CITTA DI CASTELLO: I 40 ANNI DELLA GALLERIA D’ARTE AMADEI

amaUn traguardo importante e significativo per tutta la città spesso al centro di iniziative e manifestazioni di carattere nazionale ed internazionale grazie alla competenza, passione e lungimiranza con cui Luigi Amadi ha portato avanti la sua attività di gallerista e cultore delle arti visive diventando spesso il punto di riferimento di grandi artisti. Nel corso di questi ultimi decenni l’attività culturale ed artistica non si è limitata al proprio ambito di interesse ma ha spesso fornito spunti e suggerimenti preziosi alle istituzioni per cercare di elaborare progetti sinergici e condivisi in ambito extra-territoriale anche sul versante dell’offerta turistica in grado di dare maggiore forza e penetrazione ai nostri territori in termine di immagine e promozione”.

E’ quanto dichiarato dal sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta e dal vice-sindaco ed assessore alla cultura, Michele Bettarelli, in riferimento ai quaranta anni di attività della Galleria delle Arti, fondata nel 1976 da Luigi Amadei, che proprio in questi giorni celebra con una importante rassegna di diversi e quotati artisti, il raggiungimento di questo prestigioso obiettivo.

“Un luogo caro ai tifernati e non solo, ai tanti turisti e visitatori, che transitando per Via Albizzini, hanno fatto tappa nel corso di questi anni alla Galleria delle Arti per ammirare le numerose esposizioni, monografiche, antologiche e collettive firmate dai più grandi artisti contemporanei, ricevendo sempre una puntuale e forbita descrizione di ogni evento anche a coloro che per la prima volta si avvicinavano a questo genere di espressioni artistiche.”

Nel corso di un cordiale incontro che si è svolto presso la residenza municipale, Bacchetta e Bettarelli hanno sottolineato inoltre l’attaccamento e senso di appartenenza alla città dimostrato da Luigi Amadei in diverse occasioni, come qualche anno fa quando ha donato al comune di Città di Castello una tavola realizzata da Elia Volpi (“In galleria” nel cui titolo affiora un gioco di specchi) appartenente alla collezione privata dello stesso gallerista, compiendo un nobile gesto che ha garantito alla Pinacoteca di riappropriarsi di una preziosa testimonianza del mecenate, antiquario ed artista”.

Tag: , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: