Posts Tagged ‘giovanardi’

Ronconi: Il senatore Giovanardi Ricci non se lo fila nemmeno

17 ottobre 2015

Qualcuno avverta  il senatore Giovanardi , appena uscito dal Nuovo Centro Destra  ed intenzionato, dice lui, a ripartire dai territori e in Umbria da Ricci, che il candidato perdente di centro destra alla regione  a Giovanardi non se lo fila neppure, impegnato com’è a consolidare alleanze con la destra di Salvini, della Meloni, con Forza Italia, ovvero con quella parte politica che Giovanardi ha abbandonato.

La verità è che quando di parla dell’Umbria i politici romani si fanno prendere la mano tentando di strumentalizzare tutto quello che c’è oppure, vengono avvolti da una inestricabile confusione.

Annunci

Il Sindaco di Assisi Claudio Ricci e “Per l’Italia Popolare” a Verona – Convegno Nazionale “Un nuovo Centro Destra per il Popolo Italiano”

30 novembre 2013
Riceviamo e pubblichiamo
logo ricciIl sindaco di Assisi Claudio Ricci, parteciperà a Verona, al Convegno Nazionale “ Un nuovo Centro Destra per il Popolo Italiano”. Nell’ambito dei lavori a cui prenderanno parte, Formigoni, Cicchittto, Roccella, Costa, Compagna,Giovanardi, Sacconi, e le cui conclusioni sono (more…)

MARIA ROSI (PDL), DROGA IN UMBRIA: “MI AUGURO CHE LA GIUNTA REGIONALE SI RIMBOCCHI LE MANICHE E RAGGIUNGA UNA NUOVA INTESA CON IL DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA”

24 Mag 2011

Risposta data in Consiglio regionale dalla presidente della Giunta Catiuscia Marini sul finanziamento restituito al Dipartimento politiche antidroga (Dpa)

Maria Rosi, consigliere regionale PDL

L’interrogante Maria Rosi (Pdl) in uno nota afferma: “Ci terrei a specificare che il progetto di prevenzione delle patologie correlate, di riduzione dei rischi e dei danni era stato affidato alla Regione Umbria ben 14 mesi fa ed è rimasto inattivo per tutto questo tempo, in quanto il Dipartimento Politiche Antidroga, la cui delega è affidata al senatore Carlo Giovanardi, richiedeva alla Regione di orientare le azioni del progetto verso interventi immediati e concreti, tesi a ridurre il rischio di overdose e di infezioni. Al contrario è stato proposto a questo Dipartimento, ancora una volta, un progetto di studio e di ricerca chiaramente inaccettabile considerata l’ esigenza di intervento. Quanto al consenso delle Regioni italiane – aggiunge la Rosi – ci risulta che alcune fossero d’accordo ed altre no, e che alla fine purtroppo ha prevalso il no. La prevenzione delle patologie correlate e quindi delle infezioni e delle overdose è comunque un atto dovuto da parte dei Sistemi sanitari regionali e che il progetto affidato alla Regione Umbria era stato finanziato per promuovere e sostenere questo indispensabile intervento. Il Dpa non ha
recepito le proposte precedentemente fatte dalla Regione Umbria, in quanto non erano pertinenti e con l’obiettivo di attivare immediati interventi. Purtroppo ancora una volta abbiamo visto il prevalere di logiche politiche burocratiche sulla necessità di in un intervento sanitario indispensabile per contrastare le overdose. Ed è per questo che a suo tempo è stata chiesta la restituzione del finanziamento. Al di la delle precisazioni – conclude la Rosi – è necessario un nuovo impegno della Giunta a collaborare con il Dpa rimboccandosi le maniche e sottraendosi finalmente alla continua meditazione. Prendo comunque atto che le dichiarazioni di collaborazione con il Dpa, fatte oggi dalla presidente Marini siano un impegno serio nella lotta alla tossicodipendenza, per la quale non possono essere tralasciati il coinvolgimento delle scuole, delle comunità di recupero, delle istituzioni e il rinnovamento del Sert.