Posts Tagged ‘lara’

Deruta: Lara Zinci si dimette da neo consigliere comunale

22 giugno 2017
lara zinci

Lara Zinci

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Nel ringraziare i cittadini, i quali hanno votato la Lista SiAmo Deruta alle elezioni amministrative, che hanno riguardato il nostro Comune e che si sono tenute lo scorso 11 giugno, comunico, con la presente, le mie dimissioni irrevocabili dalla carica di Consigliere Comunale di opposizione.

Riconosco il mio errore, che è stato quello di non avere saputo comunicare il messaggio e il nostro Programma, ringrazio sinceramente chi mi aveva scelta, come candidato alla carica di Sindaco e soprattutto i circa mille elettori, tutti, nessuno escluso, che hanno votato per la nostra Lista. (more…)

A Bastia si premia la Cultura che è segno di speranza

12 dicembre 2011

a cura di Emanuela Marotta – servizio fotografico di Michela Vaccai

La Cultura è come un pietra rara e preziosa di un luogo molto lontano, siamo in un mondo che corre freneticamente e in una società che non si ferma ad ascoltare e ad assaporare i piaceri dello scrivere, del leggere e dello studiare. Ma c’è sempre un’ eccezione e si verifica ormai da 34 edizioni a Bastia Umbra con il Premio “Insula Romana”. La macchina organizzativa del premio programmato dalla Pro Loco ha iniziato sulle note di Mozart, tema ispiratore della sezione Poesia e una spumeggiante Roberta Calce ha presentato l’evento che aveva un numeroso pubblico appassionato di arte e di poesia. La prima sezione del premio, arte e pittura è stata dedicata a Roberto Quacquarini, un grande pittore, musicista e amante del bello, con una sua grande creatività e particolarità espressa nelle molteplici opere pittoriche. La seconda sezione del premio è stata quella di Narrativa Edita che ha coinvolto la Scuola Media Colomba Antonietti di Bastia Umbra nella scelta di un libro. La terza sezione invece è stata dedicata alla Poesia Inedita Nazionale, un momento di vera lirica poetica con i lettori e con i poeti presenti sia in sala che sul palco, ma un momento di grande intensità è stato l’intervento musicale a cura del coro gospel Cantori Umbri di Assisi, diretto da Rita Gasparrini. Le voci hanno coinvolto anche l’anima dello spettatore, la solista del gruppo Luisa Bombardoni insieme ai bravissimi coristi, ci ha emozionato con la sua favolosa interpretazione. Successivamente si è passato al premio Giuseppe Pascucci, il merito scolastico dedicato al prof. Pascucci, figura significativa e importante nell’ambito scolastico. In conclusiaone della serata si è passati alla sezione del Premio Cultura, premio riservato a personalità che operano nel territorio umbro che si sono distinti nel campo della divulgazione e della promozione della cultura, una cultura ampia che spazia su vari settori professionali, e quest’anno il premio cultura 2011 è andato al Prof. Giovanni Zavarella che ci ha regalato un momento memorabile e passionale con il suo discorso pieno di speranza per i giovani e per il futuro. L’evento ha voluto mettere in evidenza l’importanza di fare arte e ha voluto dare una grande rilevanza alla cultura.

I primi tre calssificati sono: Premio Roberto Quacquarini di arte e pittura: 1° classificata la pittrice Angeli Valentina di Terni premia Luisa Bartolini. 2° classificato Lello Negozio di Fratta Todina premia Paolo Plini Pro loco Cannara. 3° classificato Giuliano Belloni di Bastia Umbra, realizzatore anche del Palio de S. Michele.

Premio Narrativa Edita per giovani adulti: ha subito una variante quest’anno, è stato scelto il libro scelto e votato  dagli studenti della Scuola Media Colomba Antonietti di Bastia U.

Premio poesia inedita nazionale: 1° premio – assegno come da bando di concorso e libro 50° Pro Loco al 1° classificato Ivano Mugnaini con la lirica “Il dono” proveniente da Massarosa in provincia di Lucca. 2° classificato Mauro Barbetti di Osimo Ancona con la lirica “Lettera mai scritta al padre”, riceve una ceramica umbra di Deruta e libro 50° Pro Loco. 3° classificato Deanna Mannaioli di Marsciano – Perugia con la lirica “Linfa nuova pulsa”, riceve una pregevole ceramica umbra e il libro del 50° pro Loco Bastia.

Premio Giuseppe Pascucci al merito scolastico: Liceo scientifico annesso al convitto nazionale Principe di Napoli Assisi: studente Capodaglio Filippo, Istituto Tecnico statale commerciale e per geometri Ruggero Bonghi Assisi: studente Affricani Martina diploma di ragioniere e perito commerciale Igea

Liceo classico Properzio Assisi : studente Santucci Chiara liceo pedagogico sociale

Liceo Classico Properzio Assisi: studente Degli Esposti Alunni Lara Liceo linguistico

Liceo classico Properzio Assisi : studente Di Lorenzo Letizia liceo linguistico

Premio alla cultura: al Professore Giovanni Zavarella, residente a S. Maria degli Angeli, cavaliere della Repubblica.

 

 

Sanità, le Parafarmacie non abbassano la guardia

16 novembre 2010

LETTERA AL DOTT: MANDELLI, PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI

Egr. Dr. Mandelli,
Le scriviamo in riferimento ai commenti da Lei fatti all’audizione del  Presidente Catricalà presso la XII Commissione del Senato, commenti  riportati nell’edizione odierna de “Il Farmacista on line”. Vorremmo ricordarLe che Lei è il Presidente della Federazione degli Ordini dei  Farmacisti, non dei Farmacisti Titolari di Farmacia. Non ci risulta, ad oggi , che esistano in Italia percorsi di studi e/o abilitazione alla professione diversi per i Farmacisti che operano in  farmacia o in parafarmacia. Infatti, a scriverLe sono due farmaciste  regolarmente laureate (come Lei) ed abilitate alla professione grazie allo stesso Esame di Stato sostenuto da Lei e dai Suoi colleghi titolari di Farmacia. Attualmente siamo titolari di una parafarmacia, ma entrambe  abbiamo lavorato come dipendenti per anni presso farmacie e non pensiamo che  il semplice fatto di esserne uscite abbia causato in noi una perdita delle capacità e soprattutto dell’etica professionale. Detto ciò, non ravvisiamo motivazioni circa la Sua ansia riguardo alla  eventuale distribuzione dei farmaci di Fascia C mediante canali diversi  dalla farmacia, purché sotto la diretta responsabilità di un farmacista. Vorremmo ulteriormente tranquillizzarLa informandoLa, se mai non ne fosse
già al corrente, che:
1. La tracciabilità del farmaco è assicurata anche in parafarmacia grazie  all’attribuzione del codice univoco da parte del Ministero della Salute;
2. I canali di approvvigionamento del farmaco sono gli stessi per le  farmacie e le parafarmacie, con tutte le garanzie di qualità e sicurezza che  ciò comporta;
3. I sistemi informatici per la gestione dell’attività sono gli stessi,  pertanto anche le parafarmacie sono costantemente aggiornate sulle  problematiche che possono riguardare ritiri, cautele, modifiche dei fogli  illustrativi, ecc…
4. I farmacisti che operano in parafarmacia sono tenuti all’aggiornamento  costante tramite ECM così come i colleghi che esercitano la professione in farmacia.

Se quanto sopra esposto corrisponde a verità se ne deduce che la garanzia di sicurezza non è una motivazione valida per sostenere che la distribuzione  del farmaco di fascia C sia esclusiva della farmacia in quanto tale. Se, al contrario, si sostiene che la sicurezza potrebbe essere compromessa
dal fatto che la parafarmacia è una “semplice” attività commerciale,  riscontriamo un’ulteriore incongruenza: non vediamo per quale motivo  dobbiamo essere equiparate ad un titolare di farmacia per quanto riguarda  gli oneri relativi al pagamento dei contributi ENPAF. Tale onere è, per la  maggior parte delle nostre attività, una voce di spesa pesante: nel nostro caso specifico, ad esempio, come socie e quindi entrambe “titolari  dell’attività commerciale” parafarmacia dobbiamo all’ENPAF ogni anno 8.102,00 euro, senza possibilità alcuna di riduzione. Potremmo anche comprendere le Sue preoccupazioni se le esternasse in veste  di imprenditore e titolare di farmacia. Non altrettanto se lo fa come  Presidente della FOFI e quindi (ci perdoni se ci ripetiamo) rappresentante e  portavoce di TUTTI i farmacisti.
Certe del fatto che prenderà in considerazione quanto sopra esposto la
ringraziamo porgendo i nostri più
Cordiali saluti
Dr. Mariarosaria Sarracco
Dr. Lara Milanese