Posts Tagged ‘ricostruzione’

RICOSTRUZIONE POST TERREMOTO: CONFLITTO D’INTERESSI ALLA FULIGNATA

30 settembre 2013

Riceviamo e pubblichiamo

L’Umbria è tornata la scorsa settimana all’onore della cronaca nazionale con l’arresto della presidente Lorenzetti, c’è stato un giusto clamore mediatico però la politica regionale si è limitata al minimo -e anche meno- e ora, a distanza di dieci giorni, la notizia è già tramontata senza troppi (more…)

Ricostruzione pesante: il Sindaco Alfio Todini scrive al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

7 luglio 2012

Alfio Todini

Nei giorni scorsi, a seguito di colloqui intercorsi tra le Istituzioni locali, i parlamentari umbri e rappresentanti del Governo, erano arrivate rassicurazioni sull’inserimento nel cosiddetto decreto “Spending review” dello stanziamento di 45 milioni dal Fondo nazionale di Protezione Civile a favore della ricostruzione pesante a Marsciano. Nel prendere, invece, atto che nel decreto del Governo non è stato inserito l’emendamento sopra ricordato, il Sindaco Alfio Todini, dopo aver (more…)

Intervento del Sindaco di Marsciano Alfio Todini su accisa regionale per ricostruzione post terremoto

2 dicembre 2011

“Riteniamo di fondamentale importanza l’impegno preso dalla Regione Umbria con la scelta di applicare l’accisa sui carburanti per finanziare la ricostruzione pesante a seguito del terremoto che, due anni fa, ha colpito il territorio di Marsciano e zone limitrofe. Una soluzione, quella dell’accisa, non piacevole ma obbligata, dettata dal Decreto Milleproroghe. L’Amministrazione di Marsciano ha sostenuto fino in fondo lo sforzo della Regione Umbria per evitare di ricorrere a tale strumento di finanziamento. Uno sforzo, tuttavia, reso vano dalle scelte del precedente Governo. Così facendo l’Umbria si allinea alle decisioni prese da regioni come la Liguria e la Toscana in occasione delle recenti calamità alluvionali.

Confidiamo nel fatto che questa scelta sia sostenuta da tutto il Consiglio Regionale perché si tratta dell’unica via in grado di dare prospettive alla ricostruzione pesante del territorio e quindi di dare una speranza di rientro in tempi certi ai tanti cittadini ancora fuori dalle proprie abitazioni.

Confidiamo quindi che l’Umbria e tutte le sue forze sociali ed economiche sapranno sostenere questa scelta con spirito di solidarietà verso una comunità e un territorio feriti tanto dal terremoto, quanto da lunghi mesi di stallo passati in una trattativa con il precedente Governo che non ha inteso accettare le modalità di cofinanziamento della ricostruzione pesante proposte dalla Regione Umbria e che non prevedevano né accise né aumenti di tassazione. La speranza è che la via che si imbocca oggi possa rapidamente portare ad aprire col nuovo Governo un confronto rapido più utile e costruttivo.”

 

Non è L’Aquila… ma Giove di Valtopina … 2

24 febbraio 2010

prefabbricati ancora abitati a Giove in Valtopina

Lettera di Valentina Armillei Presidente del Comitato Pro Giove.

Un ringraziamento caloroso e particolare giunga all’On. Italo Bocchino, il quale, durante la trasmissione Ballarò andata in onda nella serata del 23 febbraio 2010, intorno al 53° minuto, ha avuto il coraggio di dire la verità, affermando che in Umbria, dopo 13 anni dal sisma del 1997, la gente è costretta a vivere ancora nelle baracche.

italo bocchino

Clamorosa, invece, è stata la totale negazione effettuata da parte del segretario del PD Pier Luigi Bersani. Egli, infatti, ha NEGATO che questo fosse vero, additando l’Umbria come un esempio di ricostruzione.

Come li vogliamo chiamare i container di latta lunghi 6 metri di Giove? Villette bi familiari? Oppure Giove è un Resort di lusso? Questa è una vergogna! Le persone che io rappresento si ritengono profondamente offese dalle affermazioni di Bersani. Si vergogni, venga a vivere lui in un container di latta! Ha osato offendere pubblicamente, di fronte a milioni di italiani, noi che stiamo soffrendo di questa situazione in prima persona, noi che abbiamo visto ledere i nostri più elementari diritti di cittadinanza.

L’Umbria non è stato un modello di ricostruzione, ma una vergogna per la sinistra che l’ha governata!