PEPPONE SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA DEL PD

pepponeTornasse Peppone sarebbe meglio. Avrebbe la saggezza del contado e i valori dei campanili. Quello che manca: l’onestà, il senso del lavoro, il rispetto della comunità, la malizia contadina delle stagioni. Qui, invece, non c’è più il senso neppure del tempo che passa. La verità è sotto gli occhi di tutti. Si sono suicidati, per gradi. Hanno voluto mandare a casa Berlusconi. Hanno voluto Monti. Hanno voluto la Fornero. Hanno voluto eliminare la Lega. Hanno fatto sparire Di Pietro. Hanno fatto sparire la sinistra. Hanno voluto che Grillo avesse tutti gli elementi per vincere. Lo hanno rincorso, perdendo. Tutto il resto lo hanno voluto lasciare in piedi, dando la peggior prova di ingovernabilità nella storia repubblicana. Hanno dovuto rieleggere un quasi novantenne e ora sperano arrivi un quasi ottantenne a Palazzo Chigi.

Il Pd ha subito una doppia sconfitta: come il resto dei partiti che abbiamo in campo, non rappresenta più nulla se non se stesso. Il tema della rappresentanza è il nodo irrisolto. E non rappresenta neppure quella parte di Paese che voleva conquistare, il Nord. Neppure lì è riuscito a passare. Ha fatto vincere la Lega, ed ha pure perso consensi.

Ha subito bruciato il nome di Marini nella corsa al Quirinale, ha fatto un congresso anticipato nel far votare Romano Prodi… Bisogna andare ad Harvard per infilare una serie di colpi così storici.

Chiamparino, di lui non si sente più parlare. Mentre Massimo Cacciari, interpellato dai media, lui sì ne ha dette di cotte e di crude. I motivi della sconfitta, nel confessionale del Fatto quotidiano del 26 febbraio scorso, con Alessandro Ferrrucci: “Sono gli stessi da vent’anni, da sempre, da quando perdiamo….. cito Kant, quando parlava della somma dell’inerzia… Come al solito siamo gente affetta da snobismo e da puzza sotto il naso… Al nord è una catastrofe sia per Pdl che per la Lega! Eppure il centrosinistra non ha fatto un cazzo. Non è cresciuto… Loro possono insegnare tutto a tutti. Mentre gli altri sono dei cretini… Le faccio un esempio: è impossibile spiegargli che c’è una questione settentrionale. Eppure continuano a sbatterci la faccia. La loro vita si sviluppa solo tra Botteghe Oscure, il Nazareno e Montecitorio. Del resto non sanno nulla. Gli basta quel triangolo”. Chiaro, no?

Eppure il gruppo dirigente fa disfa e briga come nulla fosse. Da Rosi Bindi, che ha detto no ad un governo presieduto da Enrico Letta al no che arriva anche da giovani turchi e renziani.

E una volta tanto non si può non dar torto a D’Alema che giudica assurdo il come sia stato messo in campo Prodi. Un partito antropofago così non si vedeva da tempo.

 Stefania Piazzo

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Una Risposta to “PEPPONE SI CANDIDA ALLA SEGRETERIA DEL PD”

  1. Salvatore Says:

    Il Pd è meglio farlo chiudere e far fondare a Renzi un altro partito che raccolga tutti coloro che hanno “bruciato” le tessere Pd…. e coloro che ancora hanno un minimo di speranza nella politica giovane, nella politica alla Peppone, non a quella atavica dei Professoroni, Commercialisti, Avvocati, Magistrati e mega Laureati (???!!!) che hanno solo DISTRUTTO la Nazione. Mi chiedo: ma le Università servono a questo? A dare alla luce menti possenti tali da distruggere l’intero sistema economico nazionale e politico ? Basta guardare gli ultimi Ministri e Presidenti dell’Esecutivo che ci hanno governato …. plurilaureati …. per mandare tutti a gambe per aria e l’Italia all’immeritato declino. Meditiamo gente, le Università Italiane le paghiamo noi !!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: