Umbria Jazz, armonioso Legend al santa Giuliana

John Legenddi Valeria Angelini

Quarant’anni di UmbriaJazz. Non so cosa c’entra John Legend con il jazz, ma d’altra parte non ne capisco molto, di jazz; forse aveva una serata spiccia e il mitico patron Pagnotta l’ha infilato al Santa Giuliana. O forse perché è il nero con la voce più bianca che si sia mai sentita, dalle modulazioni imprevedibili, soffice come un velluto, calda come un vin brulé nelle serate invernali.

Ecco, passi quasi due ore a guardarlo e ascoltarlo e la cosa che impressiona è la naturalezza del canto, la voce che arriva dai risuonatori profondi, mai urlata, mai stracciata o forzata, arriva alle labbra già impacchettata e infiocchettata, tutto è stato confezionato molto prima di arrivare alle corde vocali.

Un incanto.

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: