Elezioni e Candidature: Lettera aperta a Pierluigi Bersani

Carissimo Pierluigi BerZani, ti scrivo con molta sincerità, amareggiato e deluso, tengo a precisarlo. Non sono mai stato un uomo di fede comunista, almeno per quel comunista che intendi tu. Paolo Vinti, ma tanto tu non lo conosci, ogni volta che mi incontrava mi diceva con tutto il suo orgoglio: ecco Don Chisciotte, l’ultimo comunista rimasto, intendendo la mia capacità di uomo di voler essere contro un “regime” che non brilla certo per amore del proletariato. Dico proletariato ma mi sa che anche di codesto tu ne sai ben poco.

Ti scrivo dopo aver visto come sono andate le cose stanotte con la definizione delle liste, pardon degli inciuci, che siete riusciti a mettere insieme.

Non sono stato mai un comunista o di sinistra, lo ammetto, ma stavolta la crocetta ce l’avrei fatta su quella P e su quella D unite insieme. L’euforia di nuovo che Matteo RenSi aveva portato, vera o falsa che sia stata, mi aveva fatto dire… mi piace. Mi ci ero pure impipinito, come si dice qui a Perugia. ma è durato poco, anzi pochissimo.

Dopo quel breve sogno di rottamazione e novità sei tornato a dirigire un partito vecchio e stantio, fatto di buracrati, e di attaccati alle poltrone, di vecchi cervelli che da tempo immemore occupano spazi della politica senza essere riusciti a dire mai, e dico mai, un qualcosa di sinistra. Non dico comunista perchè se no ti tornano in mente i tuoi tempi meravigliosi da post chierichetto.

Da te, lacrima facile che ho apprezzato da Brunetto VesTa, mi aspettavo qualcosa in più, qualcosa che potesse far dire… ecco il cambiamento, ecco la speranza, ecco qualcosa di nuovo. Ecco quella società di parità e di rispetto, di democrazia e di possibilità. Ma tutto è come prima, anzi peggio. Le poltrone sono ancora amate come erano amate prima, gli inciuci e il servilismo è sempre dentro il PD peggio di un cancro che se lo rode lentamente. Avete fatto le primarie ed alla fine avete preso per i fondelli chi ci ha creduto, avete dato una parvenza di qualcosa che cambiava per poi accorgersi che nelle stanze continuate a fare le stesse cose di sempre, i conti ed i conticini su chi mettere qui, chi mettere là, chi accontentare e chi fare fuori. Avete chiesto di scegliere chi, gli elettori, volevano davvero a fare politica e siamo finiti nel mare dell’inciucio, del sospetto, delle notti dai lunghi coltelli, delle accuse, dei voltafaccia, delle vendette, della caciara da pollaio, nella bassezza infima del peggio del peggio.

Mi aspettavo di più, sono sincero e te lo dico amareggiato e deluso, mi aspettavo che in un mondo di politici falsi e inconcludenti, qualcosa di nuovo tu potessi pensarlo, dirlo, proporlo e soprattutto farlo. Ma mi sono sbagliato.

In fondo a te sta bene tenersi il passerotto in mano… e il tacchino resta sul tetto.

Io non mi accontento del passerotto, sinceramente con il passerotto in mano non ci sono mai stato e non ci tengo a tenermelo in mano proprio ora a 53 anni. Mio padre mi ha insegnato a sognare, a sperare e a credere che, forse domani, il mondo sarebbe cambiato. “I sogni degli uomini devono essere eccessivi, altrimenti a cosa serve il paradiso?” ripeteva quando tutto diventava difficile.

Non lo avrai nemmeno stavolta il mio voto, lo giuro. Mi spiace ma non lo avrai… cerco e voglio il tacchino… prima o poi sono convinto che lo acchiappo. Forse non sarà domani, ma vedrai che lo acchiapperò.

Con stima, nonostante tutto,

Giampiero Tasso, l’ultimo “comunista” rimasto

Tag: , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “Elezioni e Candidature: Lettera aperta a Pierluigi Bersani”

  1. sere Says:

    E meno male che te ne sei accorto!!!Spero in molti altri…che arrivino alle tue conclusioni.Non esiste più il partito che si metteva a fianco del popolo nella lotta alla ricerca delle parità.Il problema grosso è un altro ……che non c’è nessuno che salvaguardi quello che si è ottenuto in tanti anni di lotta operaia.Siamo allo sbando completo!!!L’unica lotta è quella dell’accaparramento delle poltrone…ci aspetta una campagna elettorale forse una delle più incerte della nostra democrazia…non ci saranno ne vinti ne vincitori…ma solo un ‘Italia con sempre più problemi.

    "Mi piace"

Rispondi a sere Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: