BRINDISI: E’ IL GIORNO DELLA VERGOGNA, FORSE E’ GIUNTO IL MOMENTO CHE QUALCUNO VADA A CASA DEFINITIVAMENTE O SARA’ TROPPO TARDI

Mai si era giunti a tanto, mai si era caduti così in basso, mai si era arrivati a colpire un gruppo di adolescenti nella loro scuola, con un attacco perpetrato con un ordigno che è degno solo del più abietto degli esecutori e di una vigliaccheria senza pari; per uccidere e ferire dei pacifici studenti, che sono li per prepararsi al loro futuro, per studiare cercando di concretizzare il loro avvenire, il loro lavoro la loro esistenza; spazzando via con una esplosione il loro sorriso, la loro innocenza ogni loro certezza o speranza, dipingendo sui loro volti il terrore la disperazione il sangue la morte; coinvolgendoli in una guerra che è più grande di loro e che non sono consapevoli esista, e questo non può e non deve essere accettato. Quali che siano le conseguenze di tutto questo, o le cause scatenanti, non trova alcuna giustificazione nella crudeltà di un simile atto, e chi ne sia il mandante come l’esecutore non è degno di alcuna considerazione ne pietà umana, poiché quel che è stato compiuto nulla ha di umano, ma è solo rivelatore di una bassezza senza pari e una totale assenza morale. Condannare questo episodio quindi non basta, va richiamato tutto il popolo al fatto compiuto che ad esso è stata fatta una aperta dichiarazione di guerra, colpendo ciò che di più caro alberga nei nostri cuori, i nostri figli; coloro per i quali ognuno di noi che è genitore, è disposto per loro a fare qualunque sacrificio, e che difenderemmo al costo della nostra stessa vita per la loro protezione. Oggi il messaggio giunge forte chiaro e spaventoso, ed è quello che ci dice che i nostri figli sono in pericolo, un grave pericolo; urge quindi mettere da parte ogni nostra debolezza, ogni nostra remora, ogni nostra incertezza o dubbio, e prendere in mano il nostro coraggio riprendendoci la nostra dignità come popolo come uomini ma sopratutto come genitori. Un popolo che non è capace di proteggere i propri figli, è un popolo che non può avere un futuro, e questo è qualcosa che non dobbiamo consentire accada. E’ stato detto che questo attacco potrebbe essere stato portato a termine da organizzazioni malavitose, o forse terroristi dei movimenti anarchici; ma le analisi e le informazioni che ci giungono da più parti in questo momento nel tentativo di avere delle risposte esaurienti a quanto successo, ci danno un quadro complessivamente diverso da quanto viene enunciato dalle notizie dei giornali e delle questure. Questa tragedia porta dietro di se, la firma e la volontà di un qualcosa di molto diverso, che cerca di destabilizzare distrarre e indebolire una protesta che in questi momenti in Europa e nel nostro paese sta crescendo, per spodestare una classe politica corrotta. Prendere coscienza di questo, è difficile, è molto difficile, ma non possiamo più chiudere gli occhi accontentandoci delle spiegazioni di comodo che ci forniscono questi signori. Oggi nel giorno della vergogna, chiamiamo a raccolta tutto il popolo italiano ed europeo, affinché reagisca duramente, con forza tenacia volontà e determinazione, per imporre la nostra protesta e la nostra irremovibile richiesta che chi ci ha fino ad oggi governati e non è più da noi riconosciuto a farlo, lasci definitivamente e senza alcuna riserva gli scranni del potere costituito, senza per altro farne mai più ritorno, altrimenti se continueranno di questo passo, si potrà giungere solo ad un duro scontro fra le parti dove anche essi ne pagheranno le conseguenze.

Andrea Daniele Franchi

Tag: , , , , , , , , ,

Una Risposta to “BRINDISI: E’ IL GIORNO DELLA VERGOGNA, FORSE E’ GIUNTO IL MOMENTO CHE QUALCUNO VADA A CASA DEFINITIVAMENTE O SARA’ TROPPO TARDI”

  1. sere Says:

    Se veramente pensano di combattere l’attuale politica con questo vile attentato hanno scelto le persone e il posto sbagliato.Ma TANTISSIMO SBAGLIATO!!!Nessuna violenza ha giustificazione.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: