Per aderire a Forza Italia Claudio Ricci dovrà passare dalle primarie, accetterà?

Riceviamo e pubblichiamo

Giorgio Bartolini

Giorgio Bartolini

Apprendo, anche dalla stampa, che il sindaco di Assisi si avvicinerebbe a Forza Italia dopo esserne uscito, a condizione che io sia rimosso da coordinatore del partito. Dico subito che le sue vicende personali politiche non mi riguardano. Anzi sono sicuro che Assisi avrebbe tutto l’interesse che Ricci “andasse” alla regione, lasciando così l’incarico di sindaco un anno prima della scadenza del mandato. Infatti sono anni che il nostro territorio è stato abbandonato: non ha più una politica economica, viceversa ha la più alta tassazione di imu e tasi dell’Umbria, è aumentato il degrado ambientale. Assisi ha perso il punto nascita dell’ospedale e l’ufficio del giudice di pace. Il Sindaco è stato bocciato sulle quote rosa dal Consiglio di Stato. Anche la recente bocciatura del nome di Assisi per la candidatura a Capitale europea della cultura 2019 si poteva evitare, in quanto la normativa prevedeva che potesse partecipare solo una città, come in effetti è avvenuto, cioè Perugia, cosa chiara fin dall’inizio della presentazione della candidatura contrariamente a quanto Ricci ha voluto far credere per mettersi in evidenza ed esibire questo titolo nella sua campagna elettorale, sperperando ben 100 mila euro di denaro frutto delle tasse dei cittadini.

Per aderire alla coalizione del centrodestra, gli è stato chiesto giustamente di confrontarsi con le primarie, in quanto la sua autocandidatura a presidente della regione è espressione solo di se stesso. Dubito che lo farà.

Faccia pure la sua strada, ma non pretenda i voti della gente che lo conosce bene.

Giorgio Bartolini

Tag: , , , , , , ,

Una Risposta to “Per aderire a Forza Italia Claudio Ricci dovrà passare dalle primarie, accetterà?”

  1. Alfonso # Says:

    Ragazzi, qui si parla solo di giochi di potere ed assegnazione di poltrone …. e le tasse locali sono sempre piu’ alte. Per favore, non prendiamoci in giro. Tanto si e’ visto in molte, moltissime realta’ locali a livello nazionale … i politici al potere possono cambiare anche come schieramento politico … ma le tasse ovunque aumentano. C’e’ da dire altro? Ai lavoratori non interessa chi vuol andare in cima alla Regione od alle primarie … interessa non avere una tassazione storicamente ai massimi livelli come quella attuale con la quale, in molti, non ce la fanno a campare.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: