Posts Tagged ‘testa’

Pd Umbria. Solidarietà di Walter Verini al segretario del Pd di Foligno

28 Mag 2019

“Caro Segretario, attraverso te invio la solidarietà del Pd regionale e mia personale a

roberto testa

Roberto Testa

Roberto Testa, per l’episodio di aggressione di cui è stato vittima  a Foligno, durante la manifestazione di chiusura della campagna elettorale del centrosinistra. È stato un episodio grave, che ha visto protagonista una persona vicina al Movimento 5 Stelle e a suoi esponenti istituzionali regionali. Un episodio da condannare, figlio di un clima di scontro e anche odio che i compari di governo alimentano ogni giorno e che qualcuno, evidentemente, prende alla lettera. Un clima estraneo alla tradizione civile di Foligno e dell’Umbria, che a nessuno può essere permesso di rovinare. Un caro saluto”.

Così il messaggio che il commissario del Pd Umbria Walter Verini ha inoltrato al Segretario del Pd di Foligno.

Assisi: “Concerti per Francesco” dal 2 ottobre – sala San Gregorio

28 settembre 2015
Nadia Testa e Alessandro Crosta

Nadia Testa e Alessandro Crosta

La rassegna “Concerti per Francesco” organizzata dall’Associazione  Culturale CDGnext con il patrocinio del Comune di Assisi, propone 3 appuntamenti ad ingresso gratuito il 2, il 3 e il 4 ottobre 2015.

I concerti, che si svolgeranno presso la sala San Gregorio in via Bernardo da Quintavalle, sono idealmente dedicati a San Francesco e al Santo Padre e ispirati ai temi della pace e del dialogo interculturale e interreligioso.

Il primo concerto, venerdì 2 ottobre ore 18.00, è affidato al Duo formato dal flautista Alessandro Crosta e dalla pianista Nadia Testa con un (more…)

Sabato 15 Settembre 2012 a Fossato di Vico: “Una giornata con gli Antichi Umbri”.

14 settembre 2012

Il Comune di Fossato di Vico per il secondo anno ha affidato la realizzazione della “Giornata con gli Antichi Umbri” all’Istituto di Ricerche e Documentazione sugli Antichi Umbri (IRDAU), (more…)

Libri: presentato presso la distilleria Brunello “La Testa e la Coda” di Enrico Pandiani

16 aprile 2012

Noir e Grappa, miscela esplosiva

Grande novità ” La testa e la coda ” , l’ultima fatica di Enrico Pandiani presentata sabato 14 aprile in Distilleria Fratelli Brunello di Montegalda (Vi) . Ora è ufficialmente aperta la caccia al libro.   Il titolo del noir  “La testa e la coda”, si riferisce  proprio alle parti iniziali e finali del processo di distillazione della grappa, ecco  in anteprima per voi qualche riga del libro… Buona lettura!

…”Simona mi venne incontro posando su di me uno sguardo sfrontato e seduttivo. Il suo fascino meridionale ti colpiva come un’onda di calore. Nell’ambiente sapevano tutti di questa sua focosità, ma nessuno si sarebbe mai azzardato a parlarne fuori dai gabinetti della questura. «In casa non c’è nessuno» mi informò venendomi accanto, «il letto e disfatto ma non c’è nulla fuori posto.» «Avete trovato qualcosa di strano?» domandai. «C’è del sangue in garage» disse senza levare gli occhi scuri dai miei, «È possibile che si tratti di un rapimento. Vieni, ti faccio vedere.» Posando una mano sulla parte bassa della mia schiena mi trascinò con delicatezza verso l’ingresso del garage. Siccome ci stavano tutti con gli occhi addosso cercai in maniera gentile di svincolarmi da quell’abbraccio così poco casuale. La massiccia porta blindata sulla parete sinistra della rimessa era aperta. Due scalini portavano in casa. L’architetto che aveva progettato quell’orrore doveva avere la passione per i film americani. «Qui ci sono le tracce» disse Cingolani indicando il pavimento di cemento. Erano macchie da sgocciolamento, parecchie e non del tutto asciutte. Una tale quantità di sangue non poteva essere uscita che da una ferita piuttosto profonda. «Vedi» proseguì indicando una piccola pozza, «quando la vittima è caduta a terra, la sua testa si è posata in questo punto. Potrebbe essere un incidente, che so, un ruzzolone, ma qualcosa mi dice che non è così.» …

Spello, “Campagna d’autunno” alla scoperta della Valle Umbra con visite ad aziende agricole, cantine, frantoi

7 ottobre 2011

Parte da Spello il prossimo 15 e il  16 ottobre l’Agri Bio Fest 2011, una vera a propria  “Campagna d’autunno” alla scoperta dei migliori prodotti di qualità del territorio con il coinvolgimento di associazioni che puntano sull’eccellenza, come il Touring Club Italiano, Agri.Bio.Umbria, Slow Food Umbria e il GAL Valle Umbra e Sibillini e con il patrocinio del Comune di Spello e della Provincia di Perugia. “E’ una iniziativa importante – ha spiegato il sindaco Sandro Vitaliperché valorizza non solo i prodotti tipici del nostro territorio, ma porta alla scoperta non solo dei luoghi più importanti del centro storico, ma anche degli itinerari di campagna, del suo paesaggio più naturale”. Ha aggiunto Enrico Testa, direttore del GAL Valle Umbra e Sibillini: “Il Gal partecipa volentieri a tutte quelle manifestazione che promuovono la qualità, il territorio e la cultura biologica. Stiamo infatti portando avanti un progetto in collaborazione con Austria, Finlandia e Lussemburgo per portare alcuni rappresentanti a Spello il 18 novembre per partecipare alla raccolta delle olive”. Per Agri  Bio Umbria era presente il presidente Fabio Ciri: “La nostra associazione è impegnata attivamente nella promozione e valorizzazione dei prodotti alimentari tipici del territorio umbro, con particolare attenzione alle produzioni alimentari provenienti da coltivazioni biologiche e biodinamiche. Ad Agri Bio Fest partecipo anche con la mia azienda a Limiti di Spello dove ho cercato proprio di dare un senso ai valori che mi ha trasmesso la mia famiglia”.

Per informazioni   sul programma:     

Ufficio stampa Comune di Spello 0742.300042- Fax 0742.300038

Simona Fuso  Cell: 339.8524861  E-mail: sfuso@comune.spello.pg.it

GIANMARIA TESTA E GABRIELE MIRABASSI – “DA QUESTA PARTE DEL MARE”

16 novembre 2010

PICCOLO TEATRO DEGLI INSTABILI

Via Metastasio, 18 Assisi
venerdì 26 novembre · 21.30 – 23.30

Gianmaria Testa è un cantautore profondamente popolare e raffinato al tempo stesso, con la sua voce roca e vellutata che fa della canzone nuda la sua vera forza. I suoi testi sono come piccole poesie che parlano di nebbie e di incontri, di solitudini e di colline, e le sue musiche che evocano il tango, il jazz, la bossanova, la habanera, il valzer, creando suggestioni calde, intense, che sanno avvolgere. l’album che dà il titolo… alla serata – “Da questa parte del mare” ha ricevuto la Targa Tenco 2007 come miglior album dell’anno.
Gianmaria Testa ha da sempre unito il suo nome a grandi esponenti del jazz italiano come in questo caso con Gabriele Mirabassi, attualmente uno dei più importanti e riconosciuti clarinettisti a livello europeo e non solo, vincitore, tra l’altro, col suo “Canto di Ebano”, del Top Jazz 2008 come miglior disco dell’anno.
Dall’incontro tra questi eccezionali musicisti, ormai suggellato da lunghe e importanti collaborazioni – prima tra tutte quella col grande scrittore Erri De Luca – non poteva che nascere uno straordinario duo, trascinante nel timbro vocale dello chansonnier piemontese e nelle emozioni virtuose che il clarinettista umbro sa regalare. Una formazione necessariamente intima ma molto intensa e forte, soprattutto nei contenuti che vuole comunicare perché in ogni occasione si infilano tra le note delle canzoni, le parole di alcuni grandi poeti: il già citato De Luca, la poetessa polacca Wislawa Szymborska ed altri. Un concerto che è un dialogo fitto tra due voci. Tra canzone d’autore, grande jazz e bella letteratura, per uno spettacolo autenticamente popolare.

Per Info e Prenotazioni: 333 7853003 – 335 8341092 – info@teatroinstabili.com

Goodmorning Umbria “una testata particolare”

18 giugno 2010


di Alberto Giovagnoni
Quando nasce una testata, una qualsiasi testata, per la libertà di informazione è sempre una festa. E’ una voce in più che si unisce al coro. Ma la nascita del giornale telematico “Goodmorningumbria.it”, in questo quadro, ha un aspetto particolare e un sapore più dolce; è un giornale che pur avendo una propria precisa linea editoriale è più appetibile di altri perché dà voce a tutti. In un periodo nel quale il conformismo e l’uso di parte della politica di gran parte dei media, ha ridotto la stampa e i media ad una grande velina, non è una piccola cosa. Ed è un elemento che è stato colto al volo. Non a caso il giorno della presentazione presso la Vinoteca Bellucci erano presenti esponenti di destra e di sinistra, giornalisti di diverse testate e un grande pubblico. Ed era un pubblico che era venuto proprio perché aveva fame di questa novità. Sembravano semplici spettatori un po’ curiosi e a volte un po’ distratti.
Invece in mezzo a loro c’era tanta gente che aveva idee, costruito progetti, elaborato proposte. Magari non erano famosi, ma forse perché il circuito tradizionale dell’informazione non si occupa di loro, li dimentica perché non sono legati alle logiche dei palazzi. Goodmorningumbria era dunque la loro grande occasione. Lo spazio libero che cercavano e che nessuno gli dà. Apri internet, vai sul sito, lo scorri e scopri che dentro questa proposta ci sono tante notizie, le storie e le tradizioni di questa magnifica terra e c’è anche l’innovazione. Ho avuto modo di guardarlo per diversi giorni di fila. Ho trovato le consuete notizie, che ci sono anche da altre parti, ma raccontate in maniera diversa e meno istituzionale, ho capito quante occasioni ci sono per scoprire la storia, la cultura e le bellezze di questa regione, ho scoperto che ci sono tante informazioni che “il circuito” non valorizza. Un mix esplosivo e coinvolgente. E quella sera , dentro quella sala (Vinoteca Bellucci) lo hanno scoperto e assaporato in tanti. E non c’è quindi tanto da meravigliarsi se i numeri dei lettori e dei visitatori crescono ogni giorno; anzi mi meraviglierebbe il contrario. E sarebbe stato un brutto segnale. Se “indipendente” non piace più, vuol davvero dire che la cultura del regime è radicata nella società. Per fortuna Goodmorningumbria è una eccezione che smentisce questa paura. Insomma per concludere un bel film dell’informazione. Il Titolo? Ve lo do subito; parafrasando Scola, Mastroianni e la Loren, “Una testata particolare”