Palio dei Terzieri a Città della Pieve

palioIn campo entrano per prime la autorità, il Comune con la sfilata delle massime figure ecclesiastiche e civili ha aperto il corteggio e si dispongono sugli spalti a lato del “campo de li giochi”. E’ la fase finale del corteo storico e l’inizio della gara. Il corteo del Borgo Dentro con gli Armati delle Aquile in testa, seguiti dal carro allegorico di Ebe la custode della giovinezza, il trionfo dedicato alla caratteristica che meglio identifica il Terziere giallo e nero: quello di essere il Terziere più giovane. In mano un’ampolla di ambrosia, tra colonne greche su carro trainato da un cavallo nero.

Segue Bandini II di Bandino, il signore della famiglia nobile e ancora i falconieri e i mercanti i cui passi sono scanditi dal rullo del tamburi e dai bagliori delle lame degli Sgherri di Balia. Per secondo entra il magnifico Terziere del Castello, le chiarine e i tamburi scortano il gonfalone verde e nero e gli sbandieratori apro la strada agli arcieri capitanati da Romeo Scargiali. E’ poi la volta del carro allegorico con Demetra segno di prosperità e speranza e delle famiglie nobili dei Baglioni e Melosio in abiti lussureggianti ricavati dai dipinti rinascimentali che ritraevano i signori dell’epoca. E poi i priori delle arti maggiori: il cerusico (medico) e l’orafo. E poi il grande carroccio del Castello , trainato da buoi di razza chianina, con a bordo il consiglio degli anziani e il priore magno, seguito da una scorta di cavalieri. E infine il Casalino, il Terziere vincitore uscente che ha l’onore di portare in corteo il Pallium. Battaglia della farina (1)

I tamburi lo scortano, seguiti dalle chiarine e dagli armati con abiti fedelmente ripresi dai quadri del Perugino e del Pinturicchio e armature forgiate sull’orma delle tenute da guerra autentiche.

Ispirato alle opere di Piero della Francesca, il carro allegorico dei rossoblu rappresenta la vittoria del condottiero. Il vincitore siede su un trono, perché la battaglia gli ha portato la gloria ed è protetto da una fanciulla con grandi ali bianche che rappresenta la nike alata ed è attorniato dalle quattro virtù. Mentre gli arcieri iniziano a disporsi in campo per la sfida finale, per le vie della Pieve si consuma un’altra battaglia, è “la guerra della farina”, la pittoresca guerra bianca a colpi di sacchetti di polvere bianca.

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: