CASE POPOLARI: AI TERNANI E AGLI ITALIANI SPETTA LA PRIORITA’ NELLE ASSEGNAZIONI

fraRiceviamo e pubblichiamo

“La Malafoglia stia serena: noi continueremo a parlare di discriminazioni a danno degli italiani fino a quando – a fronte di una percentuale di stranieri regolarmente residenti pari al solo 10% della popolazione ternana – la quota di case popolari a loro assegnate non rispetterà questa proporzione.

Si tratti di graduatorie ‘cosiddette definitive’ (come scrive la Malafoglia), o ancora da sottoporre al vaglio della commissione che deve accertare quanti dati non veri sono contenuti nelle autocertificazioni presentate…, certamente vedremo alla fine. E a quel punto temo che dovremo proprio tornare a chiederci, come ormai si chiedono in tutta Italia, se ad essere penalizzati sono i nostri concittadini e connazionali, oppure no. Vedremo allora se sarà necessario correre ai ripari – come nei regolamenti e nelle leggi di altre Regioni è già stato fatto – proprio per garantire ai ternani e agli italiani residenti a Terni la priorità nei criteri di assegnazione, che anche la demografia impone.

Nel frattempo, è finalmente chiarissimo (se mai ci fosse stato un dubbio) quale sia il ‘vizio ideologico’ che suscita tante resistenze, nella Malafoglia e i suoi, a far proprio questo criterio di priorità che noi invece invochiamo a gran voce: ce l’ha fatto capire,  per ultimo, ‘Cittaperta TerniDinamica’, nel suo comunicato di solidarietà al vicesindaco. Un comunicato nel quale ci si viene addirittura a dire che ‘gli stranieri esprimono un bisogno abitativo superiore a quello dei cittadini italiani e versano in maggiori difficoltà economiche’. Ecco…: se questa è la percezione dei bisogni della nostra comunità, tutto si spiega…. persino il fatto che la stragrande maggioranza dei ternani, alle ultime elezioni, ha preferito non andare proprio a votare.

Quanto alla ‘pericolosità sociale’ che abbiamo chiesto di ponderare prima di assegnare una casa che appartiene al patrimonio collettivo, a prescindere ovviamente da valutazioni che attengono ad altri organismi ed altre sedi, la cosa è molto semplice: si tratta di valutare l’opportunità o meno (a nostro avviso, assolutamente da escludere) di riservare un alloggio popolare a chi abbia conclamati precedenti penali. In sede di revisione del regolamento comunale in materia (e, se serve, come abbiamo chiesto, anche di quello regionale), inserire un’apposita previsione non è di certo vietato ma anzi quantomai necessario. A meno che la Malafoglia e ‘Cittaperta TerniDinamica’ non vogliano attribuire all’assegnazione di una casa popolare anche una funzione… rieducativa e di reinserimento sociale per ladri recidivi (qual era l’albanese di via Rosselli arrestato nei giorni scorsi insieme agli altri componenti di una pericolosissima banda di connazionali): un compito, questo sì, che spetta ad altri.  E che comunque non è di sicuro alla portata del nostro vicesindaco”.

Il capo gruppo FDI AN
Marco Celestino Cecconi

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: