Mostre: LE ALCHEMICHE ARMONIE DI FERRUCCIO RAMADORI

ferruccio ramadoridi Bruno MOHOROVICH

L’universo dovrebbe essere equilibrio e proporzione. E’ la concezione pitagorica che determina tale dualismo riferendosi all’armonia che interpreta anche in un’ottica musicale, vista  come fautrice di una unità ordinata e razionale.

In una sua poesia, “Emigrazione”, Ferruccio Ramadori scrive: “[…]più faticamo e peggio c’iartrovamo./Non sapemo parlane /non sapemo arrisponne. (più fatichiamo e peggio / ci ritroviamo. / Non sappiamo parlare / non sappiamo rispondere.)”

NUDO-RAMADORI-168x250L’artista è sempre stato legato alla sua terra d’origine, la Valnerina ed in particolare Scheggino, che gli ha dato i natali. Un respiro nostalgico e poetico dei luoghi, un impegno preso con quei “non sappiamo parlare” e“non sappiamo rispondere” nel mezzo dei quali colloca la sua poetica che rifiuta la disarmonicità fra l’uomo e la realtà circostante, profondendo l’amore verso la sua terra e quanti l’hanno dovuta lasciare,e l’abitano ancora, nella memoria della pittura. Una trasfigurazione mistica che lo vede nell’attuale esposizione (“Acqua alchimia memoria”,2015) così come in precedenti altre mostre (“Gestualità in equilibrio”, “Tra il bianco e il nero”,”Mia terra”….) indagare l’anima lungo sentieri di trasparenza cosmica e cromatica,  volti a cogliere  le corrispondenze celate tra gli elementi – materiali e non – della natura.

La pittura di Ramadori, non solo ha voce,ma allegramente urla. È il  suo pennello, sono i suoi colori che materializzano e rendono palpabile il pensiero, il sentire dell’artista; egli, solo ci chiede di mettersi nella condizione d’ascoltare, così come la “Sant’Orsola” del Carpaccio, che trattiene con la mano chiusa a conchiglia all’orecchio, il sommesso impercettibile suono dei sogni e dei desideri. Lo spettatore dinanzi a queste tele di grandi dimensioni non può non essere partecipe dell’eloquio dell’artista, perch’egli, come già la sua poesia,  è il paesaggio, in quanto assume piena consapevolezza della propria presenza nel mondo in armonia con l’ambiente che lo circonda, riproducendolo e riproducendosi metamorficamente nel bello (e nel brutto), cerca alfine solo d’uscirne migliorato. La poetica ramadoriana si sintetizza  nella tradizione astrattista appresa dalla lezione di Kandinsky, personalizzando nel tempo “silohuette” biomorfe ed elementi fantastici di varia forma e colore. La forza di Ramadori è il posizionamento sulla tela dei colori fondamentali, ch’egli stende senza limite, in uno sfavillìo rigoglioso. La cupezza non gli appartiene e gioca con gli elementi scomponendoli in un continuo e regolare susseguirsi di linee, mura e palazzi di pietra, elementi di una metamorfosi futuribile e vagamente langhiana, divengono monumenti cristallizzati.  Fughe ch’egli volutamente non contiene, anzi asseconda, indugiando in baroccheggianti parallelismi che fendono lo spazio in ideali figurazioni armoniche,godibilmente ironiche. Uno sviluppo di tratti ed elementi architettonici, in cui il tempo si sottrae alla memoria e si estende in una continuità fuori campo (FC). Convenzionalmente il quadro ha una cornice, per cui questi ha una funzione centripeta, cioè il mondo è dentro il quadro, in quanto delimita l’elemento diegetico del medesimo ed è un’astrazione del mondo tale da non rimandare alla realtà circostante. Al contrario, le opere di Ramadori hanno anche una forza centrifuga che sollecita lo sguardo fuori dal centro: esclude si il mondo intorno ma lo presuppone in quanto complementare e necessario all’azione in campo: è l’estensione del non – visto.

In tal senso, di fronte alla cosmogonia del nostro, lo spettatore è indotto a completare il gesto pittorico ed entrarne a fa parte condividendo quello che Seneca definiva “concentum”, traducibile con armonia. Concentum in effetti è un derivato di cantus col prefisso cum (cum + cantus) che significa letteralmente “cantare insieme”, ed è riferito ad un’armonica unione di più parti melodiche.

Questo gioco di linee determina quello che Baudelaire descriverebbe come “La  natura è un tempio dove pilastri vivi/mormorano a tratti indistinte parole; /l’uomo passa tra foreste di simboli/che l’osservano con sguardi familiari”; e così il Nostro, dissemina una combinazione di elementi, siano essi grafemi, siano essi numeri, che finiscono per reiterarsi nello spazio e nel tempo; le prime tre lettere dell’alfabeto, disposte per lo più in un ideale e percettibile triangolo (figura geometrica che ritornerà sovente), – alchemicamente simbolo dell’acqua, ed elemento di intuizione ed emozione – esotericamente rammentano l’origine della parola e la sua inalienabilità;  i numeri  riecheggiano un’ altra delle chiavi di lettura fondanti l’opera di Ramadori: il Tempo e l’Armonia. Il primo espresso in numeri romani sospesi nel colore, che viene inteso come “estensione dell’anima”, elemento centrale della nostra percezione della vita e trait d’union tra la biografia dell’artista e la storia di cui fa parte; in “Spartito”la Musica,  è rappresentata da un pentagramma – una luce di fondo lo squarcia, posizionandolo su un letto blu intenso – e lascia intendere l’emanazione prepotente e sonora di un lirismo al contempo intenso e delicato, accentuando quelle consonanze musicali senza le quali non si può perseguire la perfezione della ragione e, da questa, le conseguenti consonanze dell’anima.

L’arte di Ramadori si presenta come sintesi perfetta di forme e colori ch’egli sublima ora in nette demarcazioni,vedi “Campo nel bosco” con una terra rosso fuoco che fa da contraltare ad una natura gioviale; i “Nudi” dove figure sirene/femminili che rimandano a Picasso, sommerse/immerse nell’azzurro d’acqua assumono un plastibilità inquietante; ora nell’uso delle varie tonalità di blu laddove pone, immerso e nascosto nelle linee virtuosistiche per quanto severe, quel “Nudo” di donna abbandonato, non sospeso bensì adagiato su una trasmutata mano non in attesa dell’inelluttabile,ma del sopraggiunto godimento.

Quello stesso sentire che Ferruccio, pur alla costante ricerca della risoluzione delle tensioni ch’egli esprime,percorrendo le vie della conoscenza della realtà profonde della vita,evoca nei suoi “Appunti”intimistici e familiari riuscendo a far riecheggiare le memorie del suo passato evocando tempi e luoghi, suoni e silenzi perché “[…]Semo jente bastarda perchéne/
quilli dellà, de lu pianu /se sentono tutti arpuliti./ Ma cemo lu core bonu,
e non sapemo dì mai de none.[…] (Siamo gente bastarda perché / quelli di là, della pianura / si sentono tutti ripuliti. /Ma abbiamo il cuore buono, / e non sappiamo mai dire no.[…])

Mostra alla Torre dei Lambardi di Magione (PG) – fino al 20 settembre

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: