PDL: Terni non è una torta da spartirsi ma una città da rilanciare!

Il degrado politico-sociale di questa città è ben rappresentato dalla profonda lacerazione che colpisce il Partito Democratico di Terni. E’ bene allora porre attenzione alla durissima lotta che si sta consumando tra le tante anime protagoniste che lo compongono. L’erede del partito comunista che da sempre amministra la nostra città è in preda a forti guerre fratricide che danno origine a continue crisi politiche, che finora si sono sempre risolte in farse e che hanno di fatto rimandato l’inevitabile resa dei conti. Così da più di un anno si va avanti per tregue armate, tra chi vuol far finta di niente, minimizza e chi denuncia un partito vittima delle tante pressioni esercitate da parte di gruppi portatori di propri interessi o addirittura di famiglia, e di un sistema di potere che lo vede principalmente impegnato a mantenere se stesso. Mentre si va avanti così tra crisi politiche, ultimatum da resa dei conti, divisioni, assegnazioni d’incarichi di secondo livello, frammentazioni autoreferenziali portatrici di nuovi interessi e poteri, le faide e le laceranti ostilità personali rendono di fatto ingovernabile la nostra città. In più la città è ingessata dal consolidato sistema clientelare che la soffoca, la umilia e la distrugge; in quel consenso elettorale che si è consolidato solo sui favori personali. Si vuol continuare a perpetrare quell’ereditato sistema di potere del PCI che per decenni ha sacrificato gli interessi di una città a quelli di un partito. Si tratta d’interessi privati, capillari, consolidati e intoccabili. Un equilibrio di guadagni che accontenta e soddisfa sempre gli stessi. Un sistema che deve comunque sopravvivere, tutelando e alimentando più nicchie di potere. Altro che soluzioni di interessi generali, altro che discussioni e magari divisioni sui problemi che interessano la città e il territorio, la povertà,il degrado e le opportunità di sviluppo… macché!! Si tratta di beceri interessi personali e clientelismo. Su Terni si aggirano fameliche voglie d’interessi e di privilegi da difendere. Ora il sistema è in crisi, perché la torta, per le risorse sempre più scarse, per la crisi, per i tagli, per le emergenze, è diventata sempre più piccola e le porzioni da poter servire sempre di meno, mentre gli appetiti degli affamati commensali sembrano aumentare sempre di più ed è difficile accontentare tutti! Le vere ragioni di fondo della crisi del PD e i veri motivi del degrado della sua politica sono da ricercare proprio in queste considerazioni. Fino a quando c’è stato tanto potere da gestire, posti da distribuire, fondi pubblici da elargire potevano essere ripagati tutti i soggetti servizievoli e il sistema si autoalimentava. In più ora l’attuale classe dirigente preferisce le carriere politiche personali alla difesa degli interessi della comunità, obbedire a dirigenze superiori in cambio di una consulenza o di un po’ di denaro per la cultura di associazioni amiche. Il Sindaco e il PD dunque ora raccolgono i frutti marci di questo non più governabile sistema che si somma all’incapacità politica e all’opacità amministrativa. Si annuncia un rilancio politico-amministrativo che non ci sarà mai; questa amministrazione è ormai al capolinea. Non lo dico perché Terni non ha un teatro né una piscina pubblica, perché si cerca di fare cassa in ogni modo, perché ieri hanno spezzato il pennone della nostra cara fontana, tutto questo potrebbe bastare, ma lo dico perché Terni è in una pericolosa incertezza politica e in un’aberrante paura del futuro che non merita, legata ai destini di un partito destinato ad implodere. Mai come in questo momento avremmo bisogno di una amministrazione forte, seria e determinata in grado di dare nuove speranze a noi tutti. Promesse nel “documento sulla crisi” di giugno, poi nel recente “piano strategico”… ora ne arriveranno altre? Caro Sindaco, si avvicina il fine anno, eviti per questa volta la conferenza stampa; eviti di prendere in giro i Ternani, arrampicandosi sugli specchi per raccontarci una Terni migliore che non esiste e che né Lei, né il suo partito è in grado di regalarci.

Michele Rossi – Coordinatore Comunale PDL Terni

 

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: