SIAMO TUTTI DI BOSTON, CAPITALE DI LIBERTÀ E RESISTENZA

di Stefania Piazzo

Boston è un simbolo di libertà. Di libertà di pensiero, di sovranità popolare e bostonfiscale. Boston è il cuore della protesta da cui prese corpo con il Tea Party (dalla sigla “Taxed Enough Already” , già abbastanza tassati), la vibrante e decisiva protesta del 1773 dei coloni contro la tassazione esosa degli inglesi.

C’è insomma una tradizione di libertà che ha fatto la storia, e colpire questa città è come andare a scollegare i neuroni della libertà individuale, della sua riscossa territoriale rispetto ai soprusi, alle dittature, alle violenze pianificate.

Furono gettate le premesse per la libertà del mondo dalle ganasce del centralismo, degli imperialismi di Stato, dalle invasioni ingiustificate. Questo rappresenta Boston nella storia della civiltà occidentale moderna.

Se oggi possiamo riempirci la bocca pronunciando lo slogan “No Taxation without Representation” è grazie alla ribellione, meglio, all’evoluzione della resistenza dei bostoniani, che diede il via al domino della ribellione contro le tasse prive di un ritorno di servizio. Io ti pago, questo è il principio, in virtù di una rappresentanza.

Oggi, tre secoli dopo, siamo ancora a gridare “No Taxation without Representation”.

Il principio della rappresentanza non è virtuale, è vincolato e vincolante.

Oggi noi paghiamo un dazio ad uno Stato fantasma, ad un sistema di inesistente democrazia della rappresentanza. Partiti che non ci rappresentano, politici che rappresentano altri monarchi e non il popolo, sistemi che rappresentano se stessi meno che il popolo, il territorio, la base.

Gli attentati di Boston non sono lontani, feriscono la storia, come se Venezia venisse bombardata. Si andrebbe a violentare la storia di una grande repubblica di libertà. Come se si colpisse San Pietro, simbolo della cristianità. Come se si sfracellasse al suolo la Madonnina, simbolo della civiltà operosa e dell’ambrosianità prudente.

Boston è casa nostra, casa di tutti coloro che credono nella resistenza come valore, che incardinano il principio dell’essere liberi, non coloni ma cittadini, non sudditi né schiavi del terrore, di qualunque natura sia. Oggi siamo tutti bostoniani.

 

 

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: