MENO MALE CHE ERA UN’EMERGENZA! LA VERITA’ SULLO SBLOCCO DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

Luciano Della Vecchia

Luciano Della Vecchia

Nel silenzio assoluto ed assordante dei parlamentari umbri che nei giorni scorsi si sono prodigati nel farsi belli perché, a loro detta, avrebbero contribuito con la loro azione a far sì che il governo sbloccasse i debiti della Pubblica Amministrazione in favore delle imprese, oggi assistiamo ad un ennesimo rinvio, a raccapriccianti rimpalli di responsabilità e all’ipotesi di un decreto che fa acqua da tutte le parti.

Meno male che era un’emergenza, come noi continuiamo a credere, e meno male che fosse un atto dovuto nei confronti delle imprese e dei fornitori, cosa anche questa indiscutibile.

Dopo aver frettolosamente abbandonato l’intenzione di caricare il peso delle coperture finanziare sulle spalle dei lavoratori con l’anticipo degli aumenti dell’addizionale regionale IRPEF, è sconcertante che il decreto ipotizzato dal governo contenga delle contraddizioni gravi e delle serie incongruenze tali da vanificare lo sforzo per rilanciare l’economia, dare ossigeno alle imprese, e restituire credibilità allo Stato e alle sue articolazioni periferiche.

Primo: non è chiaro in che ordine e in quanto tempo i crediti saranno effettivamente conteggiati e saldati. Le stime parlano di quattro mesi almeno, tra mille insidie burocratiche.

Secondo: è gravissimo che il governo, a fronte della possibilità di sforare il patto di stabilità, peraltro autorevolmente smentita da insigni economisti mainstream, preveda la creazione di una sorta di secondo patto di stabilità dai parametri ben più stringenti di quello in vigore. Ciò significherebbe che i Comuni o le Regioni a corto di liquidità che decidano di attingere al fondo per il pagamento dei loro debiti saranno costretti a tirare ancor più la cinghia nei prossimi anni, azzerando definitivamente ogni loro residua capacità di investimento.

Terzo: non sono ancora chiare le priorità con le quali verranno pagati i diversi fornitori. In mancanza di regole precise c’è il rischio concreto che gli enti pubblici attuino scelte discrezionali o dirottino i fondi verso altri scopi. È importante pertanto che le fatture più vecchie vengano pagate per prime affinché si eviti di fare indebiti regali.

Quarto: va fatta anche altrettanta attenzione alle tantissime imprese che, pur creditrici della pubblica amministrazione, sono diventate debitrici delle banche proprio a causa di quei ritardi. In molte cessioni pro-soluto il rischio finanziario di ritardato pagamento rimane a carico dell’impresa, mentre le banche si accollano solo i rischi di controparte. Se le banche non vengono pagate le linee di credito a disposizione delle aziende si restringeranno ulteriormente. I regali alle banche non debbono essere fatti in altri campi come sosteniamo in solitudine, ma quando occorre varare un provvedimento simile occorre sanare ogni criticità.

Infine, l’efficacia di questo decreto sarà tale solo se la pubblica amministrazione, oltre a saldare definitivamente i debiti pregressi, venga messa nelle condizioni di pagare puntualmente quelli futuri. Qui sorge il problema vero, in quanto ad oggi non vi è alcuna volontà riscontrabile in questo governo né in chi tira le fila di questo parlamento di rivedere radicalmente i folli vincoli del patto di stabilità, ovvero della prima causa dell’insolvibilità e dei ritardi accumulati per il pagamento dei debiti dello Stato e degli Enti locali.

Al netto di tutti i sollazzi e di queste misure minime, la questione vera e più dirimente resta dunque il rovesciamento delle politiche di austerità, la vera urgenza del paese e la sua vera priorità per rilanciare l’economia reale e gli investimenti e garantire i servizi della pubblica amministrazione e il welfare.

Su questo chiediamo a tutti i parlamentari umbri di pronunciarsi, a partire dalla rottura del patto di stabilità interno e dal rifiuto del fiscal compact. Senza sciogliere questi nodi, ogni intervento tappabuchi si rivelerà solamente un breve interludio nel continuum inesorabile dell’agonia e del declino economico italiano.

Luciano Della Vecchia – Segretario Regionale PRC Umbria

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: