CITTA’ DI CASTELLO: BURRI MA NON SOLO: SI MOLTIPLICANO LE INIZIATIVE CULTURALI IN CITTA’

cit“Quello trascorso è stato a Città di Castello un fine settimana all’insegna della cultura, che ha riempito il centro storico di turisti ma anche di tanti tifernati, protagonisti in prima persona delle iniziative di grande respiro proposte da Artea, Calibro e il Centro Fotografico tifernate. Ognuno con la sua specificità e con pubblici non sempre coincidenti, le tre manifestazioni hanno catalizzato l’attenzione e occupato la scena mediatica. Sulla scia di Burri, le numerose e vivaci anime cittadine stanno imprimendo un’accelerazione alla vita culturale di cui il Comune non può che essere soddisfatto perché esprimono la qualità di un territorio tanto quanto l’arte, l’ambiente e una crescita sostenibile”:

questo il commento dell’Assessorato alla Cultura del comune di Città di Castello reduce da un fine settimana molto denso di appuntamenti “che hanno potuto convivere grazie ai numerosi contenitori di pregio che il centro storico mette a disposizione delle iniziative e che rappresentano un valore aggiunto di qualsiasi manifestazione per la loro versatilità e bellezza: il Teatro degli Illuminati, l’ex Auditorium di Sant’Antonio, il Quadrilatero di Palazzo Bufalini, gli spazi di Nel Frattempo si sono aperti per il programma di Calibro, festival di letture, che, nella presenza ancora fisica e tangibile del libro tradizionale, presidia lo spazio che la tecnologia ha rubato all’arte tipografica e lo innova. Abbiamo avuto la possibilità di ascoltare tante voci interessanti del panorama letterario italiano con incursioni nel costume e nei drammatici processi dell’immigrazione forzosa che osserviamo con preoccupazione e sui quali non possiamo non interrogarci. Che lo facciano e ci spingano a farlo giovani della nostra città significa che il contemporaneo è penetrato nel Dna del nostro modo di concepire la cultura e sta producendo dei risultati molto importanti. In questo senso intendiamo la grande partecipazione alla prima giornata per la Didattica del Contemporaneo, organizzata da Artea, premiata dal tutto esaurito delle iscrizioni e dall’intervento di autorevoli esponenti del settore. I responsabili di importanti realtà museali nazionali, tra le quali il Mart di Rovereto e il Maxxi di Roma, si sono confrontate nella città di Burri sull’utilizzo didattico e accessibile a tutti dell’arte e con tutta evidenza il Centro delle arti contemporanee nascerà su un contesto pronto a sostenerlo anche grazie alla lezione che il Centenario sta ancora scrivendo. Spinte innovative ma ancorate all’identità: solo così si può spiegare l’afflusso alla mostra fotografica Chi éno? che invita a riconoscere i volti di tifernati in vecchie foto, molte delle quali relative a momenti collettivi. Una bella sensibilità quella del Centro fotografico che con un lavoro quotidiano e spesso silenzioso sta conservando per le generazioni future ciò che siamo oggi e ciò che siamo stati. Calibro, Artea, Chi éno? sono tre pregevoli eventi culturali, possibile anche grazie all’Amministrazione comunale che si è impegnata perché la cultura sia un elemento di promozione del territorio a tutto tondo”.

Tag: , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: