Traffico di armi dall’Italia all’Arabia Saudita: Procura della Repubblica di Brescia apre un’inchiesta.

A quando quella di Perugia dopo l’esposto di Radicaliperugia e Movimento nonviolento?

Finalmente una Procura della Repubblica – quella di Brescia – ha aperto un’inchiesta sul traffico di armi dall’Italia all’Arabia saudita per bombardare lo Yemen. L’annuncio è di poche ore fa. La notizia di possibile reato, su cui si focalizza il documento presentato anche a Perugia, Roma, Cagliari, Pisa e Verona è relativa alla violazione dell’articolo 1 della legge 185/90 che vieta l’esportazione di armamenti verso paesi in stato di conflitto armato e che violano i diritti umani. Ci auguriamo che lo stesso avvenga a Perugia dove Radicaliperugia e Movimento nonviolento nel febbraio scorso depositarono un circostanziato esposto sullo stesso argomento presso la locale Procura della Repubblica.

Peccato che non si sia sfruttata la recente marcia Perugia-Assisi per portare alla luce questo commercio di armi clandestino denunciato da una rete per il disarmo molto attiva e ben documentata. Temiamo che fino a quando il movimento pacifista non farà i conti con le ragioni profonde che portano al riarmo in atto e non agirà politicamente per fermarlo, sarà destinato al sicuro fallimento

I firmatari dell’esposto: Michele Guaitini, segretario di radicaliperugia, Andrea Maori, tesoriere di radicaliperugia, Elisabetta Chiacchella, esponente di radicaliperugia e del Movimento nonviolento

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: