Posts Tagged ‘mozione’

Claudio Ricci, il Gruppo Centro Destra e Civiche Vota Contro le la Mozione sul Programma del Presidente della Regione Umbria: Valuteremo Ogni Atto e Faremo Proposte Alernative.

29 luglio 2015

oroClaudio Ricci (portavoce centro destra e liste civiche) ha (dopo il presidente della Regione Umbria) illustrato le proposte sugli indirizzi del programma amministrativo (2015/2020) citando (come hanno fatto gli altri Consiglieri Regionali di centro destra e civiche) la priorità dello sviluppo, del lavoro e del sostegno alle persone (in Umbria sono cresciute sino a 30.000 le famiglie in condizione di povertà relativa) cercando di “risparmiare e aumentare l’efficienza” per reperire le risorse, unitamente al quadro europeo, per attivare la crescita e diminuire le tasse. Strategico sarà internazionalizzare l’Umbria per promuovere meglio i prodotti, anche turistico culturali, e attrarre investimenti mettendo insieme pubblico, privati e associazioni; migliorare i servizi sanitari a partire dalla (more…)

Annunci

Cannara il PD non vota la mozione per la pace a Gaza proposta da Valore Comune

16 settembre 2014
Federica Tormbettoni

Federica Tormbettoni

Riceviamo e pubblichiamo

Nel Consiglio Comunale di Cannara è stata portata in discussione la mozione presentata da Valore Comune per l’ adesione del Comune di Cannara all’appello per la pace a Gaza, proposto dal coordinamento degli enti locali per la pace e i diritti umani. La mozione ha ottenuto il solo voto favorevole di Valore Comune e Dignità e Futuro, mentre l’ intera maggioranza consiliare formata da Partito Democratico
e Cannaresi liberi si è astenuta. ” Siamo rimasti letteralmente sorpresi dall’atteggiamento della maggioranza-spiega Federica Trombettoni capogruppo di Valore Comune- in particolare per le motivazioni addotte (more…)

L’ON. GIAMPIERO GIULIETTI SOTTOSCRIVE LA MOZIONE CONTRO LA POVERTA’ INFANTILE

27 giugno 2013
Giampiero Giulietti

Giampiero Giulietti

“VIOLAZIONE DEI DIRITTI INACCETTABILE”

L’on. Giampiero Giulietti ha sottoscritto una mozione che impegna il Governo ad elaborare un piano specifico che preveda lo stanziamento di risorse per contrastare il triste fenomeno della povertà infantile.

“L’Italia è al 22esimo posto tra 29 Paesi esaminati per le condizioni di vita dei bambini e (more…)

PERUGIA: Approvata la Mozione contro la chiusura del Bar Morlacchi”.

18 giugno 2013

Questa mattina in IV Commissione Consiliare è passata la mozione che chiedeva la sospensione d’urgenza del procedimento disciplinare che (more…)

PERUGIA: VOTATA ALL’UNANIMITA’ MOZIONE SUL DEGRADO DI VILLA NANNI

12 marzo 2013

La Commissione odierna di Perugia ha votato all’unanimità la mozione presentata dal consigliere comunale del PdL Emanuele Scarponi – sottoscritta anche dai consiglieri Varasano, Prisco e Bori – che impegna il sindaco Wladimiro Boccali e la giunta ad agire nelle sedi opportune per (more…)

Ronconi: …e la fusione della Casse diRisparmio umbre?

22 dicembre 2012

Riceviamo e pubblichiamo

Da tempo immemorabile depositata in Consiglio Provinciale una mia mozione richiedente una approfondita discussione sulla fusione delle casse di risparmio umbre e sui problemi ad essa legati ivi compresi gli esuberi di personale oggi denunciati. (more…)

Eurochocolate, “immane baraonda”, caos,sporcizia, disagi, ma alla fine cosa entra ai cittadini?

26 ottobre 2012

Mozione di Armando Fronduti (PDL) al consiglio comunale di Perugia

La città di Perugia, le sue vie, le sue piazze, i suoi monumenti, la sua storia, compresa la Perugina, la sua qualità, la sua cultura, anche e non solo con le figurine di Saladino e degli altri personaggi, sono beni comuni di tutta la collettività, patrimonio di tutti i cittadini e non solo (more…)

Dall’opposizione mozione di sfiducia al sindaco di Cannara?

4 ottobre 2012

A quanto pare sulla gestione dei soldi pubblici da parte di questa Amministrazione, la Corte dei Conti e la Procura della Repubblica hanno un’idea diversa rispetto a quella del Sindaco – lo affermano i consiglieri d’opposizione Pastorelli, Gareggia ed Agostinelli – se le accuse che (more…)

‎Cascia: Mozione di Maria Cristina Lalli, “Via Equitalia dal Comune di Cascia”

17 maggio 2012

“Vogliamo lanciare attraverso una rete organizzata sul territorio e su Facebook una campagna per chiedere alla nuova amministrazione metodi più umani di riscossione. A breve diffonderemo una mozione da presentare al consiglio comunale di Cascia”. Lo afferma, in una nota stampa, l’ex candidata sindaco per “Cascia città aperta” Maria Cristina Lalli, che propone di escludere (more…)

Smaltimento rifiuti industriali, mozione delle opposizioni in consiglio regionale

16 dicembre 2011

Annunciamo che presenteremo una mozione urgente affinché il Consiglio Regionale si pronunci in modo inequivocabile, una volta per tutte, per costruire un gruppo di studio che approfondisca quello che oggi dice il Presidente degli industriali Umbro Bernardini relativamente allo smaltimento dei rifiuti attraverso i cementifici. Occorre che la Regione valuti meglio di come è stato fatto fino ad oggi, i costi (sia economici che ambientali) e i benefici di tutte le soluzioni possibili per la chiusura del ciclo senza pregiudizi dettati da ideologia o, peggio, da interessi economici di questa o quella azienda sia essa pubblica o privata. Il gruppo del PDL insieme alla Lega – già con le proposte fatte in occasione del DAP dell’anno scorso – avevamo proposto questo approfondimento prima di arrivare alla scelta finale ma in quella occasione la maggioranza fu sorda alla nostra proposta. Oggi speriamo che anche alla luce dei gravi ritardi che il piano ha già accumulato si possa invece avviare uno studio serio anche in contraddittorio con le tesi degli industriali per arrivare in tempi molto rapidi ad una valutazione che porti a fare al meglio gli interessi degli Umbri e limitare al minimo l’impatto ambientale. Annunciamo anche che, nel frattempo, chiederemo al Presidente della seconda commissione di avviare una audizione immediata dei nostri dirigenti e della associazione industriali per iniziare una discussione nella sede più idonea, prima che si pronunci il Consiglio regionale.

 Fiammetta Modena Raffaele NeviGianluca Cirignoni

 

 

Regione: Ex Margherita contro l’apertura in Umbria dei centri di identificazione ed espulsione

25 ottobre 2011

Anche questa mattina il PD, sulla mozione proposta dal Consigliere Zaffini sull’apertura di un CIE, ha dato ulteriore prova di mancanza di una linea chiara e univoca e si è spaccato e, pur non andando sotto, nella votazione sono stati assenti, per marcare la differenza dalla linea del gruppo, i consiglieri della ex Margherita che nei giorni scorsi, in compagnia del sindaco Boccali, erano intervenuti dichiarandosi invece favorevoli alla apertura in Umbria di un CIE. Forse avevano capito che per evitare che Perugia continui a essere una delle capitali dello spaccio e della presenza dei clandestini occorrono ricette nuove e non quelle propugnate in aula da Rifondazione e dall’ IDV sposate in pieno dal capogruppo Locchi e dalla Marini anche se, onestamente, con sfumature molto diverse.

Raffaele Nevi –  Presidente gruppo PDL Regione Umbria

Sanitopoli, mozione del consiglio regionale presentata alla presidente Marini

20 settembre 2011

Le difficoltà decisionali sul direttore ASL3, sono emerse anche per la particolarità di un contratto blindato di natura privatistica, con il quale alla dott.ssa Rosignoli venne assegnato un ruolo con una scadenza talmente anomala da oltrepassare il naturale termine della passata legislatura, ovvero superava il mandato stesso della Presidente che lo siglava e tutto il successivo dell’attuale Presidenza Marini; l’odierna importante decisione non può essere considerata esaustiva di ogni altro provvedimento, oltre che di una più profonda riflessione; le notizie relative all’inchiesta accrescono la consapevolezza di un ruolo politico non estraneo alle responsabilità del livello tecnico, anzi si evidenzia il coinvolgimento nell’inchiesta di componenti dell’apparato politico, che ancora oggi ricoprono incarichi di primo piano nella Giunta regionale e dunque risultano permanere ombre di credibilità sulla Istituzione regionale che andrebbe invece preservata e tutelata. Con questa mozione, il Consiglio regionale chiede alla Giunta, Presidente Marini in primis, di non tentennare in nome di un opportunismo di parte o per eventuali sensi di gratitudine a chicchessia, ma anzi di procedere con determinazione nelle scelte ritenute opportune, in nome della propria autonomia decisionale e della garanzia di trasparenza dovuta al cittadino, a servizio del quale l’intero sistema è stato pensato.

 Sandra Monacelli – Presidente gruppo consiliare – “Casini – Unione di Centro”

Fratta Todina, respinta la mozione antipiccioni

27 ottobre 2010

di Cinzia Moriconi

Cinzia Moriconi

Come Consigliere Comunale e coordinatrice PdL di Fratta Todina ho provveduto, ben tre mesi fa, a  sottoporre all’attenzione dell’Amministrazione Comunale una mozione volta a promuovere l’attuazione del controllo farmacologico della riproduzione dei colombi urbani; dato che nella nostra realtà comunale esiste un fenomeno di sovrappopolazione, mai affrontato concretamente prima d’ora nonostante sia particolarmente percepito dalla popolazione del centro storico. Oltre che da un punto di vista igienico-sanitario, di pulizia urbana e degrado ambientale , infatti, l’eccessiva popolazione dei colombi urbani costituisce  un problema sociale di notevole importanza e gravità e, proprio perché tale, la sua risoluzione non può essere demandata ai singoli cittadini, ma andrebbe intrapresa  dall’Amministrazione Comunale applicando  il metodo che garantisca con certezza il raggiungimento del miglior risultato. Nonostante la gravità del problema sia quotidianamente sotto gli occhi di tutti, la mozione in sede di Consiglio Comunale è stata respinta.

A nulla è valso citare, dati alla mano, gli ottimi risultati, per i quali si esprime pieno compiacimento,  ottenuti dall’Amministrazione Comunale di Todi nel contenimento dei colombi urbani già un anno dopo l’effettuazione del trattamento farmacologico. Così come il numero sempre crescente di Amministrazioni locali e non, di varie dimensioni, che decidono di optare per tale trattamento dopo aver sperimentato l’inefficacia di tutti gli altri sistemi, avrebbero dovuto attestare la validità della soluzione proposta: assolutamente civile, di comprovata efficacia e con un saldo costi-benefici nettamente positivo e a favore del metodo. Il riferimento alle esperienze altrui avrebbe dovuto vincere lo scetticismo e la diffidenza espressa; invece il respingimento della mozione da parte del Consiglio Comunale dimostra la scarsa sensibilità nei confronti di un problema che ha raggiunto livelli insopportabili a danno dei cittadini, laddove avrebbe dovuto essere affrontato in maniera responsabile e senza ipocriti tentennamenti che, di fatto, sono unicamente volti a lasciare la situazione così com’è.