SI SALVI CHI PUO’, SOCIETA’, ECONOMIA, BENI ARTISTICI, ITALIA ALLO SBANDO

Pompei

Pompei

Lettera a Goodmorningumbria

Non si desta giorno in cui non salti alla ribalta il nome di un politico che approfitta della propria carica per appropriarsi di tesori incommensurabili.
L’Italia paese di bellezze naturali, della storia dell’arte, di illustri pittori, scultori che ne hanno fatto la capitale dell’eleganza e della sobrietà dei nostri monumenti e palazzi d’epoca, a causa di di un nugolo di serpi velenose che ci governano è divenuta un colabrodo. Monumenti che raccontano della nostra onorata ed inimitabile storia, crollano giorno dopo giorno con uno strano ma prevedibile effetto ” domino “. La nostra sta diventando una nazione sull’orlo del fallimento, il paese dei quaquaraqua. Dal nord al centro al sud, isole comprese, non passa giorno che gli uomini della G:D:F non scoprano truffe e ruberie da parte di chi ci dovrebbe tutelare, a danno del popolo che li ha eletti! Nonostante i media ed i talk televisivi ne denuncino lo scempio, lo stillicidio non si arresta. I cittadini ridotti economicamente e socialmente ai minimi termini,  imprenditori che si suicidano perché oberati da tasse e gabelle spropositate! La povertà aumenta a macchia d’olio. L’Italia oggi si divide in poveri in canna, costretti a rivolgersi alla Caritas o tra i rifiuti dei mercati rionali per trovare sostentamento ed in opulenti magnati che,  non paghi di ciò che detengono, seguitano a farsi rimborsare anche i 50 cent. per i water. Siamo ormai al livello del terzo mondo. La lista dei politici indagati nulla ha da invidiare alla lista dei nomi denunciati all’anagrafe. Noi ci dissanguiamo, pagando tasse onerose, per mantenere un nugolo di serpi velenose, che stanno provocando il declino della nostra generosa e tanto decantata terra. Loro seguitano a farsi beffa del futuro e i nostri giovani definiti ” bamboccioni ” perché costretti a coabitare con i genitori nonostante la loro età adulta che si trovano costretti ad abbandonare i propri affetti per emigrare oltre frontiera come fecero un tempo i nostri nonni. Questi malfattori circondati da guardie del corpo, si recano anche a fare le provviste comodamente seduti in auto blu con tanto di autista| Seguitano a derubarci in maniera spudorata e vergognosa, anteponendo i loro interessi personali a quelli della collettività.

Nuccia Arena

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: