MOBILITÀ IN UMBRIA, CRITICITÀ E OPPORTUNITÀ SECONDO CASARTIGIANI

“Comprendiamo le difficoltà dei lavoratori della mobilità umbra e ne auspichiamo una rapida e positiva soluzione, dopodiché ci sentiamo in diritto e in dovere, come Casartigiani Umbria, di porre con forza la questione politica dei servizi di trasporto”. Così il presidente dell’associazione,Alvaro Giacometti, commenta lo stato del sistema regionale di mobilità e trasporti, proponendo riflessioni e possibili soluzioni per uscire dall’empasse del settore, aggravata anche dalla crisi economica e dai tagli dei finanziamenti pubblici. “La mobilità di una regione – prosegue Giacometti – non può più rappresentare una questione tra pochi, perlopiù inclini a difendere le proprie rendite di posizione. La questione deve essere affrontata nei suoi aspetti socioeconomici rispetto al corretto rapporto tra qualità e costi, considerando la perfetta integrazione tra sistemi di trasporto e un giusto equilibrio tra pubblico e privato nella sua gestione. Una sana politica dei trasporti deve riuscire a miscelare questo insieme di componenti con una realtà finanziaria pubblica decisamente più sobria rispetto al passato”. “Superata la filosofia del trasferimento finanziario governativo ai territori in relazione ai chilometri serviti, infatti – prosegue Alvaro Giacometti –, oggi la restrizione economica impone una filosofia più attenta, soprattutto per realtà marginali e poco servite dalle direttrici nazionali come è l’Umbria. Il problema che si pone, per la politica regionale, è come riuscire a garantire una maggiore efficienza con minori risorse pubbliche, per dare certezze a cittadini e imprese nella mobilità quotidiana”. Alvaro Giacometti è passato, poi, ad analizzare le criticità relative alla gestione di Umbria Mobilità, società umbra di trasporto pubblico, lanciando anche delle proposte. “La semplice ricapitalizzazione da parte dei soggetti pubblici di Umbria Mobilità – spiega il presidente regionale di Casartigiani – non risolve ogni problema, ma anzi alimenta nuove riflessioni politiche: le risorse messe in campo potevano essere indirizzate, più correttamente, a sostegno dello sviluppo economico o per alleviare la difficile condizione dello stato sociale?”. E ancora. “Prima di pensare alla copertura dei costi aumentando il prezzo del biglietto per i cittadini – prosegue Giacometti – appare logico e meno doloroso allargare la partecipazione al capitale sociale anche a imprese private che non possono essere solo i grandi vettori nazionali come Trenitalia. Nella nuova compagine occorre garantire e salvaguardare anche il ruolo fondamentale delle centinaia di imprese private, piccole e medie, che creano valore in Umbria con oltre 2 mila addetti”. “L’abbattimento dei costi – conclude il presidente regionale di Casartigiani – non significa necessariamente taglio delle corse, ma può riguardare anche una migliore integrazione tra i diversi livelli di trasporto, la rivisitazione del ruolo tra ferrovia e gomma, l’ottimizzazione del servizio e l’eliminazione degli eventuali e immancabili sprechi. Una sana politica della mobilità in Umbria deve, per esempio, saper reinterpretare il ruolo della ferrovia Centrale umbra, cercando di capire come farla passare da ‘peso economico a opportunità di sviluppo’. La regione del futuro, insomma, deve ripensare la politica dei trasporti come momento strategico per la crescita della comunità”.

 

 

Annunci

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: