Lettera a Matteo Renzi – Lui muore e lei non sposata perde tutti i diritti sui beni che fino al quel momento aveva contribuito a far crescere

Giacomo Leonelli e Matteo Renzi

Giacomo Leonelli e Matteo Renzi

Caro Matteo

ti racconto questa storia; qualche giorno fa ho conosciuto una signora: mi ha raccontato di aver passato quasi 30 anni della sua vita accanto a un uomo; hanno condiviso praticamente tutto, gioie, passioni, amicizie, sorrisi, come milioni di coppie. Poi un giorno come tanti il suo compagno se n’è andato improvvisamente, lasciando un vuoto davvero incolmabile. Una triste storia di vita fin qui, come tante purtroppo.

Credo che ci sia però qualcosa che è peggio della morte della persona che si ama: non avere il tempo di vivere il proprio dolore.

Eh già, perché c’è la legge italiana: e persone che non hanno mai fatto parte della tua vita, che non hanno mai condiviso nulla con te, che non hanno idea di quali fossero le date importanti della tua storia d’amore, le vacanze vi piacevano, che musica ascoltavate insieme, o il vostro ristorante preferito, per il solo fatto di portare magari il suo stesso cognome, o quello di sua madre, hanno però il diritto di comprarsi un catenaccio e un lucchetto.

E allora non hai il tempo di piangere la persona che hai amato, perché devi attaccarti al telefono per trovare un posto dove dormire quella notte; perché ti hanno chiuso fuori da quella che per 20anni è stata a tutti gli effetti “casa tua”. Con i tuoi vestiti, i tuoi ricordi, le tue sigarette. Non hai il tempo di versare qualche lacrima sulle vostre foto insieme, perché pensi solo a come “salvarle” evitando che finiscano chissà dove o nelle mani di chissà chi.

Non serve credo un giudizio morale: non spetta a noi che viviamo questo mondo giudicare la famelica occupazione di beni o proprietà di una persona che fino a qualche anno fa neanche sapevi che esistesse, e che va a calpestare il rispetto e la dignità di chi invece l’ha amata.

Spetta invece a noi di questo mondo costruire una società migliore; spetta a questa classe politica, ed in particolare al tuo governo, archiviare un mero dibattito di posizionamento su gay, famiglia, valori (veri o presunti tali), per realizzare una rete di diritti civili per tutte le coppie di fatto.

A chi dice i “problemi veri sono altri” gli va ricordato che il fatto che oggi in Italia ancora accada questo determina un problema di civiltà. E che in quanto tale è più rilevante di tutte le altre “priorità” di cui si discute su giornali, telegiornali, vertici economici o convegni su location paesaggisticamente indiscutibili.

Un affettuoso saluto

Giacomo Leonelli

Segretario Pd Umbria

———————————————-

Commento: è una vera battaglia di civiltà, condivido al 100%. F.L.R.

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: