Stipendi statali: un’ ulteriore proroga del blocco sarebbe insensata ed illegittima.

Sono quattro anni che i dipendenti pubblici sono presi di mira da decisioni inammissibili dell’Esecutivo. Adesso basta. In cinque anni si sono persi, in media, seimila euro per mancati aumenti della retribuzione con una conseguente perdita del potere di acquisto degli stipendi stimata intorno al 6%. A tutto questo si deve aggiungere l’impatto negativo che la riduzione dello stipendio avrà sulle future pensioni, sul trattamento di fine rapporto e, soprattutto, il danno di avviare il rinnovo triennale del 2015 partendo da una massa salariale più povera.

Si continuano a proporre tavoli tecnici, ma gli acrobati della retorica, di soldi non ne parlano. Ed allora bisogna leggere tra le righe, interpretare le parole dei vari ministri, che tra una smentita ed una conferma, non hanno il coraggio di ammettere di volere prorogare il tappo che dal 2009 va oltre la contrattazione collettiva e blocca le retribuzioni individuali, gli scatti e le progressioni di carriera.

Sono nauseato da come parassiti e tecnici hanno violentato il pubblico impiego con minacce di licenziamento, insulti (fannulloni), riforma pensioni e blocco dei contratti, è assurdo che in nome della razionalizzazione della spesa occorra sempre mettere mano ai portafogli dei più deboli. Invece di scimmiottare i predecessori, il governo proponga una nuova strategia, apra il confronto, puntando questa volta a non umiliare ulteriormente la dignità degli statali.

Per non parlare della questione relativa al Comparto Sicurezza e Difesa. Si perché ci sono statali e statali, ed il governo vuole gli uomini in uniforme con le scarpe rotte e i piedi emaciati. Le Forze Armate e di Polizia, infatti, si basano su un sistema gerarchico – funzionale nell’ambito del quale le progressioni di carriera e le anzianità di servizio sono componenti essenziali e imprescindibili, a cui devono essere associate crescenti responsabilità e correlate retribuzioni. Quindi è obiettivamente comprensibile la dannosa conseguenza di un blocco di ogni forma di indennità ed avanzamento. Non solo, come se non bastasse, sono destinatari anche di un Decreto di Armonizzazione pensionistica di matrice Fornero, tuttora al vaglio dell’esecutivo, ma il nome in calce della proponente lascia presagire i contenuti funesti del progetto di previdenza.

Inoltre per il personale del Comparto Difesa e Sicurezza il blocco certificherebbe la “vacuità”della tanto decantata“specificità militare” buona solo per i proclami e le manifestazioni di vicinanza in occasioni dolorosissime. Non più tardi di un mese fa, infatti, il Presidente del Consiglio aveva tributato commoventi parole in seguito al ferimento del Brigadiere Giangrande a Palazzo Chigi ed all’omicidio dell’Appuntato Della Ratta a Maddaloni. Parole proferite ovviamente non per circostanza, e con le quali Letta assicurava di dare quanto prima effettiva concretezza al valore della specificità della professione svolta dal personale in uniforme.

Insomma forze di polizia, militari, sanitari, impiegati, maestri sono stanchi di dover pagare le carenze di un sistema che non funziona, di essere il capro espiatorio di quando i conti non tornano, di dover patire una cattiva amministrazione nuovamente di tasca propria. Eppure la Corte Costituzionale tornerà ad esprimersi (per i magistrati ha già sentenziato favorevolmente nel 2012) il prossimo novembre, questa volta per il militari.

Basterebbe attendere la pronuncia per comprendere che un’ ulteriore proroga sarebbe insensata ed illegittima. D’altronde si sta provvedendo ad un decreto salva IMU ed IVA, perché non salvare anche gli stipendi di 3 milioni di italiani?

Guido Lanzo – Moderati in Rivoluzione

 

Annunci

Tag: , , , ,

2 Risposte to “Stipendi statali: un’ ulteriore proroga del blocco sarebbe insensata ed illegittima.”

  1. ilblogdifabioargiolas Says:

    L’ha ribloggato su Fabio Argiolas.

    Mi piace

  2. Giuliano Cianelli Says:

    Come non potrei condividere le considerazioni espresse da Guido Lanzo ?
    I pubblici dipendenti, gli impiegati ovviamente e non certo i Dirigenti, in questi ultimi anni sono stati penalizzati economicamente e moralmente, da Governi politici, prima con Berlusconi , dall’arrogante paranoico Brunetta alla maestrina Gelmini , a cui ha fatto seguito il Governo dei tecnici, che ha accettato di fare riforme discutibili a danno dei più deboli, salvaguardando intatta la Casta dei politici, causa principale del nostro disastrato sistema amministrativo ed economico.
    Oggi il Governo Letta nato dalle “grandi intese”, dalla destra alla sinistra, che ha l’unico scopo, quello di mantenere in piedi la stessa Casta politica, che se pure ringiovanita si dimostra incompetente, arrogante e faziosa.
    E’ ovvio che da questa situazione di malessere diffuso in tutti gli strati della classe lavoratrice, sia pubblica che privata, alla fine rischierà di sfociare in disordini sociali, come stiamo seguendo, dalla Grecia alla Spagna, dalla Turchia al Brasile e anche l’ Italia è ormai all’orlo della sopportazione.
    E’ giusto quanto fato rilevare da Guido Lanzo, sulla penalizzazione degli stipendi dei pubblici dipendenti, che dobbiamo nonostante tutto, considerare ancora salvaguardati rispetto ai lavoratori del privato.
    Per quanto riguarda la penalizzazione dei dipendenti delle forze dell’ ordine sarebbe bene ricordare a questi Governi, dai precedenti agli attuali, che le ingenti spese militari, per le strombazzate “Missioni di Pace “, queste sono uno scandaloso spreco di danaro pubblico che potrebbe essere riutilizzato, proprio per le forze dell’ ordine all’ interno del nostro paese, dove c’è bisogno di combattere la criminalità diffusa, nostrana e straniera. E’ in casa nostra che dobbiamo sostenere ed incentivare le Missioni di Pace, per la nostra sicurezza e non all’estero per difendere interessi particolari di potentati economici.
    Personalmente mi auguro che i cittadini italiani, comincino a riflettere sui politici che abbiamo insediato nei palazzi romani e nelle istituzioni locali, alfine di schiaffeggiarli e richiamarli al dovere civico di tutelar degli interessi pubblici e non dei loro previlegi personali, se non vorranno continuare a deluderci ed allontanarci dalla politica.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: