Posts Tagged ‘verruso’

STEFANIA VERRUSO lascia la politica.

20 maggio 2017
stefania verruso

Stefania Verruso

Dopo sofferte valutazioni, STEFANIA VERRUSO, già segretario regionale de La Destra ed attuale commissario del Movimento Nazionale per la Sovranità in Umbria, ha deciso di abbandonare la politica, non riscontrando più nell’attuale schieramento la giusta rappresentanza per chi, da cittadino e imprenditore prestato alla politica, si è impegnato attivamente per contribuire a portare quel sano pragmatismo in un mondo sempre più distante dai reali bisogni della gente.

A Deruta il Movimento Nazionale per la Sovranità appoggia la lista “Identità e Futuro”.

7 maggio 2017
verSi è svolta ieri sera l’ufficializzazione dell’appoggio del Movimento Nazionale alla lista civica IDENTITA e FUTURO che vede il candidato Giorgio Moretti correre per la carica di Sindaco al Comune di Deruta. In lista a rappresentare l’identità ci sarà ufficialmente Stefano Gambini, consigliere uscente che già da alcune settimane ha costituito all’interno del Comune di Deruta il primo gruppo Consiliare del neo nato Movimento Nazionale per la Sovranità. Stefania Verruso, commissario in Umbria del partito, ha motivato le scelte politiche che hanno portato a supportare Moretti piuttosto che altri candidati in corsa.

(more…)

Verruso (La Destra): I nuovi poveri, italiani o stranieri riconquistino pari dignità

6 ottobre 2016

la destra1Dal 2010 La Destra aveva sollevato l’esigenza di porre in essere dei criteri atti a garantire la preferenza nazionale nell’assegnazione degli alloggi di edilizia pubblica adottando criteri che tenessero conto della residenza stabile e dell’inserimento nel tessuto sociale e produttivo della nostra realtà locale. Oggi la Giunta Romizi ha riportato finalmente equilibrio in un sistema discriminatorio inverso che negli anni, Sunia compiacente, vedeva usufruire dei servizi locali sempre e solo immigrati temporanei a basso reddito. Pertanto posso solo apprezzare che finalmente ci sia da parte dell’amministrazione comunale di centrodestra, la presa di coscienza che i nuovi poveri, italiani o stranieri ormai stabilmente residenti, riconquistino pari dignità in termini di diritti umani e sociali

Stefania VerrusoSegretario regionale La Destra

 

POLITICA:DI NUOVO UNA GRANDE DESTRA

9 aprile 2016

ORVIETORiceviamo e pubblichiamo

Orvieto 9-10 Aprile2016

Palazzo del Capitano del Popolo Sabato ore 15,00 – Domenica ore 10,00

“Il sogno di tornare ad avere una grande destra non ci abbandona”

Lo dichiara Stefania Verruso segretario regionale de La Destra Umbria. Nel fine settimana ad Orvieto torneremo a riunirci insieme agli amici di Azione Nazionale per ripercorrere la storia, l’identità e le proiezioni future della destra italiana, lanciare iniziative e tracciare un percorso che ci dovrà portare ad una futura costituente a cui parteciperanno, ci auguriamo, tutti i partiti e movimenti che ideologicamente alla destra si richiamano. (more…)

Cordoglio per il consigliere Bruno Biagiotti

6 aprile 2016

la destra1La segreteria de La Destra dell’Umbria si unisce al cordoglio unanime delle altre forze politiche per la prematura scomparsa dell’amico Bruno Biagiotti. Grande serietà e competenza sono state le sue doti politiche e professionali, unite al grande senso di umanità che lo ha tenuto sempre agganciato a tutta comunità cittadina.

Sentite condoglianze alla famiglia.

Stefania Verruso  – Segretario regionale La Destra

 

 

Stefania Verruso (La Destra) aggredita e scippata a Madonna Alta

28 gennaio 2015
Stefania Verruso

Stefania Verruso

Stefania Verruso ( segretario regionale de La Destra) si trovava in via Luigi Rizzo ieri sera alle 19, nei pressi di un supermercato, e al momento di salire sull’automobile è stata aggredita e scippata, ricevendo numerose ferite e traumi.

“La cosa che più mi fa rabbia – racconta la Verruso – è che in questa zona da alcune settimane si segnalano fatti simili. Una ragazza mi ha confermato che c’è un giovane sospetto che si aggira la sera tra le auto. Ai semafori, soprattutto la mattina, avvengono queste rapine a danno di donne sole in auto. Possibile che ancora non si è fatto niente per fermarlo? A volte vedo un clima di rassegnazione tra le forze dell’ordine e tra i cittadini stessi. Dobbiamo reagire contro tutte le criminalità“

Seguici su 

LA DESTRA: Il Presidente Teodoro Buontempo ci ha lasciato.

24 aprile 2013

teodoro 4Il Segretario regionale Stefania Verruso, insieme ai dirigenti provinciali Filiberto Franchi e Daniela Cirillo e a tutta la comunità umbra, partecipano al dolore della famiglia per la morte del Presidente del partito Teodoro Buontempo.

“Se ne è andato un esempio della sana politica italiana, un padre e un maestro per me e per tutti noi che lo abbiamo seguito e abbiamo cercato di imitarne i comportamenti. Un uomo intransigente, sincero e disinteressato, Teodoro lascia dentro ciascuno di noi un segno indelebile per continuare a rappresentare con fierezza, passione e lealtà valori che mai dovranno essere dispersi, nella vita e in politica. (more…)

Disastri ferroviari in Umbria, non sono solo eventi atmosferici

8 aprile 2013

Riceviamo e pubblichiamo

Al dissesto finanziario in cui versa Umbria Mobilità è da imputare la mancata corretta manutenzione della linea regionale dei trasporti ferroviari della ex Ferrovia Centrale Umbra. Ricordiamo che la Umbria TPL, che ha inglobato FCU, non si occupa solo del trasporto su gomma, ma fanno riferimento (more…)

PERUGIA: LA DESTRA UMBRIA PRESENTA I SUOI CANDIDATI PER LE PROSSIME POLITICHE

21 gennaio 2013

la-destra-logoIncontro ufficiale mercoledì 23 gennaio, alle 11, nel palazzo della Provincia di Perugia

Completata la squadra dei candidati de La Destra di Francesco Storace che si presenterà per l’Umbria alla Camera e al Senato alle elezioni politiche, in programma il 24 e il 25 febbraio. La rosa dei nomi completa sarà presentata ufficialmente, mercoledì 23 gennaio, nella sala Giunta della Provincia di Perugia, alle ore 11, dai segretari regionale e provinciali di Perugia e di Terni, rispettivamente (more…)

Elezioni 2013. Candidati umbri alla Camera e Senato LA DESTRA di Storace

14 gennaio 2013

la destra logoCamera dei Deputati:

1- Francesco Storace 2- Teodoro Buontempo 3- Stefania Verruso 4- Filiberto Franchi 5- Giuseppe Zangarelli 6- Laura Barbanera 7- Piero Ognibene 8- Fabrizio Bistoni 9- Osvaldo Fratini

Senato della Repubblica 

1- Daniela Cirillo 2- Maurizio Cecconelli 3- Lamberto De Angelis 4- Aldebrano Micheli 5- Roberto Migliacci 6- Fabrizio Monacelli 7- Luciano Benedetti

Per il rinnovo del Parlamento nel 2013 La Destra presenterà proprie liste anche in Umbria

8 dicembre 2012
Stefania Verruso

Stefania Verruso

di Stefania Verruso  – segretario regionale de La Destra Umbria

Le incertezze che hanno scosso il centrodestra – dopo il tormentone primarie, comitati, ex An, scissioni e ora l’imminente ritorno di Berlusconi – sia a livello nazionale che umbro, non riguardano in nessun modo il partito de La Destra. Gli uomini e le donne del segretario Francesco Storace sono pronti per la prossima tornata elettorale con un programma, con proprie liste e con le idee ben chiare su valori, giudizio sul Governo Monti e rilancio del Paese. Una realtà questa anche per la sezione dell’Umbria. A noi interessa il futuro dell’Italia post-Monti, un governo che in un anno ha messo in ginocchio cittadini, famiglie e (more…)

Anniversario della Marcia su Roma, evento politico o storico-culturale?

25 ottobre 2012

LETTERA A GOODMORNINGUMBRIA

Non leggiamo nessuna dietrologia o apologia del Fascismo dietro il convegno organizzato per la celebrazione del 90° anno della marcia su Roma. Perugia è stata la città da cui la stessa marcia è (more…)

La BCE di Draghi non ci salva, ci svende.

7 settembre 2012

Dietro l’annuncio da parte della Banca Centrale Europea di acquistare solo i titoli di stato a breve scadenza, non si ravvede la volontà di ridare liquidità all’Italia facendo ripartire economia, consumi e invertendo il dato della disoccupazione, anzi pare piuttosto che si sia messa in atto una precisa strategia, anche se l’annuncio ha ridato fiducia alle borse e fatto calare il fatidico spread. (more…)

LA SCUOLA DELL’OBBLIGO DA DIRITTO DIVENTA PRIVILEGIO.

30 agosto 2012

Stefania Verruso

di  Stefania Verruso – Segretario regionale La Destra

Se l’Agosto è stato di fuoco il Settembre non si preannuncia migliore. Non è solo l’afa a rendere il clima rovente, ma anche la rabbia unita allo scoramento che cresce nei genitori italiani che in queste ore si trovano alle prese con l’acquisto dei libri di testo e di tutto il materiale scolastico in vista della riapertura delle scuole. Un costo non dilazionabile ne imprescindibile che andrà a gravare sul’ esiguo bilancio familiare già in (more…)

L’ORO NERO CHE DIVENTA ROSSO COL SANGUE DEGLI ITALIANI

24 agosto 2012

Stefania Verruso

Benzina a 2 EURO, nessuno ne parla anche se il prezzo del greggio a barile continua a scendere. All’arrivo di Monti il carburante costava circa 1,45 EURO al litro, ma in questi mesi è aumentato di quasi il 40%. Aggiungendo al prezzo imponibile che sarebbe di 0,77 €/lt l’IVA al 21%, si arriverebbe ad una cifra finale di 0,931 €/lt. La differenza in più sono accise, oneri aggiuntivi che incidono per oltre il 100%, inserite nel corso dei decenni e mai più levate. Si va dalla guerra in Abissinia all’alluvione di Firenze, dal terremoto in Irpinia alle varie missioni in Libano e Bosnia, dalla conservazione dei beni culturali all’emergenza immigrazione, alle alluvioni in Liguria e Toscana, alla (more…)

LA DESTRA: L’ISTAT E LA RAI, DUE FACCE DELLA STESSA ITALIA

19 luglio 2012

Stefania Verruso Segretario regionale La Destra

I dati ISTAT che riguardano la povertà degli italiani ci fanno riflettere e allo stesso tempo adirare. Sono circa 8 milioni gli italiani che vivono in una condizione di grande disagio ed il numero è destinato ad aumentare vista la crisi economico finanziaria inarrestabile, visti i tagli governativi anche ai servizi (more…)

I dolori del giovane Euro, lo spread ed il futuro delle famiglie italiane

6 luglio 2012

Stefania Verruso

Intervista a Stefania Verruso Segretaria regionale La Destra

di Francesco La Rosa

Stefania, prima di entrare nel core business della nostra conversazione puoi raccontarci in sintesi la nascita de La Destra? E la storia di Storace che ha voluto andare alle elezioni da solo.

La Destra è nata prima del Pdl, nel 2007, era una corrente (destra sociale) all’interno di An in dissenso con Fini.

Ma perché ha preferito andare da solo? (more…)

LA DESTRA: “LE 10 BATTAGLIE PER LA SOVRANITA’” PRESENTATE IN PROVINCIA

27 giugno 2012

Il Segretario Regionale de LA DESTRA Stefania Verruso annuncia che GIOVEDI 28 Giugno alle ore 11 presso la Provincia di Perugia “Sala Falcone e Borsellino” in P.zza Italia, insieme ai Segretari Provinciali di Perugia Filiberto Franchi e di Terni Daniela Cirillo, si terrà la (more…)

ANCHE LA DESTRA UMBRA A NAPOLI PER IL FUTURO

7 giugno 2012

LA DESTRA lancerà da Napoli, il prossimo 9 Giugno, in occasione della grande manifestazione alla Fiera d’Oltremare, la richiesta al Parlamento di una legge costituzionale per indire un Referendum (more…)

Gubbio: Giuseppe Zangarelli nominato reggente della sezione comunale “La Destra”

28 aprile 2012

Il Segretario Nazionale Francesco Storace ha benedetto nei giorni scorsi la nascita  a Gubbio della sezione locale del partito “ La Destra”, come dice sia il Segretario Regionale Stefania Verruso che il Segretario Provinciale Filiberto Franchi, “anche a Gubbio il gruppo di lavoro che da tempo sta portando avanti questa lodevole iniziativa ha raggiunto lo scopo di proporre alla cittadinanza Eugubina una opportunità per rivendicare le proprie ragioni in un momento politico dove la voce dei cittadini è stata soffocata da un sistema politico-partitico che ha avuto il solo scopo di creare un silenzio assordante circa le vere necessità dei cittadini” . Contestualmente alla comunicazione del riconoscimento che è avvenuta nei giorni scorsi durante la riunione del direttivo regionale lo stesso Segretario Stefania Verruso ed il Segretario Provinciale Filiberto Franchi hanno annunciato la reggenza della sezione Eugubina al segretario Giuseppe Zangarelli oltre che ha riconoscere gli indubbi meriti all’intero gruppo di lavoro per essersi adoperato così attivamente per far si che anche sul nostro territorio i cittadini tutti possano far riferimento ad una realtà politica così distante dalla politica di palazzo per essere vicina alle persone .

La Destra, presidio in Comune per affrontare il tema della sicurezza negata

23 marzo 2012

Stefania Verruso

Il Segretario Regionale de LA DESTRA Stefania Verruso annuncia che Martedi 27 Marzo 2012 dalle ore 11 alle 12 verrà effettuato un presidio sotto Palazzo dei Priori sede dell’Amministrazione Comunale di Perugia per affrontare il tema della SICUREZZA NEGATA ai cittadini. I gravi fatti di cronaca accaduti negli ultimi giorni hanno fatto riemergere le gravi responsabilità del Sindaco e della sua Giunta riguardo il tema evidenziato. La Destra, avendo sempre rilevato l’assente intervento dell’amministrazione comunale che ha volutamente sottovalutato il problema, a tutela dei tanti cittadini sconvolti ed impauriti, chiede ora azioni concrete e non più tavoli di analisi. Il Sindaco dovrà dichiarare apertamente quali provvedimenti metterà in campo per stanare i clandestini che, alimentando il fenomeno della droga, fungendo da manovalanza per la microcriminalità, diventando quelle bestie feroci che sono in grado di distruggere le nostre famiglie, giungono numerosi dai paesi dell’Est Europa e dal nord dell’Africa e trovano ad accoglierli un’Amministrazione senza regole severe. L’ex Sindaco Locchi diceva di non voler essere il SINDACO SCERIFFO, noi de LA DESTRA invece pretenderemo che Boccali lo diventi, perché i tempi lo richiedono, i cittadini ed i ragazzi perugini sia del centro che della periferia lo urlano, diversamente ci vedremo costretti a chiederne le dimissioni.

 

LA DESTRA: PERUGIA LA CITTA’ DEL DOLORE

6 marzo 2012

LETTERA A GOODMORNINGUMBRIA

La situazione è diventata drammatica e le lacrime del Sindaco Boccali non ci commuovono. L’ennesimo caso di brutale violenza impone una presa di posizione chiara per iniziare un’azione repressiva che coinvolga non solo le forze dell’ordine, ma anche le istituzioni tutte a partire dal Comune di Perugia. La città è stata completamente devastata nella sua immagine, ma ora anche i cittadini hanno veramente paura. Il consiglio che il Segretario de La Destra Stefania Verruso dà al Sindaco Boccali è quello di cominciare ad assumersi qualche responsabilità con iniziative concrete, altrimenti dopo la fiaccolata per rappresentare il dolore della morte di un giovane innocente, si deciderà di scendere in piazza per chiederne le sue dimissioni.

Stefania VerrusoSegretario regionale La Destra

La Destra: Abbiamo riaperto la strada per far si che tanti politici tornino a credere per un’Italia migliore

5 marzo 2012

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LETTERA A GOODMORNINGUMBRIA

Il 3 marzo abbiamo manifestato l’orgoglio di un popolo che non si è mai voluto uniformare al sistema. 20.000 persone hanno dimostrato all’Italia e alla politica che la destra italiana ha consegnato alla storia una tradizione incancellabile e che c’è un leader, Francesco Storace, per cui non conta solo esserci, ma si deve credere per esserci. Abbiamo riaperto la strada per far si che tanti politici tornino a credere per un’Italia migliore. La compostezza della nostra gente è stata apprezzata sia da chi ci guardava affacciandosi nei negozi a salutare, sia dalle forze dell’ordine, a cui va tutto il nostro ringraziamento, che tranquillamente ci hanno seguito con la consapevolezza di trovarsi in mezzo a gente per bene. Tante le TV e testate giornalistiche a riprendere immagini in diretta ed interviste e d’ora in avanti ci auguriamo che da parte di nessuno continui l’ostracismo o il tentativo di sminuire la forza di questo partito che, senza pari, è riuscito a riportare in piazza oltre ventimila persone, come non succedeva più dai tempi di tangentopoli. La Destra è tornata per essere l’unico vero riferimento per tutti coloro che credono o sono alla ricerca di onestà, valori, coerenza e buon governo. Tante le proposte lanciate dal palco dal Segretario Francesco Storace, a partire da quella sovranità monetaria di cui ci si dovrebbe riappropriare, all’incitamento a Silvio Berlusconi per staccare la spina a questo Governo evitando inciuci sulla legge elettorale, fino al rinnovamento della classe politica mandando a casa quei “RAGAZZI DELL’ 83” che dopo trent’anni di presenza in Parlamento la politica potrebbero farla anche ai domiciliari.

Stefania VerrusoSegretario Regionale La Destra

 

Fiscal Compact è una cambiale in bianco?

2 marzo 2012

Stefania Verruso

LETTERA A GOODMORNINGUMBRIA

Oggi Monti firma per il FISCAL COMPACT e d’ora in avanti avremo sempre finanziarie lacrime e sangue per rientrare del debito pubblico, con la certezza che NOI dovremo continuare a pagare e senza nessuna garanzia che LORO smetteranno di spendere.

QUESTA E’ UNA CAMBIALE IN BIANCO PRESENTATA DA MONTI E FIRMATA DA TUTTI GLI ITALIANI!

Stefania Verruso – La Destra

BERLUSCONI E I PROCESSI INFINITI

25 febbraio 2012

LETTERA A GOODMORNINGUMBRIA

A minare la tenuta di Berlusconi e fargli scegliere la resa forse è stata anche l’apprensione per il processo Mills. Un processo durato 5 anni che si è concluso oggi per prescrizione dei termini. Un altro caso a dimostrazione di come alcuni magistrati politicizzati si siano accaniti per anni, al solo scopo di gettare ombra sul Premier Silvio Berlusconi, leader del centro destra, per continuare a minare la credibilità del suo Governo. Magistratura politicizzata al servizio di una sinistra priva di idee, che ha sempre puntato ad affossare il Governo solo con azioni diffamatorie, contribuendo a rendere l’immagine della stessa Italia poco credibile anche agli occhi della comunità e della stampa internazionale. Pubblici ministeri asserviti al potere che hanno optato anche per risoluzioni immediate di procedimenti a favore di alcuni personaggi, mentre in altre circostanze sono andati alla ricerca di cavilli per evitare che si giungesse ad un non luogo a procedere.

Noi rivendichiamo con forza che la Magistratura si muova nella rapida definizione dei processi pendenti, invece che inseguire la politica! In Italia ancora il 42 % della popolazione carceraria è in attesa di giudizio, per non parlare degli errori giudiziari che provocano danni allo Stato per decine di milioni di euro, oltre alle sanzioni da parte della Comunità Europea, per cui la lobby dei magistrati, pur percependo stipendi da capogiro, non è mai responsabile degli errori commessi. E’ assolutamente vergognoso che altre categorie professionali paghino per i propri errori ed i magistrati non vengano neanche sanzionati o controllati per il loro operato. Affinchè quella parte di magistratura investita del duplice ruolo torni ad occuparsi esclusivamente delle proprie questioni, una buona volta tocca alla politica attuare quelle riforme che possano garantire tutti i cittadini di non rimanere imbrigliati nelle maglie di un sistema giudiziario lungo, ferraginoso e troppo spesso iniquo, come quello Italiano, di cui siamo quotidianamente spettatori e protagonisti.

Stefania Verruso La Destra

 

CASO GORACCI: MALA POLITICA O CAPRO ESPIATORIO?

16 febbraio 2012

La bolla dell’inchiesta sulla Città dei Ceri che andava avanti da mesi nel quasi totale disinteresse dei media, è scoppiata ora pubblicamente nella incredulità di tutti, un fulmine a ciel sereno che ha lasciato l’opinione pubblica stranamente sbalordita per la inconsueta platealità dei modi a cui l’ Umbria non è abituata, ma anche fiduciosa che quanto accaduto sia l’inizio di un processo volto a riportare moralità e trasparenza nell’esercizio della cosa pubblica, una nuova stagione di verifiche e controlli di cui le Amministrazioni Umbre necessitano urgentemente.

E’ quanto ha manifestato il Segretario regionale de LA DESTRA Stefania Verruso, che ha atteso la definizione dei capi di imputazione che hanno portato all’arresto di ORFEO GORACCI ex Sindaco di Gubbio e vice Presidente del Consiglio Regionale dell’Umbria, prima di sbilanciarsi in una analisi. La gravità delle accuse, non tutte manifestate in prima battuta, continua la Verruso, ci inducono ad aprire una profonda riflessione politica sia rimanendo strettamente legati ai fatti in se che hanno generato l’arresto di una Giunta nella quasi totalità, sia analizzando il deprecabile contesto politico generale umbro in cui i fatti sono accaduti.

Ribadendo in prima istanza la gravità e la portata dei reati, vorrei che quanto accaduto fosse messo in relazione a quanto abbiamo assistito mesi or sono con le indagini sulla ASL3 di Foligno, analogo caso di scambio di posti di lavoro dietro ritorno di consensi elettorali, che però, nonostante abbia portato alle dimissioni dell’allora Ass. alla Sanità, nonostante le intercettazioni telefoniche, nonostante l’evidenza di tornaconti economici, ad oggi, non ha visto nessuno dei personaggi coinvolti, dietro le sbarre.

La domanda da porsi è dunque se può essere considerato esclusivo il caso di Gubbio, il caso di Orfeo Goracci esponente di spicco di Rifondazione Comunista, il solo caso in Umbria in cui si è potuto agire in maniera inequivocabile oppure se, con l’arresto, si è voluto individuare un capro espiatorio, un’unica pecora nera che ha gettato fango sul buon governo di una intera regione rossa.

Non può essere privo di significato il fatto che Rifondazione Comunista sono oltre 10 anni che governa in Umbria insieme alla parte della sinistra moderata attualmente identificata nel Partito Democratico, e pertanto non è da ritenersi plausibile pensare che solo nel Feudo rosso per eccellenza si sia potuto accertare senza ombra di dubbio l’esistenza di un sistema clientelare su cui da 60 anni si è retto il potere della sinistra in Umbria, ne può essere credibile che solo nel caso eugubino si sia pervenuti alla determinazione di prove così schiaccianti, senza nutrire il dubbio che ci possa essere il contributo di chi da alleato politico, ha deciso di mettere fuori gioco l’alleato ora diventato scomodo, addirittura animando il chiacchiericcio con le accuse di molestie sessuali che richiamano quel Bunga Bunga che tanto ha tenuto viva l’attenzione dell’opinione pubblica mesi fa.

Non vorremmo che anche in Umbria, come purtroppo abbiamo rilevato nella politica nazionale a opera della sinistra più becera, si sia voluta concentrare l’attenzione su un unico caso isolato, gravissimo e moralmente deprecabile dal nostro punto di vista, ma che ha il compito di distogliere l’attenzione dei cittadini da altre situazioni magari più scomode, magari accuratamente da arginare.

Auspicando che la Magistratura possa procedere con la fermezza necessaria in questa e nelle altre azioni intraprese, l’auspicio per noi de La Destra ora è quello di riuscire, unitamente alle forze politiche di centro destra, a mantenere viva l’attenzione su quello che è il vero bubbone della politica umbra, il male che ha portato la nostra regione ad rimanere ingessata nelle maglie della burocrazia e che ne ha impedito lo sviluppo, per giungere con reale determinazione al ribaltamento del governo regionale, per la prima volta dopo oltre 60 anni.

Martiri delle foibe, polemica botta e risposta fra Stefania Verruso e Carla Spagnoli

9 febbraio 2012

Vedo che la Sig.ra Verruso, Segretario Regionale della Destra, lancia accuse e definisce triste e scorretto strumentalizzare la data del 10 febbraio, il Giorno del Ricordo dei Martiri delle Foibe. Non si rende conto che è lei stessa a cadere nella strumentalizzazione quando speciosamente usa questa tragica ricorrenza per una odiosa e vergognosa “polemichetta” per procurarsi un po’ di visibilità e rompere l’ annoso e totale silenzio che caratterizza il suo impegno politico. Ribadisco con forza e convinzione la nostra dolorosa e sentita partecipazione al ricordo dei Martiri di quell’immane tragedia e ricordo alla signora Verruso che è stato proprio l’on. Roberto Menia, Coordinatore Nazionale di Futuro e Libertà, il promotore della Legge che ha istituito il Giorno del Ricordo. Io ero nella Destra di Storace quando ci presentammo con “Santanchè Presidente” contro il PDL gridando forte contro Berlusconi ed il berlusconismo. C’era anche la signora Verruso. Io sono uscita. Lei e La Destra oggi affiancano il PDL ed inciuciano con Berlusconi. Voglio ricordarlo alla signora Verruso e a La Destra. Ma forse pretendere coerenza da La Destra e dalla signora Verruso, è pretendere troppo!

Carla Spagnoli

LE FOIBE e LE INCONGRUENZE di FLI, LA DESTRA dell’Umbria si risente.

8 febbraio 2012

Stefania Verruso

Strumentalizzare la data del 10 Febbraio, il GIORNO DEL RICORDO PER I MARTIRI DELLE FOIBE, è il comportamento più triste e scorretto che i cosiddetti politici politicanti possono fare per acquisire visibilità. Mentre sul sito internet ufficiale di Futuro e Libertà viene indicato col termine “surreale” manifestare contro i crimini del comunismo, mentre viene affermato che in tempi di grave crisi finanziaria “non è importante” porre l’attenzione a quei gravi fatti taciuti per anni, mentre, dunque, a livello nazionale si affermano siffatte sconsideratezze, nella nostra rossa Umbria si dà notizia della nascita di un COMITATO di FLI che coordinerà le iniziative del partito a livello locale in merito alla ricorrenza del 10 Febbraio, iniziative promosse dalla coordinatrice regionale Carla Spagnoli alla presenza del coordinatore nazionale Roberto Menia. La commemorazione delle Foibe è una giornata a cui tutti i cittadini italiani, anche quelli che si professano antifascisti, devono portare rispetto, perché finalmente anche gli eccidi perpetrati dai comunisti di Tito non sono più sconosciti. Sessant’anni di silenzio su fatti drammatici che hanno visto gli esuli italiani del Friuli, dell’Istria e della Dalmazia barbaramente “infoibati” fino a farne perdere la reale quantità numerica, impongono oggi attenzione e massima divulgazione della verità. Esigono a maggior ragione, però, deferenza da parte di chi, per tradizioni storico politiche, si è sempre dichiarato anticomunista. Pertanto, mentre plaudo alle iniziative volte alla divulgazione dei fatti e ad onorare i martiri, come stiamo facendo noi de LA DESTRA in buona parte d’Italia con presentazioni di libri, fiaccolate, gazebo oltre a interventi televisivi, nel contempo disapprovo l’uso indecoroso che ne stanno facendo i dirigenti umbri di Futuro e Libertà, che esorto ad astenersi dall’utilizzare il 10 FEBBRAIO ai fini di una sterile propaganda volta a tentare di giustificare le loro attuali discutibili e mistificanti posizioni politiche. Ma forse pretendere coerenza da FLI, almeno in questo caso, è chiedere troppo.

Stefania Verruso – Segretario regionale La Destra

Iniziative a Terni: Come ogni anno, anche questo 10 febbraio, La Destra ricorda i martiri delle FOIBE. Dal consueto gazebo in Corso Tacito, verrà distribuito materiale informativo riguardante una delle più grandi tragedie della storia italiana. “Non possiamo nè vogliamo dimenticare le vittime delle FOIBE, per troppi anni la storia non ha reso loro giustizia negando questo ignobile martirio. Lo scorso anno a Narni, è stata intitolata una via a Norma Cossetto, giovanissima vittima, violentata ed infoibata così com’è stata infoibata la sua memoria fino, appunto, al 2011. Sarebbe auspicabile che anche il Comune di Terni rendesse giustizia, sebbene solo simbolicamente, a questi martiri, per troppo tempo non considerati, ignorati e addirittura vilipesi, compiendo il nobile gesto dell’intitolazione di una via. Lo scorso anno – prosegue la coordinatrice de La Destra di Terni, Daniela Cirillo – il nostro gazebo commemorativo è stato accerchiato da gruppi di facinorosi i cui volantini erano firmati R.A.T., i quali, beffeggiando la verità delle foibe, hanno aggredito verbalmente le ragazze di Gioventù Italiana che sostavano all’interno della tensostruttura allestita, è vergognoso che, nonostante l’argomento sia entrato nei libri di storia e sia stato inserito tra i temi dell’esame di scuola media superiore, certe fronde della sinistra abbiano la sfrontatezza di negare ancora. Lo scorso anno chiesi al PD la presa di distanza da tali atteggiamenti ma non ebbi alcuna risposta, e allora mi torna alla memoria un vecchio detto: ‘a pensar male si fa peccato ma, a volte ci si indovina’…”

“LA DESTRA” E MOVIMENTO PROGETTO NAZIONALE CONTRO LA DITTATURA BANCARIA

13 dicembre 2011

Sabato 17 Dicembre 2011 alle ore 17, presso l’ ARTE HOTEL di Ferro di Cavallo,

La Destra insieme al movimento Progetto Nazionale, propone il Convegno “CONTRO LA DITTATURA BANCARIA”. Verranno affrontati temi quale il signoraggio bancario, l’usura e la perdita della nostra sovranità monetaria, argomenti sconosciuti ai più, ma che purtroppo sono parte in causa nell’analisi della grave crisi economica e finanziaria che ha coinvolto il nostro paese. Ci faremo promotori di spiegare in che modo opprimente il sistema bancario incide nel vivere quotidiano e le gravi ripercussioni a cui il popolo italiano va incontro dovendo sottostare alla scelta fatta dal Presidente della Repubblica GIORGIO NAPOLITANO di aver fortemente voluto un Governo di banchieri tecnocrati, ledendo il diritto di rappresentatività dei cittadini e mettendoli nelle stesse mani di coloro che quotidianamente minacciano la loro sopravvivenza. Sarà un momento di confronto tecnico politico che metterà in risalto l’indignazione del nostro partito verso la cosiddetta “MANOVRA SALVA ITALIA” , ma avremo modo anche di anticipare le proposte che La Destra metterà in campo per il prossimo futuro. A questo proposito diamo annuncio anche della grande manifestazione che si terrà Domenica 18 Dicembre a Roma al Best Western Hotel Universo, dove il Segretario Francesco Storace ed il Presidente Teodoro Buontempo, insieme ai massimi vertici del partito, dichiareranno a gran voce di opporsi a questa Manovra Monti che va contro gli interessi dei cittadini e contro ogni forma di equità e giustizia sociale.

Stefania Verruso – Segretario Regionale La Destra

LA DESTRA: PERUGIA CITTA’ DEL BIKE SHARING ?

24 febbraio 2011

di Stefania Verruso – Segretario Regionale La Destra

Stefania Verruso

La grande enfasi con cui il Comune di Perugia per bocca dell’Ass. Pesaresi annuncia la partenza del progetto Bike Sharing ci lascia sconcertati e allo stesso tempo perplessi per non pochi motivi. Analizzando i dati annunciati salta subito all’occhio la rilevante cifra dell’investimento totale,  630.000,00 Euro dei quali 512.000, pari circa all’ 85 %, sono a carico della collettività, considerando il contributo del Ministero per l’Ambiente e dell’Amministrazione Comunale. Vogliamo ricordare che il progetto Bike Sharing consiste nell’utilizzo, gratuito o con minimo costo di noleggio, di biciclette messe a disposizione degli utenti, cittadini o turisti che amano muoversi in piena autonomia, per girare liberamente la città. L’idea, sperimentata già da anni in numerose città italiane ed europee, accattivante nella teoria, si è rivelata troppo spesso fallimentare nella pratica, considerando gli esperimenti compiuti in Italia sino ad oggi che riportano principalmente solo i dati negativi di furti e danneggiamenti dei mezzi. Purtroppo, però, alla nostra Amministrazione comunale verificare esperienze pregresse, come al solito (vedi Minimetro), non interessa, ma non si è ritenuta importante neppure la valutazione morfologica del territorio che è il primo presupposto per far funzionare  il progetto Bike Sharing. Infatti i territori interessati devono essere prevalentemente, se non esclusivamente, in pianura e Perugia non possiede certo questi requisiti. In effetti, la stessa Ass. Pesaresi, ci fa sapere che il Bike Sharing, a Perugia, riguarderà solo l’area di Pian di Massiano, partendo da Centova (Multisala Giommetti) sino alla sede dell’Università di Ingegneria, un tratto di circa 1 km. di strada (con un costo di progetto di 630.000,00 Euro) perchè altrove, in bicicletta, difficilmente si potrebbe andare, seppure con la pedalata assistita elettricamente! Il Bike Sharing, invece, per rispondere pienamente alla sua vocazione, dovrebbe essere un sistema alternativo all’uso dell’auto o dei mezzi pubblici, sia per chi si sposta quotidianamente in città, sia per il turista che viene in visita,  ma riflettendoci un momento nessuna di queste categorie di utenti potrebbe, a Perugia, muoversi  in bicicletta. Se analizziamo infine il costo di una bici elettroassistita che si aggira intorno ai 1.000,00 Euro per il pubblico, e secondo quanto dichiarato dal Comune di Perugia ne sono previste 24 sicuramente acquistate a  costi nettamente inferiori, la nostra perplessità scaturisce dalla domanda legittima “CHE FINE FANNO GLI ALTRI 600.000,00 Euro dell’investimento?” Notiamo con interesse che una quota del costo (circa il 15 %) ricade su investitori privati facenti riferimento alla Multiplex Giommetti e, pur non comprendendo quale necessità abbia il complesso in se, visto che è perfettamente servito da strade, servizi pubblici e posti auto, confidiamo nella buona fede del Project Financing a scopo pubblicitario. Comunque, pur rimanendo in noi il sospetto che si creino iniziative eclatanti sempre per favorire i soliti amici, la nostra indignazione nasce davanti alla demagogia culturale che l’ Amministrazione di Perugia manifesta con questi investimenti  incomprensibili. Il Comune, che quotidianamente si rammarica per i tagli governativi, continua imperterrito a disperdere preziose risorse pubbliche in iniziative effimere e fallimentari, non curandosi dell’ arredo urbano, delle infrastrutture, della mobilità alternativa vera, e di tutto ciò che andrebbe a reale vantaggio di tutti i residenti.

Il Presepe, per La Destra importante valore da rivalutare

20 dicembre 2010

IL PRESEPE IN PIAZZA. Nelle giornate di Sabato 18 e Domenica 19 le donne del Dipartimento Pari Opportunità de LA DESTRA sono state presenti in molte piazze italiane con gazebo per sostenere i valori cristiani della cultura italiana.

Stefania Verruso

Un gazebo ieri era presente anche in Umbria,  a Terni in pieno Corso Tacito, dove i passanti sono stati omaggiati con bambinelli e mattonelle dipinte raffiguranti la “natività” per rappresentare ai cittadini ternani che la ricorrenza del Natale non è solo un evento consumistico, ma una festa sacra e profondamente radicata nella cultura popolare delle famiglie italiane.

Con IL PRESEPE IN PIAZZA, LA DESTRA, ha voluto esprimere con convinzione la necessità di rivalutare gli importanti valori morali del cristianesimo a lei cari: la sacralità della vita nascente, della maternità e della famiglia fondata sul matrimonio.

PROPOSTA LA DESTRA SULLA CASA: PRIMA AGLI ITALIANI

2 dicembre 2010

Stefania VerrusoSegretario Regionale La Destra 

E’ quanto chiede La Destra in nota al progetto di modifica dell’art. 31 della legge regionale 23/2003 relativamente alle graduatorie per l’assegnazione degli alloggi popolari, presentato in Consiglio Regionale dal Consigliere della Lega Nord Gianluca Cirignoni.

La proposta avanzata dalla Lega Nord appare poco chiara e fuorviante e dimostra l’inesistente volontà di schierarsi a favore della popolazione umbra di origine italiana, in quanto si riferisce, genericamente, ai cittadini umbri che lavorano stabilmente nel nostro territorio. La proposta avanzata di assegnare un punto di merito in più

Stefania Verruso

per ogni anno di residenza in Umbria agli stranieri, sempreché stabilmente assunti, determinerebbe, a conti fatti, un ulteriore vantaggio per questi ultimi ed aprirebbe loro un’ ulteriore corsia preferenziale rispetto a chi, in Umbria, c’è nato e ci risiede da sempre.

La Destra, a questo proposito, intende richiamare l’attenzione sul valore della PREFERENZA NAZIONALE proponendo, nell’assegnazione degli alloggi, che le graduatorie vengano effettuate tenendo conto numericamente della popolazione di italiani e di stranieri presenti nel territorio umbro e, sulla base di questa percentuale, riproporre due graduatorie di accesso.

Solo in questo modo i cittadini italiani non dovranno competere, in termini di punteggio, con gli stranieri che, in base ai parametri ISEE, risulteranno costantemente di gran lunga avvantaggiati. Noi non vogliamo che un anziano italiano, un disoccupato o un giovane precario, si vedano strappare il diritto a ricevere un aiuto, da un residente straniero, con moglie e figli a carico, anche se stabilmente occupato in Umbria. Il tessuto sociale umbro, rispondendo al Consigliere della Lega Gianluca Cirignoni, non si protegge ponendo in contrapposizione i bisogni degli italiani con i bisogni degli stranieri, ma garantendo loro pari dignità e pari attenzioni in termini di servizi e garanzie.