donne di peso”. La mancanza e la fine della figura carismatica del “segretario” ha fatto il resto. Oggi il clima è da “tana libera tutti”. Le conseguenze sono chiarissime. “Se oggi nella nostra regione ci fosse il congresso dei democratici, la maggioranza del Pd sarebbe di un altro colore”. Tanto più che la puzza di balena bianca ha allontanato dagli ex comunisti anche gli uomini di Letta e di Franceschini. Cominciano a capirlo anche quelli del terzo polo che hanno già aperto le danze per un nuovo quadro politico e quindi per una nuova stagione delle alleanze. Fuori la sinistra e dentro loro. E questo mette in discussione anche i vertici delle principali istituzioni umbre. Se il processo non si arresta, “uno degli inquilini di Palazzo dei Priori e di Palazzo Donini dovrà sloggiare”, sancendo il definitivo cambio dell’orientamento politico dell’Umbria. Del resto non sarebbe nemmeno una novità assoluta. Nel 1946 la Dc era il primo partito e i moderati superavano il 50%. E nel 1964 le coalizioni che hanno governato i principali comuni erano a maggioranza moderata con una minoranza di sinistra. Ma quello che sorprende è l’assoluta incapacità di reazione dei futuri “rottamandi”. “E questo, purtroppo, non l’ha capito neanche l’altra sinistra che invece di spingere sull’alternativa, continua a farsi la concorrenza sperando di “spiluccare” qualche osso mollato sotto il tavolo da un certo Pd”. Per il momento, finisce qui il malinconico racconto di un declino che, forse, solo gli avvenimenti nazionali possono ancora fermare.

P.S. – parecchie frasi sono virgolettate perché l’articolo si basa su riflessioni ispirate da una chiacchierata con un “alto” esponente del Pd umbro, che, non vuole essere citato e che mi ha espresso, davanti ad un buon caffè, le sue “inascoltate preoccupazioni”.

 

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: