“Verrà un giorno in cui l’uccisione di un animale verrà considerata al pari dell’uccisione di un uomo” ?


agnelliriceviamo e pubblichiamo

Sono pochi i giorni che ci separano dalla Pasqua, festa religiosa, che ci ricorda la resurrezione di Cristo. Festa di primavera, di  risveglio della natura, di rinnovamento e di richiamo alla vita e all’amore.  Consuetudine di una strage per milioni di piccole e candide creature, che sono come bambini. I camion sono arrivati nelle campagne ed hanno caricato agnellini e capretti strappandoli ai loro primissimi giochi fatti di  quella gioia contagiosa che pervade una nuova vita, di corse vertiginose e di ritorni obbedienti, al richiamo delle madri, per l’ora tenerissima della poppata. All’ innocenza e alla timidezza dei loro sguardi.

Sui camion la paura, la trepidazione e lo sgomento  hanno predato la luminosità dei loro occhi. Il viaggio  più o meno lungo è andato verso un’unica destinazione:  il macello. Quel luogo, nascosto al nostro sguardo, dove gli animali vengono preparati per la macellazione. Quel luogo dove le loro urla rimangono il rumore di fondo allo scorrere del loro sangue.

Per tre giorni le madri li hanno cercati incredule, correndo come impazzite da una parte all’altra, chiamandoli con belati  strazianti  finché, svuotate dal dolore, sono tornate alla loro vita senza gioia. Senza  speranza.

Eppure amiamo gli animali. Le nostre case ne sono piene. Li coccoliamo, li curiamo, li piangiamo quando muoiono. Nelle varie culture, però, i soggetti non umani sono ancora divisi per categorie. Quelli da amare e da rispettare abitano le nostre case. Tutti gli altri, anch’essi di pura innocenza,  vivono gli orrori  e il martirio  degli allevamenti intensivi, dei viaggi della morte e dei mattatoi mentre noi, per non sentire l’angoscia straziante del dolore del mondo,  ci siamo adattati al nostro piccolo ego incapaci di interrogarci e di affrontare le grandi domande che attanagliano la nostra anima.

Ci sono sempre più leggi contro il maltrattamento degli animali ma per gli agnellini e i capretti, così come per tutte le altre creature che destiniamo alla nostra tavola,  esistono solo le torture  del più insensato,  disumano ed estremo maltrattamento dettato in modo asettico e devastante dalla nostra sete di onnipotenza: l’annullamento totale della loro dignità e del loro diritto alla vita quali esseri senzienti.

Finché  saremo disinformati, male informati o non vorremo sapere,  non potremo capire la realtà della produzione della carne né, quindi,  superare i baluardi del “carnismo”: il sistema di credenze che ci condiziona a mangiare alcuni animali rendendoci schiavi di un’ideologia dominante e consolidata. Un ‘ideologia  organizzata sulla violenza.  Sulla violenza psicologica e fisica  inflitta a miliardi di animali.

“Verrà un giorno in cui l’uccisione di un animale verrà considerata al pari dell’uccisione di un uomo” .

Molti di noi hanno scelto di vivere il futuro nella costruzione di una vera umanità.

Graziella Crescentini Gori – Responsabile LAV Perugia

Annunci

Tag: , , , , ,

4 Risposte to ““Verrà un giorno in cui l’uccisione di un animale verrà considerata al pari dell’uccisione di un uomo” ?”

  1. Stelio Bonsegna Says:

    Speriamo avvenga presto, in quanto quelli che noi consideriamo animali, hanno dimostrato di essere, di molto, superiori agli esseri umani.

    Mi piace

    • roberta scarpocchi Says:

      Verrà, certo che verrà il giorno in cui la consapevolezza e l’etica sgomineranno la crudeltà, l’insensibilità, la stupidità, l’ignoranza, il profitto. la disonestà…, i fratelli animali non umani finalmente vivranno padroni dei loro corpi e delle loro anime, liberi da catene, dalle gabbie, dagli strumenti di tortura e di morte a cui sono sottoposti quotidianamente da chi li considera oggetti di propria proprieta’. Quel giorno ogni genitore terrà vicino a sè i propri figli e a nessuna mamma verrà strappato un tenero cucciolino per finire nei piatti pasquali, i cuccioli correranno accarezzati dal vento e rassicurati dall’odore dell’erba primaverile e dalla voce dei propri cari.
      Roberta Scarpocchi

      Mi piace

    • emma Says:

      verrà…ma da come vediamo la situazione…la strada e ancora lunga…:((((((((

      Mi piace

  2. P.Iva n. 01132410067--.Massone.carlo@libero.it , Fraz. Crebinii ,n.37 Casteletto D'orba(15060) (AL)Italia UE;Korrotta ! Fallita ! Rottamata !! ??? Says:

    Manmali e Uomini ?? Incidenti Stragi Continue Dolose !!Scusate il Disturbo !! Perche’ Nessun Partito Politico Forma una Raccolta di Testimonianze VITTIME di MalaGiustizia !! Acquistando Consensi Politici ?? Vedi su GUGOLL con Impegno ((( Carlo Massone 1951 P.Iva Denuncia a Napolitano CollaudoPOLI ! TimbroPOLI ! Veicoli Industriali PESANTI da 30 anni )) Tutto Insabbiato !! Korruzione Estrema Alti Vertici ! Certi di Restare Impunibili Tombale !! Spregio a http://www.vittimestrada.org. Nazionale Storica !massone.carlo@libero.it P.Iva Over 60 ! Truffato da 30 anni !! Senza Lavoro ! Redito in Perdita Braccato da Equitalia Evasore di Sole Tasse !! Costretto al KamiKazzer di korrotti Asassini di Suicidi Lasciati soli come me’ !Grazie Saluti! Massone Carlo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: