Posts Tagged ‘catullo’

A San Valentino, da Goodmorningumbria gli auguri più belli a chi ama e a chi sogna di essere amato

13 febbraio 2012

Amore

Amore, vengo per non pensare alla forza della passione,

direzione obliqua che tende la pelle tanto quanto tu esageri il mio desiderio.

Diretta alla carezza di una piuma che sollevo con un soffio,

la mano che mi dai attraversa il mio spazio e tocca il vertice della cuspide tesa. Il senso che verte su didascalie raccolte nel tuo ombelico cerca l’amore con attenta attrazione per le parabole…

Ed io… non posso fare altro che sollevarti al cielo e sprofondare all’inferno da solo, alla ricerca del tuo amore unico.

Dalla raccolta “Catullo”, di Ottavio Trado

Eccomi

Eccomi…
so che mi aspettavi!

Mi spoglio
davanti ai tuoi respiri
che lenti si muovono
nella mia mente…

Eccomi…
sono qui per profumarti
i pensieri col mio
odore di donna…

… e capricciosa
vibro nell’attesa!

Copyright©2010 – WOMEN@WORK

CATULLO, poesia d’amore allo stato puro maschile

26 novembre 2011

a cura di COSTANZA BONDI

WHO: uomini che amano le donne… Ottavio Trado, Angelo Curzio, Pietro Calidus, Lucio Maschio, Arcangelo Gabrieli, Alberto Romano, Alessandro Baldini, Andrea Kostan, Angelo Opus, Nicola Morabi, Pier Giorgio Cardoni.

WHAT: diario intimo dalle seduzioni di stile, per parole che scaldano il cuore tramite dediche a donne comuni, ma ognuna speciale, alle donne di tutti i giorni, alle donne in quanto femmine.

WHY: il marchio WOMEN@WORK apre le sue dorate porte alla scrittura maschile di autori immensamente immersi nella propria parte di cantori d’amore.

WHERE: qui, in libreria e online… luoghi perfetti per fughe romantiche mentali.

WHEN: ora e sempre, in una “allure speciale” ispirata da amori veri e che aspira a desideri in cui i “lui” che scrivono… senza amore non saprebbero vivere!

WOMEN@WORK, ovvero – come è stata definita dallo scrittore Marco Proietti Mancini – “scrittura né erotica né gastronomica, assolutamente non visiva, ma che coinvolga ogni senso, che dalle pagine escano odori, profumi, sapori, musiche, che nelle pagine rientri l’odore delle dita, il sapore delle lacrime e l’immagine dei sorrisi, il suono delle risate o del pianto che ci hanno provocato… fino a diventare con il libro tutto una sola cosa: appunto… Letteratura dei Sensi!”

per acquisti online http://www.futuraco.it/default_00004d.htm