Posts Tagged ‘shoa’

Assisi: Shoah, “Giorno della Memoria”. Innocenti in guerra

20 gennaio 2015

shoaMusiche, letture, testimonianze

Gli artisti:

Daniele Buschi – Italia

Kujtim Turkeshi – Albania

realizzeranno in estemporanea due opere pittoriche che saranno donate al Museo della Memoria di Assisi

25 gennaio 2015, ore 18.00 – Sala della Spoliazione

Piazza Vescovado – Assisi

Annunci

L’eco della Shoah nell’arte contemporanea

2 febbraio 2013
Loredana Manzi, "Bambini altrove"

Loredana Manzi, “Bambini altrove”

Gli artisti sono tali perchè percepiscono il mondo con una sensibilità più acuta della media delle persone, lo rielaborano in modi innovativi e

Armando Lulaj

Armando Lulaj

inaspettati e custodiscono l’ispirazione la quale a volte può provenire dagli eventi più tragici della storia umana. Oggi vi propongo alcune opere contemporanee ispirate dall’olocausto, trovo sia un altro modo per onorare la memoria.Qui sotto un artista forse poco conosciuto, Armando Lulaj, che con sorprendente semplicità ripropone all’Arte  Fiera a Bologna di quest’anno, la frase più spaventosa ereditata dalla seconda guerra mondiale: ARBEIT MACHT FREI

di Amu.art

Cannara, “Per non dimenticare 27 gennaio giornata della memoria”

26 gennaio 2011

Il 27 gennaio si celebra in tutta Italia la giornata della memoria: la ricorrenza è stata istituita con legge n.211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento Italiano che ha cosi aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata di commemorazione delle vittime del nazifascismo, dell’olocausto e in memoria di coloro che a rischio della vita hanno protetto i perseguitati. L’Amministrazione Comunale di Cannara ha organizzato in collaborazione con l’Associazione Arte Note, l’Istituto Comprensivo A. Frank, il Concerto F. Morlacchi, l’ASD Olympia 2000 e il centro Sociale un evento dal titolo. “ 27 gennaio il giorno della memoria-canti letture immagini teatro per NON dimenticare”.

La serata si svolgerà giovedì 27 gennaio presso il teatro Comunale E. Thesorieri con inizio alle ore 20.30.

La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando l’Armata Rossa nel corso dell’offensiva verso Berlino arrivò alla città polacca di Oswiecim (Auschwitz) scoprendo il campo di concentramento e liberandone i pochi esausti superstiti. Il 27 gennaio in ricordo della Shoah lo sterminio del popolo ebreo è celebrato da molte nazioni e dal 2005 anche dall’ONU in seguito alla risoluzione adottata proprio nel 2005. In Italia la tragedia della Shoah colpì il popolo ebraico con le leggi razziali del 1938 e successivamente con le deportazioni iniziate con l’occupazione nazista; anche altre persone e categorie furono perseguitate dal regime in quanto “ colpevoli” di una diversità di idee, di valori, di appartenenza etnica e religiosa. Le radici dello stato italiano, profonde e nobili, devono essere ricordate anche nel giorno della memoria accanto alle occasioni di celebrazione, all’omaggio ai testimoni che sono ancora con noi e al doveroso ricordo dei Giusti poiché le ideologie totalitarie che perpetrarono la Shoah e gli altri crimini umanitari durante la Seconda Guerra Mondiale sono agli antipodi delle idee di libertà e democrazia che portarono all’Italia unita ben centocinquanta anni fa.