Ovviamente … per gli statali stipendi bloccati sino al 2015

riceviamo e pubblichiamo

A distanza di poche settimane si realizza penosamente quanto avevo preconizzato. L’ultimo regalo del governo Monti, il blocco degli stipendi agli statali, passato in sordina dopo il parere favorevole del Consiglio di Stato, rompe il silenzio, prende vita nelle parole del ministro della pubblica amministrazione Gianpiero D’Alia. Certo per il ministro, per il precedente e l’attuale governo, ci sono altre priorità che sbloccare indennità e rinnovare i contratti degli statali, tali da rendere “ovvio” il proseguo del blocco, che in fin dei conti è cominciato “soltanto” nel 2009.

Insomma sindacati e lavoratori pubblici, per il ministro D’Alia, sono scaduti nell’”ovvietà” di pensare che il blocco esaurisse la proprio funzione a fine del 2013. Al massimo posso sperare che ciò accada nel 2015. Così con un trafiletto, con poche semplici righe, il ministro liquida le speranze di milioni di lavoratori, e per rimanere in tema di “ovvietà” nonostante nel mare magnum della p.a. navighino anche magistrati, prefetti, professori universitari ed addetti al consolato “ovviamente” negli ultimi 3 anni di blocco non hanno ricevuto alcuna decurtazione in busta paga. Insomma pare che vi sia qualcuno che sia più statale degli altri. Ma non solo. Nel pubblico impiego rientra anche il Comparto Sicurezza al quale non più tardi di un mese fa, il Presidente del Consiglio aveva tributato commoventi parole in seguito al ferimento del Brigadiere Giangrande a Palazzo Chigi ed all’omicidio dell’Appuntato Della Ratta a Maddaloni. Parole proferite “ovviamente” non per circostanza, e con le quali Letta assicurava di dare quanto prima effettiva concretezza al valore della specificità della professione svolta dal personale in divisa delle Forze Armate e della Polizia. Si auspicava anche in termini contrattuali. Ma ormai è trascorso un mese e la finta commozione e le frasi di facciata cedono il posto all’”ovvietà”.

Guido Lanzo – Moderati In Rivoluzione

Annunci

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: