Raffaele Nevi (Forza Italia) concorda con Giacomo Leonelli (PD): In Umbria le riforme sono state solo annunciate ma mai fatte in concreto

Leggo con interesse gli interventi del segretario regionale del PD Leonelli che finalmente dopo anni di silenzi, e di ruoli ricoperti in Comune e Provincia senza mai fiatare, scopre, forse anche a causa della sonora sconfitta subita a Perugia da cui vuole distinguere le sue responsabilità, che quello che diciamo da anni, e cioè che in Umbria le riforme sono state solo annunciate ma mai fatte in concreto, è vero. Sulle partecipate in particolare e sulle questioni relative ai servizi pubblici locali condivido totalmente quello che dice e che suona come una vera e propria scomunica alla Marini e ai ritardi accumulati su questi temi. In effetti, come diciamo da anni e come è stato ripetuto anche recentemente dalla Corte dei Conti, questo è il vero bubbone, insieme a quello dei consulenti clientelari assunti con contratti di collaborazione in Regione, che la Giunta Marini non ha voluto affrontare, come aveva annunciato all’inizio della legislatura a seguito delle inchieste della magistratura su Webred. Leonelli dice che il momento di cambiare è arrivato. Sono le stesse parole della Marini di quattro anni fa. È per questo che la loro credibilità diminuisce di giorno in giorno. Il cambiamento cioè un nuovo modo di intendere la pubblica amministrazione, un nuovo rapporto tra pubblico e privato, la meritocrazia nella gestione del personale e della Sanità, sono principi che si devono praticare e non solo annunciare e non basterà a Leonelli cercare di nascondere la polvere sotto il tappeto e provare a scaricare sulla Giunta e i consiglieri di maggioranza tutte le colpe. Il centrosinistra è, a nostro avviso, un sistema di potere incapace di cambiare e coinvolgere forze nuove della società civile rottamando il sistema politico clientelare messo in piedi in 60 anni di gestione del potere. Per questo l’unica credibile possibilità che ha l’Umbria di cambiare è di mandare a casa questa maggioranza favorendo l’alternanza come è successo a Perugia e come succederà in Regione a primavera del prossimo anno.

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: