La tragedia dei clandestini – I buonisti facciano mea culpa. Vanno aiutati ma a casa loro

lampedusa_naufragio_barcone_645_530X0_90Basta! Basta! Basta! Basta! Basta assistere alla morte di decine di migliaia di persone nel disperato tentativo di entrare illegalmente in Italia! Basta assistere al traffico di esseri umani perpetrato dalla criminalità organizzata che lucra sulla loro pelle! Basta assistere alla flagrante violazione delle nostre leggi nel nome del relativismo giuridico e del buonismo che incrina lo stato di diritto! Basta con l’auto-colpevolizzarci attribuendoci tutte le colpe e assolvendo gli altri da ogni responsabilità!

Altro che vergognarci! Noi italiani abbiamo fatto fin troppo! Per prevenire che possano morire li andiamo a recuperare non solo in acque internazionali ma persino nelle acque territoriali straniere. Per soccorrerli quando sono a un passo dalla morte dispieghiamo le nostre unità navali militari e civili, pubbliche e private, in una gara di solidarietà assolutamente gratuita che va al di là di qualsiasi prescrizione contemplata dai trattati internazionali.

Altro che eliminare il reato di clandestinità! Noi italiani siamo arrivati al punto di negare l’evidenza della clandestinità auto-censurandoci, mettendo al bando la stessa parola clandestino, al punto di considerare reato non la clandestinità ma chi rappresenta correttamente la realtà denunciando la clandestinità! Per legittimare il nostro intervento arriviamo al punto di chiudere entrambi gli occhi sul fatto che si tratta di un’attività criminale che frutta più del traffico della droga e che dovrebbe essere contrastata con il massimo rigore. Per predisporci positivamente nei loro confronti neghiamo spudoratamente il fatto che chi sale sulle carrette del mare, piaccia o meno, è corresponsabile del reato di ingresso illegale nella nostra frontiera con l’aggravante che ciascuno di loro paga una cifra stimata in mille dollari.

E’ ora di dire una volta per tutte “Basta”! Basta con la legittimazione della clandestinità! La comunità internazionale, a cominciare dalle Nazioni Unite che predicano la moralità della sacralità della vita e razzolano nell’immoralità dello sperpero delle risorse destinate a salvare la vita, intervenga decisamente per bloccare sul nascere l’attività criminale del traffico di esseri umani. Dobbiamo impedire a tutti i costi che salgono sulle carrette del mare! L’Unione Europea, Italia compresa, investa per favorire delle condizioni di vita dignitose nei paesi d’origine degli immigrati affinché non siano costretti ad abbandonare la loro terra, i loro affetti e la loro civiltà.

Basta con l’ideologia del globalismo che, da un lato, abbatte le frontiere e lo stesso Stato nazionale e, dall’altro, legittima l’emigrazione arbitraria e incontrollata di milioni di persone che in Italia e in Europa non potremmo mai e poi mai accogliere! Riaffermiamo a viva voce e orgogliosamente che l’Italia è la casa comune degli italiani, che l’Italia non è una terra di nessuno e che gli italiani non vogliono che si trasformi in una terra di conquista.

Basta con l’ideologia dell’immigrazionismo e del buonismo che ci portano a immaginare che gli immigrati, persino i clandestini, siano buoni a prescindere dalle ricadute nel nostro vissuto! Noi italiani siamo arrivati al punto da anteporre il loro interesse, anche se fondato su un arbitrio, rispetto al nostro legittimo interesse.

Basta con la latitanza dello Stato italiano che si auto-deresponsabilizza e si auto-assolve invocando l’intervento dell’Unione Europea, un fantasma politico sottomesso ai poteri finanziari globalizzati, buono solo a condannare a morte le nostre imprese e a ridurre in povertà gli italiani.

A tutti coloro che affermano di avere a cuore la vita dei clandestini, rivolgo l’appello a contribuire a porre veramente fine a queste immani tragedie assumendo il coraggio di affermare la verità, la determinazione a salvaguardare il nostro legittimo interesse nazionale, la disponibilità ad aiutare fraternamente i più bisognosi a casa loro. Solo così saremo credibili, sinceri, seri e responsabili quando promettiamo: “Mai più morti nei nostri mari”!

Magdi Cristiano Allam  – IO AMO L’ITALIA

Tag: , , , , , , , , , , ,

7 Risposte to “La tragedia dei clandestini – I buonisti facciano mea culpa. Vanno aiutati ma a casa loro”

  1. Clara Says:

    Parole vergognose…aggiunte alla vergogna di un paese con leggi razziste e inumane!

    che c’entrano le leggi razziste? in europa li rispediscono a casa in un botto solo, ma noi ci siamo inventati “il business del salvataggio”, che faranno quelle migliaia di persone che lavorano per l’accoglienza?

    "Mi piace"

  2. Giuliano Cianelli Says:

    Cosa dovrei aggiungere a quello che ha scritto Magdi Cristiano Allam ?, condivido totalmente quanto ha detto, non ho trovato una sola frase non condivisibile. Questo è quanto io stesso penso e mi sforzo di trasmettere ad amici e conoscenti.
    A me purtroppo non è dato spazio sulla Stampa ufficiale per esprimere le mie opinioni, se non in questo giornale on-line che il suo Direttore F. La Rosa mette a disposizione di tutti, per esprimere liberamente le loro opinioni. Ci auguriamo che siano in tanti a pensare come M.C. Allam, specialmente nel mondo dei politici, che in questo momento si sciacquano la bocca strumentalizzando il problema dell’ emigrazione clandestina, per poi piangere lacrime di coccodrillo, asciugate l’indomani della tragedia.
    Papa Francesco fa bene a scuotere le coscienze di tutti, politici e credenti, un invito alla stessa Chiesa e i suoi Ministri a spogliarsi dei previlegi e mettere a disposizione dei più deboli, le loro ricchezze e strutture di accoglienza. Certo, non incrementando l’emigrazione clandestina, poiché i loro beni immobiliari sono cosparsi nel suolo italiano che appartiene innanzi tutto agli italiani e i loro ospiti, che hanno la fortuna di esservi accolti, devono rispettare, sia le nostre leggi, che la nostra cultura, comportandosi civilmente nella società che li ospita.
    Grazie alla stima e riconoscenza che M.C. Allam esprime nei confronti della nostra Italia.
    Giuliano Cianelli

    "Mi piace"

  3. Dusolina Says:

    Magdi CRISTIANO, l’uomo più incoerente della galassia! Se fosse stato per lui Cristo sarebbe stato arrestato come clandestino…che ominicchi voi e lui, per attrarre l’attenzione di qualche sprovveduto avete bisogno di speculare anche sulle peggiori tragedie!

    "Mi piace"

    • goodmorningumbria Says:

      come vede pubblico il suo commento, anche se la sua firma è anonima, giudicare ominicchi persone che non conosce da la cifra esatta della sua cultura civile e della sua educazione, noi non speculiamo sulle tragedie di nessuno, con garbo crediamo di aver sollevato un problema e posto all’attenzione dei lettori un commento ad un avvenimento che ci ha molto turbato, senza filtri mentali e ideologici. Se per lei 300 morti sono normali per noi no, non lo sono, e pensiamo che qualcuno debba muoversi per evitare che si ripetano simili tragedie, far credere al mondo che in italia si può venire liberamente perchè noi siamo buoni e accoglienti si sta dimostrando un errore politico gravissimo e presto pagheremo le conseguenze di una mancata integrazione dei migranti nella nostra società. comunque Magdi Allam, che non voglio difendere perchè si sa difendere da solo, ha sollevato un problema e proposto una soluzione, e se a lei non piace … ce ne faremo una ragione.
      con cordialità
      Francesco la Rosa

      "Mi piace"

    • E Noi Paghiamo ... E Falliamo!! Says:

      Parole pesantissime queste di Dusolina nei confronti di Allam ! Le opinioni devono essere democratiche e non comprendo questo attacco gratuito nei confronti di un affermato giornalista internazionale, spesso condivisibile. E’ incredibile come certa gente… possa attaccare in maniera gratuita senza conoscere. Ecco perche’ l’Italia va male…

      "Mi piace"

  4. W Magdi Cristiano Allam Says:

    Leggendo alcune critiche gratuite all’affermato giornalista internazionale con questo commento desidero fornire un sostegno a Goodmorningumbria che fa benissimo a pubblicare gli articoli di Allam, attualmente EuroParlamentare ed unico Cristiano che dice le cose come stanno e quindi fuori dal coro… Ho avuto modo di conoscere Allam a Montefalco e posso dire che e’ una persona straordinaria, umile e disponibilissima, una persona che ascolta e fornisce immediate e concrete risposte. Un uomo da una mente assai colta. Perche’ criticarlo cosi duramente? Chi siete voi per farlo???

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: