Posts Tagged ‘infiorata’

Infiorate Spello, tutto il percorso dei gruppi infioratori

15 giugno 2017

infi1

Infiorate di Spello, 17-18 giugno 2017

A Spello è tutto pronto per le artistiche infiorate del Corpus Domini. Il Kick Off 2017  è in programma venerdì 16 giugno alle ore 20 con il montaggio delle prime tensostrutture,, tra musica e degustazioni di birra “Etica” ai fiori di sambuco, e l’apertura della Taverna degli infioratori con prelibati menu a base di erbe e fiori  preparati dal cuoco Luca Piastrelli.  In attesa della Notte dei fiori, il presidente dell’Associazione degli infioratori annuncia anche le novità che interessano gli aspetti logistici e la sicurezza del percorso delle infiorate lungo il centro storico del borgo di Spello. (more…)

Annunci

Spello: Un’infiorata per il Presidente della Repubblica

15 maggio 2017

infUn omaggio simbolico degli infioratori a Sergio Mattarella in visita ai mosaici romani di Spello il 19 maggio (more…)

Infiorate di Spello 2015, vince l’infiorata del gruppo “Arco Romano”

7 giugno 2015
1° classificato

1° classificato

Il vincitore  assoluto del 54esimo concorso delle Infiorate di Spello è il gruppo “Arco Romano” con l’infiorata n. 12. A cedergli l’ambito trofeo Properzio è stato il gruppo vincitore dell’edizione 2014, “Filippo Petrucci”, che però non abbandona il podio e si aggiudica il secondo posto della categoria quadri (infiorata n.17), seguito dal gruppo “Borgo” (infiorata n. 18). Il gruppo “Aisa”, invece, (infiorata n. 19) si è conquistato il premio speciale Daniele Ciampetti, assegnato, sempre per la categoria quadri, da una giuria popolare composta dagli stessi infioratori. (more…)

SPELLO, LA CLASSIFICA COMPLETA: Vince l’infiorata di Filippo Petrucci!

23 giugno 2014
Prima Class.  2014 Filippo Petruccioli

Prima Class. 2014
Filippo Petruccioli

Il vincitore assoluto del 53esimo concorso delle Infiorate di Spello è il gruppo “Filippo Petrucci” con l’infiorata n. 17. A cedergli l’ambito trofeo Properzio è stato il gruppo vincitore dell’edizione 2013, “Fonte de Borgo”, che resta però sul podio, al secondo posto della categoria quadri (infiorata n.14), seguito dal gruppo “Piazza Gramsci” (infiorata n. 8). (more…)

Spello: Intervista a Sandro Vitali, è stato davvero il sindaco di tutti?

9 dicembre 2013
Benedetta Tintillini - www.umbriaecultura.it

Benedetta Tintillini – www.umbriaecultura.it

di Benedetta Tintillini

L’anno volge al termine, incontriamo Sandro Vitali, sindaco di Spello, per il quale è tempo di bilanci anche in vista del prossimo termine della sua esperienza alla seconda sindacatura come Primo Cittadino.

Sindaco Vitali, innanzitutto cerchiamo di tracciare, in sintesi, il percorso di questi 10 anni alla guida di Spello.

Sandro Vitali

Sandro Vitali

Sono stati dieci anni di estremo impegno ma anche di enormi soddisfazioni. La Spello che trovai al mio primo insediamento era una Spello ad un basso livello, era la Spello del post-terremoto, dove molto c’era da fare per farriacquistare a questo borgo il posto di rilievo che merita in ambito regionale. La prima esigenza che ho sentito da sindaco è stata di (more…)

IL NUOVISSIMO VIDEO DELLE INFIORATE DI SPELLO 2013: TECNOLOGIA E TRADIZIONE REGALANO UN’EMOZIONE

16 settembre 2013
Benedetta Tintillini

Benedetta Tintillini

di Benedetta Tintillini

Sabato scorso è stato presentato ufficialmente il nuovo video delle Infiorate 2013, alla presenza del Presidente dell’Associazione Infiorate di Spello Guglielmo Sorci, di Carlo Intotaro della Droinwork Aerial Film, realizzatore del video, e del Sindaco di (more…)

Sabato 14 sarà presentato il IL VIDEOCLIP DELLE INFIORATE DI SPELLO

13 settembre 2013

infiorataRealizzato durante la notte dei fiori 2013 con moderne tecniche di ripresa dall’alto, tra cui speciali mini elicotteri con videocamera

La presentazione ufficiale il 14 settembre al Comune di Spello.

L’edizione 2013 delle infiorate di Spello è stata immortalata in un originale video realizzato con moderne tecniche di ripresa e presentato in un format moderno che in soli 6 minuti riesce a cogliere lo spirito, l’atmosfera e le (more…)

Cannara Grande il successo per le Infiorate

3 giugno 2013

cannaraGrande successo per le Infiorate di Cannara che nella giornata di domenica hanno offerto ai numerosi visitatori uno spettacolo unico di colori e profumi.

Le Infiorate rappresentano per Cannara uno dei momenti artistici,culturali e religiosi di maggior rilrivo: un momento in cui l’intero paese si anima di voci suoni e colori e dove ogni cittadino, di qualunque età fornisce il suo personale e fondamentale (more…)

Infiorate di Spello 2013. Vince l’infiorata di Fonte di Borgo!

3 giugno 2013
FonteBorgo 1° classificato

FonteBorgo 1° classificato

Dopo due vittorie consecutive, il gruppo “Filippo Petrucci” quest’anno ha ceduto l’ambito trofeo Properzio al gruppo “Fonte di Borgo” proclamato vincitore assoluto del 52esimo concorso delle Infiorate di Spello con l’infiorata n. 13. La vittoria è stata assegnata dalla giuria per la seguente motivazione “Perfettamente riuscita ed equilibrata sia nella propria leggibilità della tematica religiosa sia (more…)

LES TAPIS FLORAUX à SPELLO: LES “INFIORATE”

31 maggio 2013

Version française par Elisabetta Giuliani

C’est le printemps et à Spello, comme tous les ans, il est temps de préparer la fête du Corpus Domini et de l’ “Infiorata”, un merveilleux défilé parfumé de tapis floraux rendant hommage à la solemne procession, symbole du sentiment (more…)

The Infiorate in Spello: the unknown rite of the “capatura”

31 maggio 2013

English Version by Benedetta Tintillini

www.ecologicotours.it tel. 346 3254167

www.ecologicotours.it tel. 346 3254167

Scrolling down the home page you can read the article about the Infiorata in Spello, but now we try to dive in a previous phase of the difficult realization of a (more…)

Spello : al via i preparativi dell’Infiorata del Corpus Domini 2013

29 maggio 2013

infiorrataAnche questa’anno a Spello come ogni primavera stanno iniziando i lavori preparatori per la festa del Corpus Domini e per la meravigliosa, profumata e suggestiva sfilata di tappeti floreali dell’Infiorata, che rendono omaggio alla solenne processione del Corpus Domini, nati come dimostrazione del (more…)

Cannara: Infioratori in festa per il Corpus Domini

28 maggio 2013
foto di

Il Papa e L’Infiorata – foto di Paolo D’antonio

Si apre venerdi 31 maggio la settimana dedicata all’Infiorata di Cannara, la più antica dell’Umbria: L’Infiorata rappresenta per Cannara uno dei momenti culturali, artistici e religiosi di maggior rilievo, un momento in cui l’intero paese si anima di voci, suoni, colori e profumi e dove ciascuno fornisce il proprio fondamentale contributo.

L’Infiorata che ha il suo apice il giorno del Corpus Domini, che quest’anno (more…)

Spello : al via i preparativi dell’Infiorata del Corpus Domini 2013

23 maggio 2013

infiorata_spello2Anche questa’anno a Spello come ogni primavera stanno iniziando i lavori preparatori per la festa del Corpus Domini e per la meravigliosa, profumata e suggestiva sfilata di tappeti floreali dell’Infiorata, che rendono omaggio alla solenne processione del Corpus Domini, nati come dimostrazione del sentimento religioso del territorio. Intorno al 1930 dalla devozione di una Spellana nascono i primi tappeti di finocchio e ginestra, giallo e verde i colori del frantoioSubasio e della sua profumatissima e varia vegetazione, mentre scrivo dalla finestra aperta mi arriva il profumo della ginestra appena fiorita. Da quel primo semplice disegno e dall’ingegno degli infioratori Spello è diventata nel tempo

Capitale dell’Infiorata, vengono rappresentati veri e propri brani del vecchio e del nuovo testamento e il fiore diviene pennellata profumata un dipinto tanto

meraviglioso quanto effimero. A differenza di altre manifestazioni a Spello l’arte di dipingere con il fiore ha assunto caratteristiche davvero spettacolari. I colori vivi, i fiori freschi le tecniche e le innovazioni dei maestri infiora tori consentono di raggiungere risultati narrativi di valore infinito. Ma non è dalla tecnica arida che nasce questo meraviglioso percorso che si snoda per le vie di questo paese, piuttosto dalla passione di chi decide di dare anima e corpo al raggiungimento del risultato. Anziani signori si trasformano di nuovo in ragazzini per andare a raccogliere i fiori per creare il tappeto. I maestri infioratori sacrificano per mesi prima dell’evento le loro sere per realizzare la bozza del disegno che si trasformerà in un quadro vivo.

Si accendono rivalità fra i gruppi concorrenti nel concorso sorto a latere della manifestazione religiosa, ognuno reclama a se il Properzio simbolo della vittoria, si arriva persino a dormire abbracciati alla statuetta la notte stessa della vittoria, vi giuro non sto scherzando, noi infioratori siamo una razza strana decisamente qualche piccolo briciolo di follia deve essere entrato misteriosamente ne nostro DNA per lavorare così tanto. Devo essere però onesta vedere quel bozzetto, che i maestri infioratori hanno passato così tanto tempo a creare, realizzato sull’asfalto di questo storico borgo ci fa venire i brividi, dona delle sensazioni mai provate. Vi invito a venire a trovarci anche quest’anno e dalle indiscrezioni che sono riuscita a strappare in giro credo che questo 2011 ci regalerà altrettanti capolavori che gli anni passati.

Nella terra di Francesco le energie sostenibili protagoniste con i Giovani Infioratori di Cannara.

7 giugno 2012

Ditelo con un fiore, ed è proprio così che si fa a Cannara dal lontano 1826, anno della prima infiorata, una tradizione antica e fortemente legata alla celebrazione del Corpus Domini. Ogni anno, oltre quindici gruppi di volontari, si riuniscono per realizzare rappresentazioni a tema geometrico o religioso che impreziosiscono il percorso disegnato dai graziosi vicoletti e strade della cittadina adagiata ai piedi di Assisi. E se a parlare di tradizione antica viene quasi spontaneo dire ‘nulla di nuovo sotto il sole’, quest’anno la novità c’è ed è tutta opera dei (more…)

A Cannara (PG) in occasione della festività del Corpus Domini si rinnova l’antica tradizione delle Infiorate

4 giugno 2012

L’evento che quest’anno cadrà domenica 10 giugno, trae origine dall’antica tradizione di cospargere le vie del paese con petali di fiori misti ad erbe fresche per rendere omaggio al transito (more…)

Il ministro Brambilla esclude Assisi dal marchio “Patrimonio d’Italia”

13 agosto 2011

Il ministro Brambilla riveda i criteri per l’assegnazione del marchio “Patrimonio d’Italia”,così inizia il testo dell’interrogazione presentata in data 03 agosto 2011 alla Camera, dal deputato umbro On.Gianpiero Bocci. Va un grazie sentito all’On. Bocci da parte del Consigliere comunale Claudia Maria Travicelli,per la grande attenzione che anche in questa occasione ha saputo riservare alla città di Assisi. Penso di parlare, dice il Presidente della 3° Commissione Consiliare Claudia Maria Travicelli, a nome di tutti gli Assisani, ho avuto modo di poter leggere anche i vari interventi di protesta in tal senso da parte del Sindaco di Assisi Ing.Claudio Ricci. Non é possibile continua la Travicelli, che il ministro Brambilla nello stanziamento previsto di un milione e mezzo di euro, ammontare dedicato alle manifestazioni culturali che contribuiscono a valorizzare l’immagine dell’Italia e a generare nuovi flussi turistici, nonché nel riconoscimento delle 34 manifestazioni premiate come “Patrimonio d’Italia”, abbia potuto escludere la città di Assisi.

Escludere una manifestazione come il Calendimaggio di Assisi è impensabile, è riduttiva la cernita che il ministro ha fatto, una selezione che non tiene conto assolutamente del complesso di rievocazioni storiche e culturali che caratterizzano le tradizioni del Calendimaggio di Assisi. Tradizioni che mantengono vivi i legami con le radici, non escludendo il generare ricchezza, richiamando moltissimi visitatori e turisti dall’Italia e non solo.

Per questo nell’interrogazione, l’onorevole Gianpiero Bocci, chiede al ministro Brambilla di valutare il futuro inserimento anche del Calendimaggio di Assisi nell’elenco degli eventi assegnatari del marchio di altre manifestazioni, che si svolgono nel territorio umbro, oltre alle due manifestazioni già inserite.

Su queste basi, il parlamentare Pd ha chiesto al ministro Brambilla di ripensarci, invitandola  a partecipare personalmente agli eventi per averne maggior consapevolezza, auspicandosi che le manifestazioni umbre escluse, tra le quali il Calendimaggio di Assisi possano essere inserite nell’elenco delle manifestazioni “Patrimonio d’Italia”.”

E’ doveroso ricordare che tra le 34 manifestazioni premiate sono state escluse  importanti manifestazioni umbre come la Giostra della Quintana di Foligno, il mercato delle Gaite di Bevagna, il Calendimaggio di Assisi, i Giochi de le Porte di Gualdo Tadino, la Corsa dell’Anello di Narni, il Palio di Montefalco e anche l’Infiorata di Spello.


 

Infiorata di Spello, eccoci,finalmente siamo in dirittura d’arrivo…

23 giugno 2011

Siamo pronti . Fiori colori e profumi coronano le vie del borgo antico. Spello Splendidissima Colonia Julia sta per vestirsi del suo miglior vestito. Ci siamo l’Infiorata è alle porte, si rinsaldano i legami fra i partecipanti, siamo pronti a onorare la memoria dell’antico miracolo, a riconoscere l’incarnazione del Dio onorandola con il nostro lavoro. Sabato 25 giugno a Spello in una cornice meravigliosa, tutti gli infioratori si metteranno al lavoro per regalarvi e regalarsi qulcosa di unico quanto effimero. Quadri di indubbio valore riconosciuti ovunque come capolavori,saranno composti in una sola notte,pennellate di colore volatile  come i petali dei fiori,leggeri e leggiadri nasceranno dall’abile arte delle mani di uomini,donne,ragazzi e bambini. Mi piace immaginare che il mio amato luogo natio in quel giorno non si vesta solo di fiori e di colori, ma si ammanti anche dello splendore della caparbietà dei suoi maestri infioratori, che portano avanti durante tutto l’anno un progetto, che rubano tempo al sonno e al lavoro,con amore e passione.
L’infiorata costa sacrificio, ma regala legami che nessuno sarà in grado di spezzare, dona capolavori belli quanto effimeri, Il blu dei fiordalisi pastoso e intenso, il profumo dell’acacia dolce e inebriante, il calore dei rapporti umani, la devozione sincera, lo spirito di competizione.
Il tutto incorniciato in un paesaggio che merita da solo una visita attenta.
Non posso dire altro che vi aspettiamo, saremo sotto le capriate a vivere e a farvi vivere un’esperienza unica.

L’Infiorata di Cannara la più antica dell’Umbria

23 giugno 2011

Torna come da tradizione secolare in occasione della festività del Corpus Domini che quest’anno cade il 26 giugno. La tradizione racconta che al passaggio della processione del Corpus Domini i fedeli lanciavano petali di fiori in segno di devozione, petali che andavano a formare un tappeto colorato e profumato; con il passare degli anni l’usanza si è mantenuta e consolidata ed ha raggiunto altissimi livelli di tecnica artistica. Vengono infatti realizzate dai maestri infioratori delle vere e proprie opere d’arte a soggetto prevalentemente religioso utilizzando fiori ed erbe lavorati secondo le diverse tecniche del fresco e del secco. Nel pomeriggio del sabato inizia la cosiddetta segnatura della strada ed il posizionamento delle lampade per consentire la lavorazione che si protrarrà per tutta la notte e poi centinaia di mani che seguendo i vari bozzetti danno forma, colore e profumo ai tappeti e ai quadri realizzati lungo le vie e le piazze del centro storico di Cannara. Un lavoro minuzioso che inizia già da alcuni mesi prima con la raccolta e la selezione delle essenze, la spetalatura e la capatura e l’essiccazione, lavoro lungo e paziente che si concretizza nell’arco di una notte e che vede il suo momento più alto e significativo nel passaggio della processione che esce dalla Chiesa di S. Matteo con il parroco che può calpestare l’Infiorata in quanto porta il Corpo di Cristo, accompagnato dalle note  suggestive della Banda Musicale F. Morlacchi e dalla moltitudine dei fedeli. Tutta la comunità partecipa dai più anziani ai bambini ciascuno con il proprio ruolo prezioso e insostituibile in una grande festa collettiva che è anche momento fondamentale di socializzazione ed emozioni condivise che culminano nella notte più lunga e profumata dell’anno. Nel corso degli anni l’Infiorata di Cannara è stata protagonista in Italia e all’estero realizzando opere spettacolari in occasione di eventi straordinari tra cui ricordiamo Napoli in occasione dei Mondiali di calcio Italia 90, Genova in occasione di Euroflora, Assisi in occasione della visita del Papa Benedetto XVI e Lourdes nel 2008 in occasione dell’anniversario dell’apparizione della Vergine a Bernadette solo per ricordare gli appuntamenti più importanti. Si parte venerdi 24 con il raduno dei camper presso il Parco XXV aprile in collaborazione con il camper club “La Granda” che si protrarrà per tutto il fine settimana e con il tour enogastronomico floreale presso i bar e i ristoranti aderenti all’iniziativa anche questo per l’intero fine settimana. Sabato 25 l’apertura di due mostre molto suggestive: Palazzo Preziotti ospiterà gli abiti di scena della prima metà del novecento della Filodrammatica di Cannara mentre in Piazza Umberto I la mostra fotografica “ Cannara com’era una volta”.

Alle 21.30 nella piazza del Giardino Fiorito “Fiori profumi e canti pensando all’Italia” Concerto del Coro Polifonico Concentus Vocalis diretto da Francesca Maria Saracchini; dalle 22.30 in Piazza Cavour e nei Giardini di Via Roma Music D.O.C. Flower Fest “La musica è il cibo dell’amore” a cura delle associazioni Free Time e ArteNote e alle 23.30 la spaghettata in piazza.Nella giornata di domenica 26 alle 11.00 presso la Chiesa di S. Matteo la S. Messa e a seguire la Processione del Corpus Domini; dalle ore 16 ancora Music D.O.C Flower Fest per le vie del centro storico. L’Infiorata 2011 ospita “L’abbraccio della Venere di Milo”progetto di formazione contro il pregiudizio e lo stigma nei confronti delle persone disabili realizzato dal centro Diurno di riabilitazione psico sociale di Bastia e dall’Istituto Comprensivo Anna Frank di Cannara con il contributo dell’Ass.SONOXSONA e coop ASAD. Il Museo Città di Cannara sarà aperto sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 24.00 e domenica dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 20.00.

INFIORATA DI SPELLO, LA CAPATURA … QUESTA SCONOCIUTA

29 maggio 2011

di Elena Proietti

Scorrendo la Home Page in basso leggerete l’articolo sull’infiorata di Spello, adesso invece cerchiamo di immergerci in quella fase che precede la difficile realizzazione di un tappeto floreale, ovvero la fase della CAPATURA.  “Capare” non significa altro che spetalare i fiori, che andranno poi successivamente essiccati  rigorosamente all’ombra per mantenere nel miglior modo possibile il colore originario.

E fin qui nulla di straordinario, il non ordinario sta nel riunirsi e mettersi seduti a capare questi benedetti fiorellini a testa bassa per minimo un paio d’ore a sera.  Ma assolutamente necessario. Voi che venite a trovarci quella fatidica mattina vi siete mai chiesti quanti petali di fiori ci sono lì in terra? Ecco fate una prova, prendete una semplice margherita di campo, togliete tutti i petali e metteteli uno vicino all’altro… Fatto? Ecco…  adesso vi siete perfettamente resi conto che non avete coperto nemmeno un centimetro quadrato della superficie su cui avete appoggiato i vostri

La Capatura

fiori, ora immaginate lo stesso petalo essiccato, ricoprirà ancor meno superficie, giusto ? Avrete ora certamente idea di come passiamo le serate di quest’ultimo mese noi poveri pazzi disposti a maggior gloria di Dio a creare capolavori che andranno quasi immediatamente calpestati dalla folla. In genere ci si ritrova a casa di qualcuno la sera dopo il lavoro, nel pomeriggio qualcuno sarà andato a raccogliere i fiori o le erbe da capare in serata, ci si siede tutti insieme e si comincia a lavorare,   chiacchierare  e capare con l’acacia, uno dei primi fiori che ci annunciano la primavera. La fioritura dell’albero dà lo spunto al ritrovarsi del gruppo, appena sboccia questo fiore bianco con i  telefonini  iniziamo a mandare  messaggi di richiamo, ci cerchiamo, ci ricordiamo di far parte di una realtà ben precisa, ci si incontra per strada e si rinfocola una sana rivalità che fa da stimolo al raffinarsi della manifestazione, rispunta la voglia di stupire, si va avanti, si cercano nuovi fiori, nuovi colori nuove tecniche. Non mi ero mai fermata tanto a riflettere sull’inizio di quest’avventura che mi accingo ad affrontare come sempre da ormai tanto tempo, effettivamente stupisce anche me pensare che la semplice fioritura di un albero tanto comune metta in moto situazioni tanto complesse. E dovreste venire a trovarci una di queste sere, vederci intenti a separare uno ad uno i petali della ginestra, starnutendo per il polline e grattandoci continuamente per le miriadi di insetti che trovano rifugio nei fiori. Nulla va sprecato, nemmeno uno di quei preziosi petali viene lasciato cadere, ognuno di loro ci porta più vicino al risultato. Una volta separati vanno messi ad asciugare all’ombra, ogni gruppo poi usa la sua tecnica, non sta a me dire come, non tutti seccano i fiori al sole, qualcuno magari li asciuga in forni tiepidi, ma dovrete certo convenire con me che se anche questa dovesse essere la parte meno affascinante del lavoro è di sicuro la più interessante a livello personale. Permette di intessere una serie di rapporti sociali che consolidano le amicizie e creano relazioni che dureranno tutta la vita. Dal mio punto di vista la magia dell’infiorata è  da vedere anche e soprattutto in questa fase, è il momento in cui le persone si coordinano e danno il via a quell’armoniosa danza che permetterà alla fine di eseguire un quadro perfetto.

Spello : al via i preparativi dell’Infiorata del Corpus Domini

27 maggio 2011

Gruppo Asia - 1° classificato 2010 categoria quadri

Anche questa’anno a Spello come ogni primavera stanno iniziando i lavori preparatori per la festa del Corpus Domini e per la meravigliosa, profumata e suggestiva sfilata di tappeti floreali dell’Infiorata, che rendono omaggio alla solenne processione del Corpus Domini, nati come dimostrazione del sentimento religioso del territorio. Intorno al 1930 dalla devozione di una Spellana nascono i primi tappeti di finocchio e ginestra, giallo e verde i colori del Subasio e della sua profumatissima e varia vegetazione, mentre scrivo dalla finestra aperta mi arriva il profumo della ginestra appena fiorita. Da quel primo semplice disegno e dall’ingegno degli infioratori  Spello è diventata nel tempo Capitale dell’Infiorata, vengono rappresentati veri e propri brani del vecchio e del nuovo testamento e il fiore diviene pennellata profumata un dipinto tanto meraviglioso quanto effimero. A differenza di altre manifestazioni a Spello l’arte di dipingere con il fiore ha assunto caratteristiche davvero spettacolari. I colori vivi, i fiori freschi le tecniche e le innovazioni dei maestri infiora tori consentono di raggiungere risultati narrativi di valore infinito. Ma non è dalla tecnica arida che nasce questo meraviglioso percorso che si snoda per le vie di questo paese, piuttosto dalla passione di chi decide di dare anima e corpo al raggiungimento del risultato. Anziani signori si trasformano di nuovo in ragazzini per andare a raccogliere i fiori per creare il tappeto. I maestri infioratori sacrificano per mesi prima dell’evento le loro sere per realizzare la bozza del disegno che si trasformerà in un quadro vivo.

Si accendono rivalità fra i gruppi concorrenti nel concorso sorto a latere della manifestazione religiosa, ognuno reclama a se il Properzio simbolo della vittoria, si arriva persino a dormire abbracciati alla statuetta la notte stessa della vittoria, vi giuro non sto scherzando, noi infioratori siamo una razza strana decisamente qualche piccolo briciolo di follia deve essere entrato misteriosamente ne nostro DNA per lavorare così tanto. Devo essere però onesta vedere quel bozzetto, che i maestri infioratori hanno passato così tanto tempo a creare, realizzato sull’asfalto di questo storico borgo ci fa venire i brividi, dona delle sensazioni mai provate. Vi invito a venire a trovarci anche quest’anno e dalle indiscrezioni che sono riuscita a strappare in giro credo che questo 2011 ci regalerà altrettanti capolavori che gli anni passati.

Alla prossima signori, credo proprio che vi racconterò i segreti della capatura….

Cannara, spiritualità e tradizioni popolari con l’infiorata del Corpus Domini

4 giugno 2010

L’Infiorata rappresenta per la comunità di Cannara uno dei momenti, culturali, artistici e religiosi di maggior rilievo.
L’Infiorata raggiunge l’apice nella giornata del Corpus Domini ma è preceduta da una lunga preparazione, da una meticolosa selezione di bacche semi e infiorescenze, da un’accurata raccolta di fiori a cui partecipano tutti: dai ragazzi delle scuole ai loro genitori, dai soci del centro sociale agli abitanti dei rioni.
L’Infiorata rappresenta quindi anche un importante momento di socializzazione, un evento in cui le diverse generazioni lavorano fianco a fianco, per un’intera notte dedicata alla realizzazione di quadri e tappeti utilizzando la tecnica del fiore fresco o del fiore essiccato, posando pazientemente petali e petali fino a completare il disegno che si origina dai bozzetti.
Accanto all’Infiorata, una serie di eventi collaterali organizzati dall’Amministrazione Comunale e dalla Pro Loco con spazio alla musica di vario genere che accompagnerà il lavoro degli infioratori e la visita dei turisti.
Eventi:
Sabato 5 alle ore 21.30 presso il Giardino Fiorito ospita “Fiori Profumi e canti” concerto del Coro Polifonico Concentus Vocalis diretto da Francesca Maria Saracchini;
Dalle 22.30 il Piazzale Salvo D’Acquisto sarà teatro del Festival Musicale Woodstock, gara per gruppi musicali giovanili organizzata dall’Associazione Free Time.
Nel pomeriggio della domenica l’Associazione Culturale Arte Note presenta “Flower Fest 3” degustazione in concerto con il gruppo Sinestesia e sorprese musicali per le vie della Città.

L’Infiorata– spiega il Sindaco Giovanna Petrini- rappresenta un appuntamento che è nel cuore di tutti ed infatti molti sono i cannaresi che vivono in altre città e tornano per questo evento che fa conoscere Cannara al di fuori dei confini nazionali e internazionali; con soddisfazione possiamo affermare che tutta la cittadinanza e tutte le associazioni collaborano per la riuscita dell’evento ed il ringraziamento più grande va ai Maestri Infioratori i veri protagonisti e la vera anima delle Infiorate.”

In occasione dell’Infiorata sarà possibile visitare il Museo della Città che ospita tra i vari esempi del patrimonio storico artistico e culturale di Cannara, il famoso Mosaico delle Terme rinvenuto nella zona archeologica di Urvinum Hortense.