Le foto di Tanya Giacometti ed i dipinti di Mauro Tippolotti in mostra presso SpazioArte di Mandarini Arredamenti

...

Tanya Giacometti

Luce e colore dal 19 settembre al 10 ottobre SpazioArte di Mandarini Arredamenti Via Ferriera, 52, Torgiano – Perugia
Tanya Giacometti è nata in Nuova Zelanda nel 1971 e vive a Perugia.
Instancabile Viaggiatrice ha accumulato molto materiale fotografico realizzato in tutta Europa.
Le sue Mostre Fotografiche hanno come argomento la bellezza e la magia del Viaggio.
Perche’ Viaggiare restituisce il gusto di vivere e la connessione con gli altri.
Aiuta a fare provviste di immagini e sensorialita’ per rinnovare lo sguardo verso L’Infinito.
Per quante siano le strade, i villaggi , le citta’, i deserti e i mari, l’obbiettivo è raggiungerli, sentirli, osservarli, e provare l’esultanza di essere in quel luogo… e rinnovare ogni volta il Brivido di esistere.

PANTEONL’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 2015 Anno Internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce ). Lo scopo è sensibilizzare sull’essenzialità della luce come fonte di energia, nello sviluppo dell’istruzione, nelle telecomunicazioni, nella salute e nell’agricoltura e di conseguenza promuovere la ricerca in materia di nuove tecnologie.Dalla fotosintesi alla fibra ottica, dallo studio dell’Universo alla diagnostica per immagini in medicina: la luce è la base della nostra civiltà.

La Luce è fondamentale per un ambiente o per rassicurarci davanti ad uno specchio. Una cattiva illuminazione rende tutto squallido e brutto ed è inutile fare dei capolavori se poi la luce che ne esce fuori è terribile

La luce di una fotografia puo’ trasmettere magia o appiattire il soggetto ritratto, ti puo’ trasferire in un mondo immaginario, o farti sembrare la vita ancora piu’ crudele.
Ho realizzato queste foto  durante i miei viaggi in Europa, in diverse condizioni di Luce:di giorno e di notte.
I miei lavori fotografici mirano sempre ad Elevare la bellezza di ciò che ci circonda.
Lascio al visitatore della Mostra, il piacere di inebriarsi di questa Luce. Tanya Giacometti (Settembre 2015)

tipp4Mauro Tippolotti è nato nel 1948 a Perugia, dove vive e lavora. Dopo una serie di incarichi pubblici ed istituzionali che gli hanno permesso di vivere intensamente le problematiche sociali dell’oggi, da diversi anni riversa nella pittura le inquietudini e le suggestioni del nostro tempo. I colori come percorso emozionale da vivere profondamente in tutte le sue sfumature. Sue opere si trovano in numerose collezioni pubbliche e private.

Mauro Tippolotti: …dal vero giunge a una trama formicolante di colori, una rapsodia, una sinfonia in cui la materia predomina, si insinua, avvampa e conquista. Questa maniera, la più recente, è da applausi. E tanto basta. (Mimmo Coletti)

Mauro Tippolotti …approda alla scrittura, e alla pittura nella maturità, ed è vissuto da questa, è la sua religiosità, la sua apertura poetica verso il mondo interiore, che sconfigge il tedio della mediocrità e osanna il senso ultimo della vita. Colorista puro. (Anton Carlo Ponti)

tipp5L’arte di Mauro Tippolotti si esprime con voli pindarici e varianti pseudo-realistiche straordinarie, con una profondità e consapevolezza inusuali nel nostro tempo. Il suo sentire è informale ma anche terrigno, specialmente quando tende a semplificare, con apparente semplicità, la complessità del nostro mondo. La lezione dei Maestri rinascimentali, ma con il Giotto di Assisi sullo sfondo con i suoi rosa e le sue torri impudiche, viene assunta e metabolizzata fino alla cesura filosofica di Cezanne. Ogni pennellata delle sue opere contiene l’arroganza di Cecco Angiolieri che viene però risolta in un’armonia dolcissima, sia negli spazi più contrastati che nelle scene di guerra o di introspezione impietosa. Non aspettatevi un cammino lineare e piano: la sua ricerca è tormentata ma non per questo meno gioiosa: i colori esplodono e si riversano in mille rivoli, componendo alfine, per sottrazione, un quadro unico di cromie emozionali. Non disdegna inoltre, il nostro, i riferimenti letterari del mondo di Giorgio Manganelli e di Italo Calvino, le sue penne di riferimento, con il richiamo al non detto, a quanto non è scritto, allo spazio bianco tra le parole… unica verità fonte di menzogna. Così come il bianco della tela. ( Eugenio Balla)

Annunci

Tag: , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: